Parliamo di...

Spotify taglia il 6% della sua forza lavoro - leggi il promemoria che il CEO Daniel Ek ha inviato allo staff

#23Gennaio  #revenue 

Contenuto originale di US Top News and Analysis
Ek ha detto nella nota ai dipendenti che si assume "la piena responsabilità per le mosse che ci hanno portato qui oggi".
"Con il senno di poi, ero troppo ambizioso nell'investire prima della nostra crescita dei ricavi. E per questo motivo, oggi, stiamo riducendo la nostra base di dipendenti di circa il 6% in tutta l'azienda".
"Come molti altri leader, speravo di sostenere i forti venti favorevoli della pandemia e credevo che il nostro ampio business globale e il minor rischio per l'impatto di un rallentamento degli annunci ci avrebbero isolati", ha affermato Ek.
Le conversazioni individuali con i dipendenti interessati inizieranno nelle prossime ore, ha scritto Daniel Ek, CEO di Spotify, nella nota, che è stata pubblicata pubblicamente sul sito Web dell'azienda.
Spotify, che ha sede in Svezia ma è quotata alla Borsa di New York, lunedì ha inviato una nota interna allo staff annunciando i licenziamenti.
Spotify ha una forza lavoro totale di circa 9.800 persone, il che significa che i tagli hanno un impatto su circa 600 dipendenti. Secondo il suo profilo LinkedIn, l'azienda impiega 5.400 persone negli Stati Uniti e 1.900 in Svezia.
Spotify ha annunciato lunedì che sta tagliando il 6% della sua forza lavoro globale poiché la società di streaming musicale deve affrontare un cupo contesto economico che ha visto sia i consumatori che gli inserzionisti limitare le proprie spese.
I dipendenti licenziati riceveranno una media di cinque mesi di licenziamento e una copertura sanitaria continua, ha affermato Ek. Il sostegno all'immigrazione sarà disponibile anche per i lavoratori il cui stato di immigrazione è collegato al loro impiego.
La società ha avvertito in una dichiarazione della Securities and Exchange Commission che le indennità di licenziamento porterebbero a circa 35 milioni di euro (38 milioni di dollari) a 45 milioni di euro di oneri relativi al licenziamento.
Anche Dawn Ostroff, responsabile dei contenuti di Spotify, lascia l'azienda. Ostroff, ex presidente di Conde Nast Entertainment, è entrato a far parte di Spotify nel 2018 per aiutare l'azienda a far crescere le sue attività pubblicitarie e di podcasting alle prime armi.
Durante la sua permanenza a Spotify, Ostroff ha ingaggiato la società di produzione Higher Ground Productions di Barack e Michelle Obama per far lavorare l'ex presidente degli Stati Uniti e first lady su podcast esclusivi per Spotify. Ha anche guidato l'accordo per ottenere i diritti esclusivi per lo spettacolo di Joe Rogan ed è stata responsabile della negoziazione di accordi di podcast esclusivi con Kim Kardashian, il principe Harry e Meghan Markle.
"Grazie ai suoi sforzi, Spotify ha aumentato i contenuti del nostro podcast di 40 volte, ha portato a un'innovazione significativa nel mezzo ed è diventato il principale servizio di musica e podcast in molti mercati", ha affermato Ek nella nota lunedì.
Venerdì, Google è diventato l'ultimo grande nome tecnologico ad annunciare licenziamenti, dicendo che prevede di tagliare 12.000 dipendenti. Microsoft e Amazon, nel frattempo, hanno anche annunciato licenziamenti.
Le aziende tecnologiche hanno dovuto affrontare una resa dei conti nel 2022 poiché gli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve statunitense hanno reso le azioni una scommessa meno attraente per gli investitori.
A ottobre, Spotify ha riportato che le entrate complessive del terzo trimestre sono cresciute del 21% a 3 miliardi di euro, guidate dalla crescita degli abbonati a pagamento, mentre le entrate supportate dalla pubblicità sono aumentate del 19% a 385 milioni di euro grazie alla spinta del podcasting. Le perdite sono triplicate a 228 milioni di euro, che la società ha attribuito alla crescita dell'organico e all'aumento dei costi pubblicitari per le iniziative di crescita.
