Parliamo di...

I rappresentanti Adam Schiff e Jim Jordan hanno ucciso la riforma della sorveglianza di massa nel 2020. Lo faranno di nuovo?

#23Gennaio  #NationalSecurity  #Politics 

Contenuto originale di The Intercept
Nel 2020, i Democratici erano più vicini che mai alla riforma dei vasti poteri di sorveglianza delle agenzie di intelligence statunitensi da quando le parti più dannose del Foreign Surveillance Intelligence Act, o FISA, erano state firmate in legge quasi due decenni prima. A quel punto, le rivelazioni di Edward Snowden del 2013, che mostravano che sia l'amministrazione Bush che quella Obama stavano raccogliendo alla rinfusa i tabulati telefonici americani, si erano deteriorate nella coscienza pubblica per anni. Le fughe di notizie - combinate con l'indignazione della destra per il modo in cui il tribunale della FISA aveva trattato la campagna di Trump - hanno creato un'apertura per i campioni delle libertà civili e i loro alleati al Congresso per iniziare a frenare i metodi di raccolta canaglia. Ma all'apice del loro sforzo più promettente fino ad oggi, i riformatori furono ostacolati dall'improbabile alleanza dell'allora presidente del Freedom Caucus Jim Jordan, R-Ohio, e dell'allora presidente dell'House Intelligence Adam Schiff, D-Calif. Schiff, nel disperato tentativo di impedire riforme che lo avrebbero alienato sia dalla leadership della Camera che dalla comunità dell'intelligence, ha lavorato per annacquare le richieste progressiste, come è stato riferito all'epoca. In cambio dei voti del Freedom Caucus, la Giordania ha ricevuto concessioni per aumentare la supervisione del procuratore generale della FISA e un linguaggio sdentato che ha aumentato le sanzioni per aver ingannato il tribunale della FISA. Dopo aver neutralizzato con successo le speranze dei progressisti e aver ottenuto il voto della Giordania per forzare il disegno di legge indebolito attraverso la commissione con un voto favorevole o negativo, il disegno di legge è stato inviato al Senato, dove è stata approvata una breve proroga dell'autorizzazione, ma alla fine è stata eliminata quando è tornata a la Camera, condannando la riforma.
Ora, mentre la scadenza per un'altra nuova autorizzazione FISA incombe alla fine di quest'anno, entrambi i legislatori sono in posizioni influenti per schiacciare nuovamente la riforma. Nonostante sia stato privato del suo seggio nel Comitato di intelligence dalla nuova maggioranza del GOP alla Camera, Schiff si è affezionato alla leadership del Partito Democratico che presiede le udienze di impeachment di Trump. La Giordania, battezzata con nuovi poteri strappati al presidente della Camera Kevin McCarthy durante una sanguinosa elezione della leadership, ora controlla la commissione giudiziaria della Camera. "Una delle principali battaglie in arrivo quest'anno è l'autorizzazione alle intercettazioni telefoniche senza mandato", ha detto a The Intercept David Segal, co-fondatore dell'organizzazione di difesa progressista Demand Progress. "Prevediamo che gli stessi fattori del 2020 saranno in gioco e creeranno una seria opportunità per riformare queste opache autorità di sorveglianza del governo". "Ci aspettiamo che questa lotta metta gli ideologi di entrambe le parti contro l'establishment della sicurezza nazionale che è stato responsabile di una miriade di abusi di sorveglianza dalle intercettazioni telefoniche senza mandato alla raccolta di metadati rivelata da Snowden e sicuramente pratiche di cui non siamo nemmeno a conoscenza in questo momento". Nel 2018, Trump ha firmato una nuova autorizzazione di una parte della FISA - Sezione 702 - estendendo per sei anni la disposizione che autorizza la raccolta di dati in blocco di cittadini non statunitensi residenti al di fuori del paese. Mentre i sostenitori della FISA hanno affermato che questa disposizione protegge le libertà civili degli americani prendendo di mira solo i non cittadini residenti al di fuori degli Stati Uniti, i dati dei cittadini statunitensi vengono regolarmente raccolti dalla raccolta 702 