Parliamo di...

MotoGP, Dall’Igna detta la linea: Ducati svela le coordinate per il bis

#26Gennaio  #MotoGP 

Contenuto originale di Motori News
La Ducati campione del mondo vuole riconfermarsi anche nella stagione MotoGP 2023. Il d.g. Gigi Dall’Igna detta le coordinate.
All’indomani della presentazione ufficiale dei team MotoGP e SBK 2023, Ducati chiude la lunga fase di celebrazione dei titoli mondiali e guarda avanti puntando al bis. A Madonna di Campiglio si sono vissuti giorni utili per ricaricare le batterie in vista della preseason, preludio al prossimo Mondiale che affronterà con l’intento di ripetersi. “E’ la prima presentazione dopo la stagione meravigliosa dell’anno scorso – ha spiegato Gigi Dall’Igna -. Tutti e due i piloti (Pecco Bagnaia e Alvaro Bautista, ndr) hanno deciso di portare il numero 1 sulla carena e per noi è un grande onore“.
La nuova Ducati Desmosedici non sarà certo molto differente dall’edizione precedente, ma i tecnici di Borgo Panigale hanno il dovere di continuare in modo incessante con lo sviluppo. Il rischio è che la concorrenza possa colmare il gap tecnico in tempi più rapidi del previsto. “Stiamo cercando di evolvere la nostra moto, stando fermi non si va da nessuna parte” ha sottolineato il direttore generale di Ducati Corse a Sky Sport. “Sicuramente gli altri porteranno in campo delle innovazioni, senza fare nulla potremmo avere dei problemi nel corso della stagione“.
Ducati punta al bis con Bagnaia e Bastianini
Una carta vincente sarà quella di azzerare gli errori commessi nella preseason 2022 e nei primi Gran Premi. Il prototipo Ducati non era ancora pronto per dare il meglio di sé e hanno dovuto fare dei passi indietro alla vigilia del Mondiale. “Quello che abbiamo sbagliato di più l’anno scorso è stata la modalità in cui abbiamo selezionato tutto il materiale, pensavamo di aver già fatto un buon lavoro di selezione nella giornata di test a Valencia. Ma non è stato così. Quando ci siamo ritrovati nel test di Sepang abbiamo avuto qualche problema e non avevamo più neanche possibilità di fare un’altra comparativa con il materiale della stagione precedente“.
Stavolta si cambia tattica, la Desmosedici GP23 adotterà cambiamenti più graduali senza creare troppi scompensi. “Quest’anno cambieremo approccio, porteremo in Malesia una moto 2022 e l’edizione evoluta e rifaremo tutte le verifiche fatte a Valencia – ha aggiunto Gigi Dall’Igna -. Solo dopo il test di Sepang decideremo come sviluppare la moto del 2023“. Con un occhio rivolto inevitabilmente alla concorrenza. Fabio Quartararo e Marc Marquez saranno i primi rivali da battere: “Chi ci ha dato fastidio l’anno scorso continuerà a farlo quest’anno. Mi aspetto Quartararo e Yamaha saranno sicuramente protagonisti di questo Mondiale, Marc è sicuramente un pilota che può dare fastidio e lo metto tra quelli che possono fare male. Aprilia ha fatto un bel passo avanti l’anno scorso e se ne farà un altro simile potrebbe essere della partita“.
Nel box ci saranno due frecce pronte a scoccare verso il titolo MotoGP: il campione in carica Pecco Bagnaia e il neo arrivato Enea Bastianini, reduce da un 2022 straordinario e oltre ogni aspettativa (3° posto in classifica finale). “Mi aspetto che entrambi vorranno vincere e che in pista saranno sicuramente molto aggressivi, come abbiamo visto nella stagione passata. Mi aspetto anche una collaborazione nel box per cercare di avere a disposizione il miglior materiale possibile. Non ci sono solo loro due, ci sono anche gli altri – ha concluso l’ingegnere veneto -. In quest’ottica spero siano intelligenti al punto di aiutarsi per trovare le migliori soluzioni che consentano di giocarsi la vittoria finale“.


RSS - Mastodon