Ecco il promemoria completo che Ek ha inviato allo staff di Spotify:
Squadra,
Come diciamo nel nostro Band Manifesto, il cambiamento è l'unica costante. Per questo continuo a ribadire che la velocità è la strategia più difendibile che un'azienda possa avere. Ma la velocità da sola non basta. Dobbiamo anche operare con efficienza. Sono queste due cose insieme che alimenteranno il nostro successo a lungo termine. Con questo in mente, ho alcune notizie importanti da condividere oggi.
Sebbene negli ultimi anni abbiamo fatto grandi progressi nel migliorare la velocità, non ci siamo concentrati tanto sul miglioramento dell'efficienza. Passiamo ancora troppo tempo a sincronizzarci su strategie leggermente diverse, il che ci rallenta. E in un contesto economico difficile, l'efficienza assume un'importanza maggiore. Quindi, nel tentativo di aumentare l'efficienza, controllare i costi e accelerare il processo decisionale, ho deciso di ristrutturare la nostra organizzazione.
Per iniziare, stiamo cambiando radicalmente il modo in cui operiamo al vertice. Per fare questo, centralizzerò la maggior parte del nostro lavoro di ingegneria e prodotto sotto Gustav come Chief Product Officer e le aree di business sotto Alex come Chief Business Officer. Sono felice di poter dire che Gustav e Alex, che lavorano con Spotify da molto tempo e hanno svolto un ottimo lavoro, guideranno questi team come copresidenti, aiutandomi efficacemente a gestire l'azienda giorno per giorno. Ti diranno di più su cosa significhi nei prossimi giorni, ma sono fiducioso che con la loro leadership saremo in grado di ottenere grandi risultati per Spotify.
Personalmente, questi cambiamenti mi permetteranno di tornare alla parte in cui svolgo il mio lavoro migliore, dedicando più tempo al futuro di Spotify, e non vedo l'ora di condividere di più su tutte le cose che abbiamo in arrivo.
Come parte di questo cambiamento, Dawn Ostroff ha deciso di lasciare Spotify. Dawn ha lasciato un segno straordinario non solo su Spotify, ma sull'industria audio in generale. Grazie ai suoi sforzi, Spotify ha aumentato di 40 volte i contenuti dei nostri podcast, ha promosso una significativa innovazione nel mezzo ed è diventato il principale servizio di musica e podcast in molti mercati. Questi investimenti nell'audio hanno offerto nuove opportunità per i creatori di musica e podcast e hanno anche suscitato un nuovo interesse per il potenziale della pubblicità audio di Spotify. Grazie al suo lavoro, Spotify è stata in grado di innovare il formato stesso degli annunci e di raddoppiare le entrate della nostra attività pubblicitaria fino a 1,5 miliardi di euro. Le siamo enormemente grati per il ruolo fondamentale che ha svolto e le auguriamo tanto successo. A breve termine, Dawn assumerà il ruolo di consulente senior per contribuire a facilitare questa transizione. Alex si assumerà la responsabilità del contenuto, della pubblicità e del lavoro sulle licenze in futuro e ne sentirete parlare di più.
La necessità di diventare più efficienti
Questo mi porta al secondo aggiornamento. Come parte di questo sforzo, e per allineare maggiormente i nostri costi, abbiamo preso la difficile ma necessaria decisione di ridurre il nostro numero di dipendenti.
Nelle prossime ore si svolgeranno conversazioni individuali con tutti i dipendenti interessati. E mentre credo che questa decisione sia giusta per Spotify, capisco che con la nostra storica attenzione alla crescita, molti di voi lo vedranno come un cambiamento nella nostra cultura. Ma man mano che ci evolviamo e cresciamo come azienda, anche il nostro modo di lavorare deve restare fedele ai nostri valori fondamentali.
