Parliamo di...

Gli scienziati ritengono che l’antica tecnologia aliena sia stata scoperta in Siberia

#21Gennaio  #alieni  #aliena  #che  #gli 

Contenuto originale di Blog di alieni mistero
Nel 2014 la NASA ha pubblicato uno studio sull’interferenza extraterrestre nella storia umana. Viene esaminata la possibilità che parte dell’arte rupestre sulla Terra possa essere di origine extraterrestre.
Inoltre, nel 2009 gli scienziati hanno scoperto in Siberia un minerale sconosciuto che ha raggiunto la Terra 4,5 miliardi di anni fa, cioè quando si stava formando il sistema solare.
Questo raro ma strano materiale è stato trovato in una scatola ottenuta dal Museo Italiano di Storia Naturale di Firenze.
Secondo un team internazionale di ricercatori guidati da scienziati della Princeton University, è arrivato sulla Terra con il meteorite Khatyr caduto sui monti Koryak, nella Siberia orientale. Quando gli scienziati hanno analizzato il minerale, non era la sua età a incuriosirli, ma la sua struttura atomica.
I ricercatori hanno studiato un piccolo frammento del minerale. Gli atomi della materia sono stati disposti in un’ampia varietà di configurazioni che, in base alla comprensione umana della scienza e della composizione chimica, semplicemente non sono possibili in natura.
I quasi-cristalli hanno la loro storia drammatica. Dan Shechtman creò il primo quasicristallo nel 1982 e la scoperta fu così controversa che gli fu semplicemente chiesto di lasciare il laboratorio di ricerca. Ma le prove erano schiaccianti: era un nuovo tipo di materiale. Shechtman ha ricevuto il Premio Nobel per la Chimica nel 2011 per la sua scoperta.
Il concetto di quasicristalli è stato introdotto per la prima volta nel 1984 da Steinhardt e Dov Levin, allora all’Università della Pennsylvania. Quando il team ha scoperto che il meteorite conteneva questo materiale misterioso, antico e dal design complesso, ha affermato che potrebbe effettivamente formarsi naturalmente.
“Questa scoperta fornisce una prova importante che i quasicristalli possono formarsi in natura in condizioni astrofisiche e suggerisce che questa fase della materia può rimanere stabile per miliardi di anni”, ha detto il fisico Paul Steinhardt, professore di scienze naturali di Albert Einstein a Princeton.
Tecnicamente gli scienziati descrivono i quasi-cristalli come quasi-periodici, posizionati a mano, non trovati nella tavola periodica. Sebbene mostrino uno schema che riempie continuamente tutta la massa disponibile, mancano di ciò che scienziati e matematici chiamano “simmetria traslazionale”.
Gli ufologi e gli scienziati in precedenza presumevano che fosse in queste forme che sarebbero state trovate prove di vita extraterrestre. Sottolineando che i quasi-cristalli essendo una nuova forma di materia dovrebbero essere considerati artefatti di tecnologia aliena creata artificialmente.
Tuttavia, nessuno è stato in grado di spiegare come questi quasi-cristalli possano formarsi come risultato di processi naturali, ed è improbabile che qualcuno lo faccia. La loro “simmetria proibita” rende impossibile la loro formazione naturale. Altri quasicristalli noti, oltre a quelli trovati nei meteoriti nelle montagne Koryak, sono stati recentemente sintetizzati dagli scienziati in laboratorio.
Essendo molto duri con caratteristiche di basso attrito e bassa conduttività termica, i quasi-cristalli sono un prodotto molto utile utilizzato in un’ampia gamma di tecnologie ad alta velocità come i rivestimenti per aerei e caccia stealth.
Nel 2017 un team del Caltech Geological and Planetary Science Think Tank ha scoperto 35 nuovi minerali nel meteorite Khatyrka. Il direttore del sito Chi Ma ha affermato che “di solito non vediamo” un metallo così ricco di alluminio nelle rocce spaziali perché l’alluminio avrebbe reagito formando allumina.
Ha detto che il meteorite Khatyr è stato l’unico meteorite mai trovato a contenere alluminio metallico. Un frammento di meteorite contenente un trio di nuovi minerali è ora di proprietà del Museo Nazionale di Storia Naturale dello Smithsonian Institution, che ha un catalogo di oltre 600.000 esemplari.
Se questo materiale non fosse stato creato dalla natura come sostengono alcuni. Da dove viene questo materiale misterioso e come è finito questo materiale complesso all’interno di un antico meteorite?
Avi Loeb, professore ad Harvard, ha suggerito che una possibilità meno esplorata è che il nostro universo sia stato creato nel laboratorio di una civiltà tecnologicamente avanzata. Poiché il nostro universo ha una geometria piatta con “energia netta zero”, una civiltà avanzata potrebbe sviluppare una tecnologia che crei un universo bambino dal nulla utilizzando il tunneling quantistico.


RSS - Mastodon