Parliamo di...

Questo studio non mostra che il 41 per cento dei vaccinati con la quarta dose è morto

#23Gennaio 

Contenuto originale di Facta
Aiuta Facta.news a combattere la disinformazione, segnala i contenuti sospetti via WhatsApp al numero 3421829843 oppure clicca qui. Insieme renderemo Internet un posto più sicuro!
Il 20 gennaio 2023 la redazione di Facta.news ha ricevuto una segnalazione che chiedeva di verificare un articolo pubblicato il 18 gennaio su Il Giornale d’Italia e intitolato “Vaccini Covid, lo studio dell’università di Bologna su Pescara: il 41% dei vaccinati con la quarta dose è morto. I dati pubblicati sulla rivista Vaccines”.
Secondo quanto riportato, gli esperti che hanno condotto la ricerca hanno concluso che «i risultati mostrano che tra i vaccinati non c’è stato un rischio di malattie gravi» e che le persone vaccinate che hanno contratto il coronavirus sono più protette contro la malattia rispetto a chi è guarito senza essersi vaccinato. Per l’autore dell’articolo pubblicato sul Giornale d’Italia, tuttavia, analizzando i numeri della ricerca, emergerebbe che il 40,8 per cento dei vaccinati con la quarta dose nella provincia di Pescara, territorio in cui si è svolta la ricerca, sarebbe deceduto. L’autore ha incluso una tabella che riporterebbe i numeri delle persone che hanno ricevuto da zero a quattro dosi di vaccino anti-Covid e i relativi decessi registrati.
Si tratta di una serie di informazioni fuorvianti, che veicolano una notizia falsa.
La ricerca menzionata dall’articolo oggetto della nostra analisi è stata pubblicata a dicembre 2022 sulla rivista scientifica Vaccines. Si tratta di un’analisi condotta da gennaio 2021 a luglio 2022 sulla popolazione della provincia di Pescara, in Abruzzo, che ha valutato l’incidenza di eventi avversi gravi potenzialmente correlati al vaccino anti-Covid in base allo stato di vaccinazione.
Secondo quanto riportato nello studio, i soggetti vaccinati non hanno mostrato un aumento del rischio di morte rispetto ai non vaccinati e la vaccinazione anti-Covid non è stata associata a «un aumento della mortalità o eventi avversi gravi potenzialmente correlati al vaccino». Inoltre Lamberto Manzoli, autore dello studio, medico epidemiologo e professore al dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche dell’università di Bologna, ha precisato a Bologna Today che «il profilo di sicurezza dei vaccini utilizzati durante la pandemia è stato confermato: sarà ora importante continuare il follow-up su un periodo più lungo».
Contrariamente a quanto riportato nell’articolo oggetto della nostra analisi, i dati sulla mortalità in relazione al numero di dosi di vaccino anti-Covid ricevute non indicano che «il 41 per cento dei vaccinati con la quarta dose è morto». Vediamo perché.
Nell’articolo del Giornale d’Italia, viene presentata una tabella che mostra quelli che, secondo l’autore, sono i numeri delle persone che hanno ricevuto da zero a quattro dosi e i relativi decessi registrati dagli autori della ricerca per ogni categoria. Tra questi è presente una colonna che indica che su 8.213 persone che hanno ricevuto la quarta dose, ci sarebbero stati 3.351 decessi, cioè il 40,8 per cento del totale.
Tabella inserita nell’articolo pubblicato sul Giornale d’Italia e verificata da Facta.news
Questi numeri, però, non corrispondono a quanto contenuto nella ricerca.
Nello studio dell’università di Bologna gli autori hanno chiarito che le persone che hanno partecipato alla ricerca e che avevano ricevuto la quarta dose erano 8.213. Lo stesso studio, tuttavia, non contiene alcuna indicazione circa il numero di decessi relativi a questa categoria.
Nel testo, infatti, è stata riportata una tabella che mostra il numero di persone considerate nella ricerca e le relative dosi di vaccino anti-Covid (da zero a tre o più dosi) che queste hanno ricevuto, indicando il numero di decessi per qualsiasi causa registrati per ogni categoria. Come si può vedere nello schema, non esiste un numero che indica le persone che hanno ricevuto la quarta dose. Nell’ultima colonna è riportato, invece, il totale delle persone considerate che hanno ricevuto almeno una dose (sommando, quindi, i numeri delle tre colonne precedenti).
Tabella contenuta nello studio “La vaccinazione contro il COVID-19 non ha aumentato il rischio di eventi avversi gravi potenzialmente correlati: studio di coorte di 18 mesi in una provincia italiana”
L’autore dell’articolo ha dunque creato una tabella che non corrisponde ai numeri contenuti nello studio citato, confrontando dei dati che non hanno niente a che vedere tra loro: ha infatti inserito il numero (corretto) di persone che hanno ricevuto la quarta dose, ma l’ha collegato al numero di decessi totali di tutte le persone vaccinate, creando una percentuale errata.
Come chiarito nella ricerca, la mortalità complessiva per tutte le cause è stata «significativamente più alta tra gli individui non vaccinati rispetto a quelli che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino», 4,23 per cento contro 1,29 per cento, rispettivamente. Inoltre il tasso medio mensile di decessi è stato di «2,26 × 1000 individui tra i non vaccinati e 0,97 × 1000 tra i vaccinati con almeno una dose».


RSS - Mastodon