Per offrire una prospettiva sul motivo per cui stiamo prendendo questa decisione, nel 2022, la crescita dell'OPEX di Spotify ha superato di 2 volte la nostra crescita dei ricavi. Sarebbe stato insostenibile a lungo termine in qualsiasi clima, ma con un ambiente macro sfidante, sarebbe ancora più difficile colmare il divario. Come ben sapete, negli ultimi mesi abbiamo fatto uno sforzo notevole per contenere i costi, ma semplicemente non è bastato. Quindi, anche se è chiaro che questo percorso è quello giusto per Spotify, non lo rende affatto più facile, soprattutto se pensiamo ai numerosi contributi che questi colleghi hanno dato.
Come molti altri leader, speravo di sostenere i forti venti favorevoli della pandemia e credevo che il nostro ampio business globale e il minor rischio per l'impatto di un rallentamento degli annunci ci avrebbero isolati. Col senno di poi, ero troppo ambizioso nell'investire prima della crescita dei nostri ricavi. E per questo motivo, oggi, stiamo riducendo la nostra base di dipendenti di circa il 6% in tutta l'azienda. Mi assumo la piena responsabilità per le mosse che ci hanno portato qui oggi.
Il mio obiettivo ora è garantire che ogni dipendente sia trattato in modo equo quando se ne va. Mentre Katarina fornirà maggiori dettagli su tutte le specifiche relative ai modi in cui ci impegniamo a supportare questi talentuosi compagni di band, quanto segue si applicherà a tutti i dipendenti interessati:
Indennità di licenziamento: inizieremo con una linea di base per tutti i dipendenti con il dipendente medio che riceve circa 5 mesi di licenziamento. Questo sarà calcolato in base ai requisiti del periodo di preavviso locale e al mandato del dipendente.
PTO: tutte le ferie maturate e non utilizzate saranno pagate a qualsiasi dipendente in partenza.
Assistenza sanitaria: continueremo a coprire l'assistenza sanitaria per i dipendenti durante il periodo di licenziamento.
Supporto all'immigrazione: per i dipendenti il ​​cui stato di immigrazione è collegato al loro impiego, gli HRBP stanno lavorando con ogni individuo interessato in concerto con il nostro team di mobilità.
Supporto alla carriera: tutti i dipendenti avranno diritto ai servizi di ricollocamento per 2 mesi.
Qual è il prossimo
Sotto quasi tutti gli aspetti, abbiamo realizzato ciò che ci eravamo prefissati di fare nel 2022 e la nostra attività complessiva continua a funzionare bene. Ma il 2023 segna un nuovo capitolo. Sono convinto che, grazie a queste difficili decisioni, saremo in una posizione migliore per il futuro. Abbiamo obiettivi ambiziosi e nulla è cambiato nel nostro impegno per raggiungerli.
Abbiamo fatto molta strada nei nostri sforzi per creare una piattaforma completa per i creatori di tutti i livelli, ma c'è ancora molto da fare. Per diventare veramente la destinazione di riferimento per i creatori, dobbiamo continuare a migliorare i nostri strumenti e la nostra tecnologia, esplorare nuovi modi per aiutare i creatori a interagire con il loro pubblico, far crescere la loro carriera e monetizzare il loro lavoro.
Infatti, osservando la nostra tabella di marcia, con i cambiamenti che stiamo apportando e ciò che abbiamo pianificato di condividere al nostro prossimo evento Stream On, sono fiducioso che il 2023 sarà un anno in cui consumatori e creatori vedranno un flusso costante di innovazioni a differenza qualsiasi cosa abbiamo introdotto negli ultimi anni. Condividerò di più su questi entusiasmanti sviluppi nelle prossime settimane.
Infine, spero che domani ti unirai a me per Unplugged.
E ancora, per quelli di voi che se ne vanno, vi ringrazio per tutto quello che avete fatto per Spotify e vi auguro ogni futuro successo.
– Daniele
-------
— Ashley Capoot della CNBC ha contribuito a questo rapporto.


RSS - Mastodon