Parliamo di...

Sbloccare le funzioni nascoste di una fotocamera insolita

#26Gennaio  #digitalcamerashacks  #disassembler  #lightfield  #lytro 

Contenuto originale di Hackaday
Nel 2012, i siti web di tecnologia erano in fermento con la notizia della Lytro: una fotocamera che avrebbe rivoluzionato la fotografia grazie alla sua innovativa tecnologia del campo luminoso. Una serie di microlenti davanti al sensore consente di acquisire un'immagine 3D di una scena da un punto, consentendo all'utente di estrarre informazioni sulla profondità e di modificare la messa a fuoco di un'immagine anche dopo averla catturata.
Tuttavia, la tecnologia si rivelò un fallimento commerciale e l'azienda svanì nell'oscurità. Le fotocamere Lytro ora possono essere acquistate per soli $ 20 sul mercato dell'usato, come [ea] ha scoperto quando ha iniziato a studiare la fotografia in campo luminoso. Funzionano ancora bene come sempre, ma poiché il software per PC in dotazione sta decisamente iniziando a mostrare la sua età, [ea] ha deciso di decodificare il firmware della fotocamera in modo da poter scrivere la propria applicazione.
[ea] ha iniziato esaminando l'hardware della fotocamera. La CPU principale si è rivelata essere un processore MIPS simile a quelli utilizzati in vari dispositivi fotografici economici, accanto a quello che sembrava un socket disabitato per una porta seriale e una serie di punti di test JTAG. La porta seriale stava inviando una sequenza di avvio e un prompt dei comandi, ma non sembrava rispondere a nessun input.
Scavando più a fondo, [ea] ha iniziato a smontare il firmware della fotocamera. Riuscì a trovare un elenco di comandi come "scatta foto", "elimina", "riavvia" e così via che erano chiaramente mappati a funzioni note della fotocamera, oltre ad alcune funzioni non documentate. L'interprete dei comandi sembrava anche controllare una certa stringa di input, generata passando il numero di serie della fotocamera insieme alla parola "per favore" attraverso una funzione hash SHA-1 - questa si è rivelata essere la parola chiave per sbloccare l'interfaccia seriale.
Ora in grado di inviare comandi direttamente alla CPU della fotocamera, [ea] ha scritto una libreria Python e una serie di strumenti per azionare la fotocamera da remoto e ha abilitato diverse nuove funzionalità. Lytro può ora funzionare come una webcam, ad esempio, o essere azionato da remoto con il pieno controllo dei suoi meccanismi di zoom e messa a fuoco. È possibile accedere a tutte queste funzioni tramite l'interfaccia WiFi integrata, quindi non è necessario saldare i cavi alla porta seriale della CPU.
Con le funzioni di basso livello ora allo scoperto, siamo curiosi di vedere quale potenziale nascosto c'è ancora nella tecnologia di Lytro. Forse queste fotocamere possono essere riproposte per realizzare sistemi di acquisizione 3D più avanzati, simili alla ricerca presentata da Google nel 2018. Se hai bisogno di un primer sulla tecnologia del campo luminoso, dai un'occhiata alla presentazione di Alex Hornstein dal Supercon 2018.


RSS - Mastodon