Parliamo di...

Google, perché gli Stati Uniti hanno fatto causa

#26Gennaio  #Economia  #Google  #Regole  #StatiUniti 

Contenuto originale di Wired Italia
Google deterrebbe un monopolio illegale sul mercato della pubblicità online. Con questa accusa, il Dipartimento di giustizia e otto stati statunitensi hanno intentato una causa contro la società di Mountain View, proponendo peraltro una separazione netta tra le attività aziendali che riguardano tale settore e tutte le altre, perseguibile attraverso la cessione da parte del colosso dei prodotti tecnologici utilizzati per le prime.
Google, che attraverso i propri servizi di promozione per le aziende incassa più dell’80% dei propri ricavi, “ha utilizzato - osserva il procuratore generale Merrick B. Garland - comportamenti anticoncorrenziali, esclusivi e illegali per eliminare o ridurre drasticamente qualsiasi minaccia al suo dominio sulle tecnologie pubblicitarie digitali”.
In particolare, “per 15 anni - prosegue - Google ha perseguito una condotta che le ha consentito di arrestare l'ascesa di tecnologie rivali, manipolare i meccanismi delle aste per isolarsi dalla concorrenza e costringere inserzionisti ed editori a utilizzare i suoi strumenti”.
La causa, che potrebbe approdare in tribunale nel prossimo settembre, non è la prima nei confronti della big tech californiana. Già nel 2020 il dipartimento aveva infatti denunciato la società con l’accusa di aver cercato di proteggere illegalmente la propria posizione monopolistica nel mercato dei motori di ricerca online.
Quella del Dipartimento di giustizia, secondo il vicepresidente per la pubblicità globale di Google Dan Taylor, “un'argomentazione errata, che rallenterebbe l'innovazione, aumenterebbe le tariffe pubblicitarie e renderebbe più difficile la crescita di migliaia di piccole imprese ed editori”.
“Il dipartimento - prosegue Taylor - ci chiede di liquidare due acquisizioni che sono state esaminate dalle autorità di regolamentazione statunitensi 12 anni fa (AdMeld) e 15 anni fa (DoubleClick)” e “da allora, la concorrenza in questo settore è solo aumentata”. Il dipartimento starebbe quindi “tentando di riscrivere la storia a spese di editori, inserzionisti e utenti di Internet”.
“L'attuale amministrazione - aggiunge il dirigente - ha sottolineato il valore dell'applicazione dell'antitrust nella riduzione dei prezzi e nell'ampliamento della scelta per il popolo americano. Siamo d'accordo. Ma questa causa avrebbe l'effetto opposto, rendendo più difficile per Google offrire strumenti pubblicitari efficienti”.


RSS - Mastodon