Parliamo di...

Ipertensione arteriosa polmonare, nuova terapia con molecole al San Gerardo

#25Gennaio  #BUONOASAPERSI  #FabrizioLuppi  #GiuseppePaciocco  #ipertensionearteriosapolmonare 

Contenuto originale di Il Notiziario
Una nuova frontiera e una nuova terapia per curare l’ipertensione arteriosa polmonare, attraverso una ricerca che si basa su l’utilizzo di nuove molecole: è quel che sta avvenendo all’Irccs San Gerardo di Monza.
Ipertensione polmonare, la nuova terapia al San Gerardo
Un servizio di assistenza ad alta specialità clinica associata alla più avanzata ricerca farmacologica in campo di nuove terapie per la cura dell’Ipertensione polmonare, l’eccessiva pressione arteriosa polmonare. L’Unità operativa complessa di Pneumologia, diretta dal professor Fabrizio Luppi, con l’aiuto del Centro Studi di Fase I di Marina Elena Cazzaniga, sta portando avanti sei studi clinici sul ruolo di nuove molecole per il trattamento sia delle forme vascolari sia delle forme secondarie a patologie croniche respiratorie di Ipertensione polmonare, sotto la guida di Giuseppe Paciocco, specialista in Pneumologia e Cardiologia.
In particolare, è appena iniziato l’arruolamento per lo studio del farmaco sotatercept, progettato per
riequilibrare la funzione del Bmpr2 (gene implicato nella proliferazione cellulare della parete
vascolare polmonare), driver molecolare chiave della Ipertensione arteriosa polmonare,
condizionante costrizione delle arterie polmonari e da un’elevata pressione sanguigna nella
circolazione polmonare. Inoltre, il farmaco è stato sviluppato per ripristinare l’equilibrio tra
segnali pro-proliferativi e antiproliferativi associati con il rimodellamento della parete delle
arterie polmonari e del ventricolo destro.
Ipertensione polmonare, cos’è: il punto della ricerca
“L’ipertensione polmonare – spiega il dottor Paciocco – è una patologia piuttosto rara che
colpisce il circolo polmonare sia in forma prettamente vascolare (forme arteriose idiopatiche
o associate a connettivopatie o epatopatie, forme secondarie ad embolia polmonare) sia in
forme secondarie che complicano le fasi avanzate delle patologie croniche polmonari
(broncopneumopatia cronica ostruttiva con o senza enfisema polmonare, polmoniti
interstiziali, apnee del sonno), condizionando negativamente la prognosi dei pazienti colpiti. Mentre negli anni Ottanta e Novanta tale interessamento vascolare polmonare non prevedeva
alcun trattamento specifico per mancanza di ricerca farmacologica specifica, attualmente
sono presenti in Italia circa 10 farmaci specifici utili per curare l’aumento pressorio nel circolo
polmonare, migliorando significativamente la prognosi dei soggetti colpiti”.
Da 12 anni è attivo all’Ospedale San Gerardo un Gruppo di studio multidisciplinare dedicato
allo studio dell’ipertensione polmonare composto da specialisti pneumologi (diretti da Fabrizio Luppi), cardiologi (diretti da Maddalena Lettino) e reumatologi (diretti da Maria Rosa Pozzi e Carlo Alberto Scirè) con competenze specifiche sulla patologia vascolare polmonare. Il gruppo multidisciplinare è al momento coordinato Giuseppe Paciocco, da 25 anni dedicato alla diagnosi e terapia di tutte le forme di ipertensione polmonare.
A Monza la cura dell’ipertensione polmonare e il gruppo multidisciplinare
“Il gruppo multidisciplinare – sottolinea il professor Luppi – ha messo a punto un piano diagnostico
terapeutico che offre ai pazienti e agli operatori sanitari un punto di riferimento stabile,
consentendo anche di ottimizzare l’utilizzo delle risorse in questo campo di attività. La presa
in carico del paziente viene assicurata da un team multiprofessionale composto da
cardiologo, pneumologo, radiologo, reumatologo, che in caso di necessità intervengono
nelle varie fasi della diagnosi e del follow-up”.
“I pazienti sono indirizzati ad un ambulatorio dedicato alla individuazione dell’Ipertensione Polmonare dove verranno sottoposti a tutti gli esami necessari con un iter facilitato e, in caso di conferma del sospetto diagnostico, inizieranno precocemente un regime terapeutico adeguato. Inoltre, tutti i pazienti affetti da ipertensione polmonare che iniziano il percorso terapeutico hanno a disposizione una linea telefonica dedicata, attiva dalle 8 alle 20 di tutti i giorni dell’anno ai cui rispondono specialisti del settore per risolvere nel più breve tempo possibile i quesiti e dubbi che insorgono nella vita quotidiana degli stessi”.
Redazione web
Leggi ilNotiziario anche da pc, smartphone e tablet. Clicca qui per la nostra edicola digitale


RSS - Mastodon