Parliamo di...

Confermato per la prima volta un sistema che produrrà una kilonova

#01Febbraio  #Astronomiaeastrofisica  #News  #Scienza  #kilonova 
Utilizzando il telescopio SMARTS è stato identificato un sistema stellare che in futuro potrebbe generare una potente esplosione di kilonova.Sistemi di questo tipo sono rarissimi: si stima ne esistano al massimo una decina in tutta la Via Lattea, e questo è il primo confermato.Lo studio aiuterà a comprendere i rari eventi di kilonova, durante i quali vengono sintetizzati gli elementi più pesanti dell’Universo, tra cui argento e oro.Con il telescopio SMARTS da 1.5 metri situato al CTIO (Cerro Tonolo Inter-American Observatory) gestito da NOIRLab, i ricercatori hanno effettuato il primo rilevamento di un sistema stellare che un giorno formerà una...

BepiColombo e Solar Orbiter forniscono nuovi indizi sulla magnetosfera di Venere

#30Gennaio  #Astronomiaeastrofisica  #Esplorazionespaziale  #News  #Scienza 
Nell’agosto 2021 le missioni BepiColombo e Solar Orbiter hanno sorvolato Venere a un solo giorno di distanza l’una dall’altra.I dati congiunti hanno permesso di osservare il pianeta da due diversi punti di vista nello spazio e di ottenere informazioni molto importanti sulla magnetosfera venusiana.Si è scoperto che la magnetosfera, indotta dal vento solare, fornisce una barriera stabile per il pianeta in grado di proteggere l’atmosfera di Venere.Nell’agosto 2021 due diversi veicoli spaziali hanno sorvolato Venere a un solo giorno di distanza l’uno dall’altro. Hanno inviato i dati catalogati quasi contemporaneamente, da otto sensori e due punti di osservazione differenti nello...

Lo strumento NIRISS di Webb è offline

#30Gennaio  #AgenzieSpaziali  #Astronomiaeastrofisica  #ESA  #NASA 
Domenica 15 gennaio, il NIRISS (Near Infrared Imager and Slitless Spectrograph) del James Webb ha subito un ritardo nelle comunicazioni, causando il timeout del suo software di volo.Lo strumento è attualmente ancora offline, e quindi non disponibile per le osservazioni scientifiche, che saranno riprogrammate. La NASA e la Canadian Space Agency (CSA) sono al lavoro per determinare e poi correggere la causa principale del ritardo. Non vi è al momento (29 gennaio) nessuna indicazione di possibili danneggiamenti per l’hardware. Le agenzie spaziali hanno confermato che gli altri strumenti scientifici installati sul telescopio sono tutti in buona salute.Questo non è il...

Tra poche ore ci “saluterà” il quarto asteroide più vicino alla Terra mai scoperto, non perdiamo la diretta!

#25Gennaio  #Astronomia  #asteroidi  #inevidenza  #streaming 
E pensare che è stato scoperto solo tre giorni fa questo piccolo ma vicinissimo asteroide: parliamo di BU 2023, il quarto più vicino alla Terra mai trovato. Una diretta imperdibile per uno spettacolo unico (che non comporterà alcun rischio per noi). Tutti pronti per la notte tra il 26 e il 27 gennaioUScoperto il 21 gennaio, passerà a meno di 10.000 km da noi, la quarta distanza più vicina mai registrata per un asteroide. La diretta del “saluto” di BU 2023 è davvero imperdibile, per uno spettacolo unico (che non comporterà alcun rischio per noi). Occhio allo streaming nella notte...

Incredibile! Astronomi catturano segnale radio ad oltre 8 miliardi di anni luce dalla Terra

#18Gennaio  #Astronomia  #astronomia  #galassie  #misteriuniverso 
Rilevato un segnale radio da record: proviene da una galassia distante oltre 8 miliardi di anni luce dal nostro Pianeta e ha permesso agli scienziati di dare uno sguardo all'universo primordiale. Scopriamo i dettagli di questo rivoluzionario studioSorpresa! Un team internazionale di astronomi è stato in grado di captare un segnale radio lontanissimo, che proviene – udite, udite! – da una galassia distante ben 8,8 miliardi di anni luce dalla Terra. I dettagli di questo interessante evento sono stati riportati in uno studio pubblicato qualche giorno fa sulla prestigiosa rivista Royal Astronomical Society.Si tratta di un vero e proprio record:...

