Parliamo di...

California sconvolta da micidiali sparatorie di massa consecutive - Reuters

#24Gennaio  #angeles  #shootings  #staggered 

Contenuto originale di Top stories - Google News
MONTEREY PARK, California, 24 gennaio (Reuters) - Appena due giorni dopo che un uomo armato ha ucciso 11 persone in uno studio di danza nell'area di Los Angeles, altre sette vittime sono state uccise in una zona agricola vicino a San Francisco, mentre la California ha subito uno dei suoi le più sanguinose ondate di violenza armata di massa degli ultimi decenni.
Le autorità hanno affermato di non aver identificato il motivo di nessuna delle furie, che sembravano particolarmente sconcertanti in parte perché i sospetti in ciascuna di esse erano uomini in età pensionabile, molto più anziani di quanto sia tipico degli autori di micidiali sparatorie di massa che sono diventate una routine paralizzante negli Stati Uniti. Stati.
Il governatore della California Gavin Newsom ha detto che stava visitando i sopravvissuti feriti dal massacro di sabato notte nel sobborgo di Monterey Park a Los Angeles quando è stato informato degli omicidi di lunedì nel nord della California.
"Tragedia su tragedia", ha scritto Newsom su Twitter.
Altrimenti, le sparatorie consecutive sembravano avere poco in comune.
L'ultimo spasmo di carneficina ha colpito la città costiera di Half Moon Bay, a circa 30 miglia a sud di San Francisco, dove un uomo armato ha aperto il fuoco su gruppi di lavoratori agricoli in due località a circa un miglio di distanza, provocando un totale di sette morti e uno gravemente ferito, poi fuggì.
L'uomo armato accusato, identificato come Chunli Zhao, 67 anni, è stato preso in custodia poco tempo dopo dopo essere stato trovato seduto nel suo veicolo, parcheggiato fuori dalla stazione dello sceriffo, dove le autorità hanno affermato di ritenere che fosse venuto per costituirsi.
Una pistola semiautomatica è stata trovata nella sua auto, ha detto lo sceriffo della contea di San Mateo Christina Corpus in una conferenza stampa serale.
Corpus ha detto che il sospetto, che stava "collaborando pienamente" con gli investigatori dopo il suo arresto, aveva lavorato su una delle due scene del crimine. Ha descritto i siti come "vivai" agricoli, dove vivevano anche alcuni dei lavoratori. I media locali hanno riferito che un sito era una fattoria di funghi.
In un altro incidente nella zona della baia di lunedì sera che ha attirato molta meno attenzione, una persona è stata uccisa e sette ferite in una "sparatoria tra più individui" a Oakland, ha riferito la polizia, in circostanze che suggeriscono un caso di violenza di gruppo. La polizia ha fornito pochi dettagli, ma ha affermato che le vittime sopravvissute si erano tutte portate negli ospedali della zona.
La notizia del massacro di Half Moon Bay è emersa mentre la polizia lavorava per un secondo giorno intero di indagini sulla sparatoria allo Star Ballroom Dance Studio di Monterey Park, appena ad est del centro di Los Angeles, dove un uomo armato ha sparato a 11 persone a morte. Altri nove sono rimasti feriti.
Le autorità hanno detto che il sospetto, Huu Can Tran, 72 anni, ha guidato vicino a una città adiacente e ha fatto irruzione in una seconda sala da ballo, ma è stato affrontato dall'operatore del club, che ha strappato via l'arma durante una breve colluttazione.
Tran, lui stesso un mecenate di lunga data della Star Ballroom, che si rivolge principalmente agli appassionati di danza più anziani, è fuggito di nuovo ed è scomparso durante la notte.
Si è sparato a morte nel suo veicolo di fuga parcheggiato, un furgone, domenica mattina, circa 12 ore dopo la sua furia, mentre la polizia lo circondava nella città di Torrance, a sud di Los Angeles, hanno detto le autorità.
RECORD LETALE
La violenza di sabato si è svolta nel bel mezzo di una celebrazione del capodanno lunare cinese a Monterey Park, un fulcro della comunità asiatico-americana nel sud della California, suscitando inizialmente preoccupazioni che l'attacco potesse essere stato motivato dal punto di vista razziale. La seconda giornata dell'evento è stata annullata.
Si è classificata come la sparatoria di massa più mortale mai avvenuta nella contea di Los Angeles, secondo Hilda Solis, membro del consiglio dei supervisori della contea.
In confronto, il massacro di 21 persone del 1984 in un ristorante McDonald's a San Diego rappresenta la più grande perdita di vite umane mai registrata in California per un singolo incidente di sparatoria.
Quattordici persone sono state uccise a San Bernardino, a est della contea di Los Angeles, nel 2015, da una coppia sposata che le autorità hanno descritto come estremisti ispirati da gruppi terroristici stranieri. Sono stati uccisi ore dopo in una sparatoria con la polizia.
Le due ultime sparatorie sono state degne di nota anche per l'età dei sospetti, uno sulla sessantina, l'altro sui settanta.
Un database di 185 sparatorie di massa tra il 1966 e il 2022 gestito dall'organizzazione no profit Violence Project ne include solo una eseguita da qualcuno di 70 anni o più: un minatore in pensione che ha ucciso cinque persone in Kentucky nel 1981.
Attestando la potenza di fuoco scatenata nella sala da ballo di Monterey Park, gli investigatori hanno raccolto 42 bossoli di proiettile e un caricatore di munizioni di grande capacità dalla scena, ha detto lunedì ai giornalisti lo sceriffo della contea di Los Angeles Robert Luna.
Ha detto che una perquisizione della casa mobile del sospetto in una comunità per anziani recintata nella città di Hemet, 80 miglia a est di Los Angeles, ha portato alla luce un fucile, dispositivi elettronici e oggetti "che ci portano a credere che il sospetto stesse fabbricando in casa". silenziatori per armi. La polizia ha anche sequestrato centinaia di munizioni dall'abitazione e una pistola dal veicolo del sospetto.
Il capo della polizia di Monterey Park, Scott Wiese, ha affermato che gli investigatori stanno esaminando rapporti non confermati secondo cui la violenza potrebbe essere stata scatenata da gelosia o problemi di relazione.
Adam Hood, che ha affittato una casa da Tran nella zona di Los Angeles, ha detto a Reuters che al suo padrone di casa piaceva ballare liscio ed era un frequentatore abituale dello Star Ballroom, anche se si lamentava che gli altri stavano parlando alle sue spalle.
"Era diffidente nei confronti delle persone in studio, arrabbiato e diffidente. Penso che ne avesse avuto abbastanza", ha detto Hood.
Reportage di Tim Reid a Monterey Park e Daniel Trotta a Carlsbad, in California; Scrittura e rapporti aggiuntivi di Steve Gorman a Los Angeles; Segnalazioni aggiuntive di Rich McKay, Gabriella Borter, Brendan O'Brien, Brad Brooks, Jonathan Allen, Joseph Axe, Dan Whitcomb e Timothy Gardner; Montaggio di Simon Cameron-Moore
I nostri standard: i Thomson Reuters Trust Principles.


RSS - Mastodon