Parliamo di...

"Un po 'fuori di testa": i giurati hanno grigliato le opinioni su Elon Musk per il processo degli azionisti

#18Gennaio  #ElonMusk  #Tesla  #Technology  #SanFrancisco 

Contenuto originale di Technology | The Guardian
Martedì il caso degli azionisti contro il CEO di Tesla Elon Musk è iniziato lentamente, poiché i potenziali giurati hanno descritto in vari modi il controverso miliardario tecnologico come "narcisista", "imprevedibile", "un po 'fuori di testa", "un genio" e " un altro ragazzo ricco e arrogante” sono stati interrogati sulla loro imparzialità dal giudice.
Ma, alla fine della giornata, nove giurati erano stati selezionati per far parte della giuria per il processo di San Francisco, che dipende dal fatto che Musk abbia ingannato gli investitori di "miliardi" affermando nei tweet del 2018 che aveva "assicurato" finanziamenti da prendere la casa automobilistica elettrica privata.
Gli argomenti di apertura inizieranno mercoledì.
La causa chiede il risarcimento dei danni agli azionisti che hanno acquistato o venduto azioni Tesla nei giorni successivi ai tweet di Musk del 7 agosto 2018. Gli azionisti non hanno specificato i danni, ma hanno affermato che i tweet di Musk sono costati agli investitori "miliardi".
I tweet di Musk del 2018 hanno alimentato un rally del prezzo delle azioni della società che si è interrotto bruscamente una settimana dopo, dopo che è diventato evidente che non aveva i fondi per un buyout. Gli investitori lo hanno quindi citato in giudizio, affermando che le azioni Tesla non avrebbero oscillato così tanto di valore se non avesse fatto penzolare la prospettiva di acquistare la società per $ 420 per azione.
Il tweet di Musk ha anche attirato l'attenzione delle autorità di regolamentazione dei titoli, che hanno concluso che era improprio e che stava mentendo. In un accordo, lo hanno costretto a pagare $ 40 milioni e gli hanno chiesto di dimettersi dalla carica di presidente di Tesla.
Da allora, Musk è diventato ancora più controverso con il suo acquisto di Twitter e il successivo rinnovamento delle regole di pubblicazione del sito di social media, la chiusura della sua sede e il licenziamento di molti dei suoi dipendenti.
Gli avvocati di Musk hanno sostenuto che la sua gestione di Twitter lo aveva reso così famigerato nella città natale di Twitter, San Francisco, da non poter ottenere una giuria equa lì.
Ma il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti Edward Chen ha negato la richiesta di Musk di spostare il processo in Texas e, invece, lui e gli avvocati di entrambe le parti hanno messo alla prova quei giurati che avevano espresso le opinioni più forti su Musk in un questionario preliminare.
"Penso che sia un po' fuori di testa, a livello personale", ha detto un giurato, riferendosi alla gestione di Twitter da parte di Musk, che ha assunto a ottobre.
Quel potenziale giurato e altri hanno detto che avrebbero potuto mettere da parte le loro opinioni e giudicare il caso in modo imparziale se selezionati.
Ai relatori è stato chiesto in anticipo le loro opinioni su Musk e se possiedono un veicolo Tesla.
"Credo davvero che non puoi giudicare una persona finché non ti metti nei suoi panni", ha detto un altro potenziale giurato, che aveva detto che Musk sembrava "narcisista".
Musk, che potrebbe finire per testimoniare nel processo, sostiene di aver creduto di aver bloccato il sostegno finanziario per l'acquisizione durante gli incontri con i rappresentanti del Fondo per gli investimenti pubblici dell'Arabia Saudita.
L'esito del processo potrebbe dipendere dall'interpretazione della giuria del movente di Musk per i tweet, che Chen ha già deciso essere falsi.


RSS - Mastodon