FISA. Poiché la Sezione 702 consente il targeting basato sulla categoria estremamente ampia di "informazioni di intelligence straniera", la rete lanciata dalle agenzie di sorveglianza statunitensi raccoglie dati da cittadini statunitensi che comunicano con le cosiddette persone non statunitensi. Trump si è rivoltato contro la FISA due anni dopo, dopo che un rapporto compilato dall'ispettore generale del Dipartimento di Giustizia Michael Horowitz ha scoperto che l'FBI aveva abusato della FISA per sorvegliare il consigliere della campagna di Trump Carter Page, costringendo il direttore dell'FBI James Comey ad ammettere che l'FBI aveva commesso gravi errori nella loro gestione del caso. “Se il disegno di legge FISA viene approvato stasera in Aula, lo veto rapidamente, il nostro Paese ha appena subito il più grande crimine politico della sua storia. Il massiccio abuso della FISA ne è stato una parte importante! Trump ha twittato. L'incidente di Carter Page ha creato un nuovo nemico nell'FBI per i lealisti di Trump nel Freedom Caucus, e la Giordania si è impadronita della FISA come un'altra arma dello "stato profondo" contro Trump. Le richieste del Freedom Caucus di frenare il superamento della sorveglianza del governo iniziarono ad allinearsi con quelle dei progressisti che da tempo chiedevano un inasprimento della portata della FISA alla luce delle rivelazioni di Snowden.
Con l'avvicinarsi del tramonto di molteplici disposizioni FISA esterne alla 702 nel 2020, i Democratici alla Camera hanno iniziato a litigare sull'entità delle riforme da includere nella nuova autorizzazione. I riformatori, tra cui il leader del Congressional Progressive Caucus Pramila Jayapal, D-Wash., e la rappresentante Zoe Lofgren, D-Calif., hanno iniziato a spingere per importanti cambiamenti, tra cui la fine della diffusa raccolta di dati telefonici e l'ampliamento dei meccanismi di supervisione per il funzionamento interno della corte. L'allora presidente della commissione giudiziaria della Camera Jerry Nadler ha sponsorizzato il disegno di legge di riautorizzazione FISA e il comitato ha programmato un markup del disegno di legge. Nonostante le pressioni della leadership della Camera per dimettersi, Lofgren ha rifiutato, costringendo Nadler a compiere il passo straordinario di eliminare il markup del suo stesso disegno di legge, nella sua stessa commissione. L'allora presidente della Camera Nancy Pelosi e Schiff iniziarono a formulare piani alternativi per vedere il rinnovo della FISA fino alla scrivania del presidente. Nello stesso momento in cui Schiff negoziava le riforme proposte da Lofgren e altri sostenitori delle libertà civili, iniziò anche a negoziare con la Giordania. L'accordo raggiunto con la Giordania è sepolto negli emendamenti al disegno di legge finale, che avrebbero dato al procuratore generale degli Stati Uniti - allora Bill Barr - una maggiore supervisione della sorveglianza dei candidati politici federali. Barr ha pubblicamente insistito per la nuova autorizzazione. Alla fine, tutte le persone coinvolte nei negoziati hanno perso in parte. La comunità dell'intelligence ei suoi alleati al Congresso non sono riusciti a garantire un rinnovamento critico dei potenti strumenti di sorveglianza a loro disposizione. Nel frattempo, i campioni delle libertà civili si sono trovati ancora una volta bloccati a riforme anche parziali della FISA. "Nel 2020 abbiamo sfruttato le correnti contrarie partigiane e la preoccupazione per la sorveglianza di massa a sinistra ea destra per assistere alla fine al tramonto della riautorizzazione del Patriot Act", ha affermato Segal, di Demand Progress. Non è chiaro dove scenderanno Jordan e Schiff sulla riautorizzazione della Sezione 702 quest'anno. Jordan ha promesso di riformare la FISA nel prossimo congresso, ma potrebbe facilmente provare a concludere un altro accordo di softball che non riesca a frenare in modo significativo i poteri di sorveglianza mentre gioca alla sua base politica.
Correlati ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​ ▄​


RSS - Mastodon