Parliamo di...

La navicella spaziale Juice si dirige allo spazioporto prima della missione per studiare le lune di Giove

#22Gennaio  #News  #Space  #ESA  #Juice 

Contenuto originale di Digital Trends
Il nostro sistema solare riceverà presto un nuovo esploratore, poiché una missione per studiare le lune di Giove è pronta per il lancio.
La missione Jupiter Icy Moons Explorer dell'Agenzia spaziale europea, o JUICE, è prevista per il lancio tra pochi mesi, quindi il veicolo spaziale viene ora impacchettato nella sua sede di test a Tolosa, in Francia, per il trasporto alla sua località di lancio in Francia Guiana.
Il veicolo spaziale ha recentemente superato l'ultimo round di test, tra cui un test di vuoto termico per garantire che possa gestire le basse temperature dello spazio e il test di convalida del sistema in cui vengono simulate le fasi immediate dopo il lancio, come il dispiegamento di bracci e array che accadrà nello spazio.
Lo scopo della missione è studiare tre delle più grandi lune di Giove, Europa, Ganimede e Callisto, ognuna delle quali si ritiene abbia oceani di acqua liquida sotto croste ghiacciate. La presenza di acqua liquida rende ciascuna di queste lune un potenziale bersaglio nella ricerca della vita oltre la Terra, quindi JUICE studierà ciascuna di esse utilizzando telecamere e spettrometri. Imparerà anche a conoscere l'ambiente locale di Giove, come la sua magnetosfera e l'ambiente del plasma.
Il veicolo spaziale intraprenderà un lungo viaggio, viaggiando prima su Giove per otto anni prima di entrare in orbita attorno a Ganimede. Questa sarà la prima volta che un veicolo spaziale orbita attorno a una luna diversa da quella terrestre. La missione eseguirà una complessa serie di passaggi ravvicinati di pianeti nel sistema solare interno per metterlo in viaggio, quindi potrebbe anche effettuare un sorvolo di un asteroide prima di arrivare al sistema gioviano e fare un'altra serie di passaggi ravvicinati per consentirgli di ottenere vicino alle lune.
"Questa è la più grande missione nello spazio profondo che abbiamo mai lanciato e deve orbitare agilmente intorno alle lune del pianeta più grande del Sistema Solare utilizzando non meno di 35 passaggi ravvicinati", ha dichiarato Andrea Accomazzo, direttore delle operazioni di volo per la missione, in una dichiarazione. “L'esplorazione di Giove e delle sue lune da parte di JUICE ci richiederà di eseguire un decennio di operazioni che non abbiamo mai fatto prima e molte cose potrebbero andare storte. In queste settimane di simulazioni, avremo davanti a noi ogni possibile problema, in modo da poter gestire qualsiasi situazione nello spazio”.
Il lancio della missione è previsto per aprile di quest'anno.
Le notizie tecniche di oggi, curate e condensate per la tua casella di posta Iscriviti Controlla la tua casella di posta! Fornisci un indirizzo email valido per continuare. Questo indirizzo email è attualmente in archivio. Se non ricevi le newsletter, controlla la cartella della posta indesiderata. Spiacenti, si è verificato un errore durante l'iscrizione. Per favore riprova più tardi.
Raccomandazioni della redazione


RSS - Mastodon