Parliamo di...

L'ultima scadenza per la condivisione del potere in Irlanda del Nord passa senza una svolta

#20Gennaio  #UK 

Contenuto originale di The Independent UK
Per avvisi gratuiti in tempo reale sulle ultime notizie inviati direttamente nella tua casella di posta iscriviti alle nostre e-mail sulle ultime notizie Iscriviti alle nostre e-mail gratuite sulle ultime notizie Inserisci un indirizzo email valido Inserisci un indirizzo email valido ISCRIVITI Vorrei ricevere un'email sulle offerte, eventi e aggiornamenti da The Independent. Leggi la nostra informativa sulla privacy Grazie per esserti iscritto al
L'ultima scadenza per ripristinare la condivisione del potere nell'Irlanda del Nord è scaduta con le istituzioni devolute a Belfast ancora in celle frigorifere.
Il governo del Regno Unito si è nuovamente assunto l'obbligo legale di indire un'elezione anticipata dell'Assemblea nella regione entro 12 settimane.
Il segretario dell'Irlanda del Nord Chris Heaton-Harris ha chiarito che non farà annunci su alcuna potenziale data elettorale per almeno diverse settimane.
Si è concesso il tempo di considerare le opzioni nella speranza che il governo e l'UE possano raggiungere un accordo provvisorio sulla questione al centro dell'impasse sulla condivisione del potere: il protocollo dell'Irlanda del Nord della Brexit.
Se emergerà un accordo che convinca il DUP a tornare a Stormont, allora il governo potrebbe legiferare per evitare la necessità di nuove elezioni.
Il blocco in corso del DUP sul funzionamento della condivisione del potere, in segno di protesta contro il protocollo, ha assicurato che le istituzioni di Stormont siano rimaste in movimento dall'ultima elezione dell'Assemblea a maggio.
L'esecutivo ministeriale è crollato tre mesi prima quando il DUP ha ritirato il suo primo ministro.
Giovedì, Heaton-Harris e gli altri ministri del Regno Unito si sono uniti alle controparti del governo irlandese per una riunione della Conferenza intergovernativa britannico-irlandese a Dublino.
Commentando i suoi prossimi passi, ha detto: “Parlerò con tutte le parti interessate.
“Sarete a conoscenza del fatto che a Bruxelles sono in corso anche importanti colloqui tra il governo del Regno Unito e l'Unione Europea.
“E se riusciamo a risolvere un problema, potremmo essere in grado di risolverne un altro.
"Quindi, penso che valga la pena dedicare del tempo a considerare le mie opzioni."
Il Tanaiste ha anche partecipato all'incontro intergovernativo di giovedì.
"C'è un obbligo imperativo indipendentemente da quei colloqui sul DUP, a mio avviso, per adempiere al mandato del popolo dell'Irlanda del Nord", ha detto.
"E sono fermamente convinto che quando ci sono le elezioni, ciò che dovrebbe naturalmente seguire è la convocazione di un'assemblea, o di un parlamento e di un governo: questa è la democrazia in azione e il popolo dell'Irlanda del Nord non merita di meno e io ho ha fatto questi punti al DUP e ad altri partiti politici.
"Ho espresso questi punti tre anni fa, quando l'Assemblea è stata sciolta da un altro partito (Sinn Fein) e abbiamo avuto un'assenza di circa tre anni ed è stato qualcosa che non avrei mai potuto accettare come democratico".
Il giorno delle votazioni è di solito circa sei settimane dopo l'annuncio delle elezioni, quindi Heaton-Harris avrebbe tempo fino a metà marzo per indire un sondaggio se si terrà prima della scadenza del periodo di 12 settimane a metà aprile.
Ciò darebbe a Heaton-Harris altre sei settimane per vedere cosa emerge dai colloqui Regno Unito-UE sul protocollo.
Se nelle prossime settimane emergerà un accordo e il DUP accetterà di rientrare nella condivisione del potere, Heaton-Harris potrebbe quindi chiedere al Parlamento di prorogare retrospettivamente la scadenza del 19 gennaio per la formazione di un esecutivo, il che significa che le parti potrebbero tornare a Stormont senza la necessità di nuove elezioni.
Il 19 gennaio è stata l'ultima di una serie di scadenze date ai partiti per resuscitare la devoluzione dopo le elezioni di maggio.
Poiché le istituzioni possono funzionare solo con la cooperazione del più grande partito nazionalista e del più grande partito unionista, il DUP detiene effettivamente un veto sul ritorno alla condivisione del potere.
Il partito ha chiarito che tornerà al governo decentrato solo se verranno apportate modifiche significative al protocollo.
Molti sindacalisti dell'Irlanda del Nord si oppongono con veemenza agli accordi che hanno creato barriere economiche alla circolazione delle merci tra la Gran Bretagna e l'Irlanda del Nord, insistendo sul fatto che il protocollo ha indebolito la posizione della regione all'interno del Regno Unito.
L'UE e il Regno Unito continuano a impegnarsi in negoziati volti a ridurre in modo significativo la burocrazia sul commercio nel Mare d'Irlanda, con entrambe le parti che hanno recentemente parlato del potenziale raggiungimento di una soluzione concordata.
Il DUP ha chiarito che qualsiasi accordo che possa emergere deve superare i suoi test sulla rimozione delle barriere commerciali se vuole consentire un ritorno a Stormont.
Giovedì, l'MLA del DUP Emma Little Pengelly ha sottolineato la necessità di risolvere l'impasse del protocollo.
"I problemi non possono essere evitati", ha detto.
“O si risolvono i problemi creati dal protocollo o non ci saranno basi per il ripristino. Il protocollo deve essere sostituito con accordi che i sindacalisti possano sostenere”.
In precedenza, il presidente dello Sinn Fein Mary Lou McDonald aveva detto che c'era "finalmente un senso di movimento" nei colloqui tra Londra e Bruxelles.
La signora McDonald ha detto a Sky News che c'era "finalmente la sensazione che si possa adottare un approccio ragionevole e razionale e si possa raggiungere un accordo sulle questioni in sospeso relative al protocollo, che tali questioni possano essere risolte, che possiamo quindi tornare al lavoro e fornire per le persone mentre la crisi sanitaria incombe.
"Nella morsa della crisi del costo della vita, non è troppo per la gente del nord dell'Irlanda aspettarsi che quando escono e votano e restituiscono il loro verdetto democratico, i leader politici tornino a lavorare".


RSS - Mastodon