Trovata una coppia di buchi neri fin troppo vicini, al centro di una fusione galattica

#15Gennaio  #Astronomiaeastrofisica  #News  #Scienza  #ALMA 
Utilizzando il radiointerferometro ALMA per studiare una coppia di galassie in fusione, un team di ricerca ha scovato due buchi neri supermassicci che stanno crescendo al centro della galassia emergente.Questa coppia conterrebbe i due buchi neri più vicini tra loro mai osservati in più lunghezze d’onda.Gli scienziati ipotizzano che le coppie di buchi neri supermassicci siano molto più comuni del previsto, cosa che comporterebbe implicazioni significative sui rilevamenti futuri di onde gravitazionali.Grazie ai ricevitori altamente sensibili di ALMA, sfruttati per esaminare la profondità dei nuclei galattici coinvolti nella fusione, è stato possibile rilevare non uno, ma ben due buchi neri...

TESS scopre un altro esopianeta terrestre nella zona abitabile della nana bruna TOI 700

#12Gennaio  #Astronomiaeastrofisica  #News  #Scienza  #Esopianeti 
Grazie alle osservazioni del telescopio spaziale TESS, i ricercatori hanno individuato un nuovo esopianeta nel sistema planetario attorno alla stella nana TOI 700.Questo esopianeta è terrestre, di piccole dimensioni e situato nella zona abitabile, in cui l’acqua può restare in forma liquida.In futuro, per questo sistema planetario sono previste osservazioni di follow-up dallo spazio e dalla Terra.Il telescopio spaziale TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite), grazie a ulteriori osservazioni del sistema planetario formatosi attorno alla stella nana TOI 700, ha permesso l’identificazione di un nuovo esopianeta. Si chiama TOI 700 e ed è un pianeta terrestre situato nella regione abitabile della...

Una nuova indagine di Hubble alla ricerca di stelle orfane e della “luce fantasma”

#09Gennaio  #Astronomiaeastrofisica  #NASA  #News  #Scienza 
Una nuova indagine a infrarossi di Hubble ha mappato 10 ammassi di galassie fino a 10 miliardi di anni fa, cercandone la cosiddetta “luce fantasma”.La luce fantasma è un bagliore di fondo prodotto da stelle orfane, che non appartengono a nessuna galassia e vagano erranti nello spazio intergalattico.I risultati preliminari indicano che queste stelle si sarebbero formate miliardi di anni fa, non di recente, e che potrebbero aiutare a mappare la distribuzione della materia oscura.Il nostro Sole è immerso nell’impero stellare della Via Lattea, ma molte stelle sono invece orfane. Si trovano all’interno di ammassi giganti, contenenti centinaia o migliaia...

Oltre il limite – L’astronomia nell’era dell’intelligenza artificiale

#04Gennaio  #Astronomiaeastrofisica  #Divulgazione  #Leggerelospazio  #News 
Oltre il limite è un libro dell’astrofisico Antonio D’Isanto pubblicato da Scienza Express, dedicato a una delle trasformazioni più importanti che abbia mai vissuto l’astronomia, quasi una rivoluzione: il passaggio dall’astronomia all’astroinformatica. Come ricordato nell’introduzione di questo libro scritta dal prof. Giuseppe Longo, “l’astronomia è la più antica delle scienze, l’unica a essere protetta sin dall’antichità da una Musa”.L’astronomia però non è la stessa dell’antichità, anche se ancora oggi conserva gli scopi e le motivazioni che spingono astronomi, astrofisici e ricercatori a scrutare il cielo da millenni. Non è la stessa perché oltre a essere cambiate alcune delle domande che...

Inizia la costruzione del NEO Surveyor, il futuro cacciatore di asteroidi della NASA

#02Gennaio  #AgenzieSpaziali  #Astronomiaeastrofisica  #Esplorazionespaziale  #NASA 
Il Near Earth Object (NEO) Surveyor è un telescopio spaziale pensato per cercare gli asteroidi e le comete più difficili da trovare, che vagano nelle vicinanze orbitali della Terra. È stato progettato dalla NASA per fornire nuove informazioni e strumenti di difesa planetaria, scoprendo e caratterizzando la maggior parte dei NEO: asteroidi e comete potenzialmente pericolosi entro 48 milioni di chilometri dall’orbita terrestre.NEO Surveyor sarà costituito da un unico strumento scientifico: un telescopio di 50 centimetri di diametro che opera in due lunghezze d’onda infrarosse sensibili al calore. Sarà in grado di rilevare asteroidi oscuri, il tipo più difficile da...

