Parliamo di...

Cnn, Vox, Washington Post. Tutti i licenziamenti nei media americani

#25Gennaio  #Tecnologia 

Contenuto originale di giornalisti.net
Dopo la Cnn, i licenziamenti di massa hanno colpito Vox, Buzzfeed, Washington Post e altri giganti dei media statunitensi. Ecco i dettagli
L’inverno è arrivato con una bufera di licenziamenti per i media americani.
Dopo che la Cnn ha licenziato alcuni dipendenti lo scorso dicembre, ora i licenziamenti hanno colpito Vox Media, Buzzfeed, il Washington Post e altri, come rivela un rapporto di Afp.
Gannett, un colosso che possiede dozzine di media locali insieme a USA Today, ha iniziato il suo ultimo round di licenziamenti giovedì, rivela FoxBusiness. Lo sforzo di riduzione dei costi ha avuto un impatto su circa il 6% della forza lavoro giornalistica dell’azienda di circa 3.440 dipendenti.
Venerdì Vox Media, proprietaria dei siti Vox, The Verge, SBNation e dal 2019 del prestigioso New York Magazine, ha inviato una mail ai dipendenti firmata dall’editore Jim Bankoff, che annunciava “la difficile decisione di rimuovere circa Il 7% del nostro personale in tutti i reparti”, inclusa la redazione, “a causa di un difficile contesto economico”. Nell’azienda lavorano circa 1.900 persone, il che significa che saranno coinvolti circa 133 ruoli.
Se i licenziamenti delle testate giornalistiche non hanno la portata degli annunci dei grandi gruppi tech come Google (tagliati 12mila posti di lavoro), anche i media americani risentono “del calo degli introiti pubblicitari e del rallentamento dell’economia”, spiega all’Afp Chris Roush, professore di giornalismo e preside della scuola di comunicazione della Quinnipiac University (Connecticut). “Molti di loro sono cresciuti e si sono espansi nella speranza di far crescere il loro pubblico fino a un certo livello. Ciò non è accaduto ed è improbabile che accada dato il contesto economico”, ha aggiunto Rousch.
Tutti i dettagli.
I LICENZIAMENTI PARTITI DA VOX MEDIA
“Nonostante la dedizione delle molte persone di talento coinvolte in queste iniziative, dobbiamo ridimensionare”, è quanto spiega il ceo di Vox Media, Jim Bankoff, in un promemoria inviato internamente visionato da Axios. Bankoff ha affermato che diversi team di entrate, editoriali, operazioni e servizi di base sarebbero stati influenzati dai tagli.
Si tratta del terzo round di tagli effettuati a Vox Media nell’ultimo anno, spiega Axios.
La società ha licenziato 39 posizioni lo scorso luglio nel tentativo di anticipare l’incertezza economica che sta causando il rallentamento del mercato pubblicitario.
Ha licenziato il 3% dei dipendenti a seguito del completamento della fusione con Group Nine Media lo scorso marzo.
Vox Media ha risposto ad Afp che il gruppo ha offerto “pacchetti di fine rapporto competitivi”, comprese settimane aggiuntive di indennità in caso di imminente congedo parentale.
I TAGLI ALLA CNN…
Alla Cnn i licenziamenti totali a dicembre avrebbero raggiunto diverse centinaia di dipendenti secondo i media americani (su oltre 4.000), cifre non confermate comunque dalla società. I tagli derivano dalla riorganizzazione dopo la fusione tra WarnerMedia (CNN, HBO Max) e Discovery, che ha formato il gigante dei media e dello streaming Warner Bros. Discovery.
Ad aprile il gruppo aveva abbandonato il suo servizio di streaming a pagamento CNN+, solo un mese dopo il suo lancio.
Con gli spettatori e gli abbonati via cavo a pagamento in calo da anni e la concorrenza di piattaforme come Netflix, “è una lotta costante per queste aziende tenere duro”, ha commentato Naveen Sarma, direttore dei media e delle telecomunicazioni statunitensi presso S&P Global.
…E QUELLI IN BUZZFEED
Inoltre, i rapporti stampa indicano che i licenziamenti di Buzzfeed dovrebbero avere un impatto anche su circa il 12% dei dipendenti nei team di vendita, tecnologia, produzione e contenuti mira.
RIDOTTI I GIORNALISTI NELLE REDAZIONI AMERICANE
L’occupazione in redazione ha subito un lungo calo negli Stati Uniti, passando da 114.000 a 85.000 giornalisti tra il 2008 e il 2020, secondo uno studio del Pew Research Center nel 2021. Con un calo più marcato nella stampa locale.
LA PROSSIMA SFORBICIATA DEL WASHINGTON POST
Inoltre, si teme un annuncio anche al Washington Post, dove l’editore Fred Ryan ha avvertito a metà dicembre che i tagli di posti di lavoro avrebbero avuto luogo durante il primo trimestre del 2023, rappresentando “una percentuale a una cifra” dei 2.500 dipendenti, ma senza “netto ridimensionamento”.
Il quotidiano acquistato nel 2013 dal miliardario fondatore di Amazon Jeff Bezos aveva già reso noto lo scorso dicembre che avrebbe terminato la stampa del supplemento Sunday magazine, vincitore di due premi Pulitzer nel 2008 e nel 2010. Il numero uscito il 25 dicembre 2022 è stato l’ultimo.
In una dichiarazione dello scorso dicembre alla Cnn, Kathy Baird, responsabile delle comunicazioni di The Post, aveva confermato la notizia dei tagli incombenti, affermando che il giornale “si sta evolvendo e trasformando per mettere la nostra attività nella posizione migliore per la crescita futura”.
Sebbene il Washington Post non abbia confermato un numero definito di dipendenti da licenziare, alcuni rapporti suggeriscono che si attendono aggiornamenti ufficiali questo mese.
COLPITE ANCHE LE RETI TELEVISIVE
Infine, anche alcune reti televisive stanno pianificando misure di riduzione dei costi durante l’inverno. NBCUniversal, la società madre di NBC News e MSNBC, ha licenziato circa 75 dipendenti a gennaio, secondo un rapporto della Cnn. Allo stesso modo, la società madre di ABC News, The Walt Disney Company, sta pianificando tagli sotto la guida di Bob Iger, che è recentemente tornato come amministratore delegato della società.


RSS - Mastodon