Il 2022 ci saluta con lo splendido “bacio” Luna-Giove, visibile a occhio nudo

#27Dicembre  #Astronomia  #congiunzioni  #giove  #inevidenza 
Ultimo, imperdibile, evento del 2022: il “bacio Luna-Giove ci attende la sera del 29 dicembre, poco prima di salutare l'anno. Congiunzione non rarissima, ma sempre spettacolare, sarà uno spettacolo perfettamente visibile a occhio nudo (tempo permettendo).Luna-Giove (quasi) a fine anno: il 2022 ci saluta con il romantico “bacio” tra il nostro satellite e il Gigante gassoso. Una congiunzione non particolarmente rara, ma sempre splendida, anche perché, se il tempo è clemente, è perfettamente visibile a occhio nudo.Come spiega l’UAI, nella stessa sera del 29 dicembre la Luna al Primo Quarto sarà vicino a Giove nella costellazione dei Pesci. Entrambi gli...

Il Natale del James Webb. Le 10 foto più belle a un anno dal lancio

#25Dicembre  #AgenzieSpaziali  #Astronomiaeastrofisica  #Divulgazione  #ESA 
Un anno fa, il 25 dicembre 2021 alle 13.20 italiane veniva lanciato il telescopio spaziale più complesso, potente e ambizioso mai costruito dall’umanità. Dopo anni di test, assemblamenti, variazioni, incertezze e un budget di poco meno di 12 miliardi di dollari, il James Webb Space Telescope è partito a bordo del razzo Ariane V alla volta dello spazio.Dopo la separazione e le sequenze di dispiegamento delle varie componenti del Webb, il colossale telescopio ha proseguito il suo viaggio verso il punto lagrangiano L2, ad 1.5 milioni di km dalla Terra. Il 12 luglio 2022, dopo sei mesi dalla partenza, abbiamo...

Rilasciate le prime immagini del Sole del satellite cinese ASO-S

#20Dicembre  #Astronomiaeastrofisica  #Cina  #Esplorazionespaziale  #News 
Sono state rilasciate le prime immagini scientifiche del satellite cinese ASO-S, riguardanti alcune caratteristiche del Sole.L’obiettivo primario del satellite è studiare il campo magnetico, i brillamenti e le espulsioni di massa coronale del Sole.Le immagini ora pubbliche dimostrano le ampie capacità di osservazione e la qualità degli strumenti a bordo.Di recente, la Cina ha rilasciato le prime immagini scientifiche di ASO-S (Advanced Space-based Solar Observatory), il satellite cinese che da due mesi sta osservando il Sole dallo spazio, conosciuto anche come Kuafu-1. Gli scatti hanno dimostrato la capacità di osservazione e la qualità degli strumenti a bordo del satellite cinese....

IXPE rivela segreti sulla polarizzazione e le caratteristiche di stelle del tipo “magnetar”

#14Novembre  #AgenzieSpaziali  #Astronomiaeastrofisica  #Fisica  #NASA  #News  #IXPE  #magnetar  #magnetarraggiX  #Nasa  #Stelledineutroni 
Meno di un anno dopo il lancio, le osservazioni di una stella di neutroni da parte dell’Imaging X-ray Polarimetry Explorer (IXPE) di NASA e ASI hanno portato alla conferma di ciò che gli scienziati avevano solo teorizzato in precedenza: le stelle di tipo magnetar hanno campi magnetici ultra forti e sono altamente polarizzate.È Roberto Taverna, ricercatore dell’Università di Padova, ad aver guidato la ricerca che vede come protagonista la magnetar 4U 0142+61, situata nella costellazione di Cassiopea, a circa 13.000 anni luce dalla Terra.Le magnetar sono stelle di neutroni con campi magnetici trilioni di volte più potenti di quelli della...


RSS - Mastodon