Parliamo di...

La polizia di Los Angeles ha trattenuto Keenan Anderson, lo ha colpito ripetutamente con il taser, poi ha suggerito che la sua morte fosse colpa sua

#18Gennaio  #Justice  #NatashaLennard 

Contenuto originale di The Intercept
Il dipartimento di polizia di Los Angeles sta spingendo la narrazione secondo cui Keenan Anderson - un insegnante nero di 31 anni, che i poliziotti della polizia di Los Angeles hanno trattenuto e ripetutamente accusato mentre implorava per la sua vita - è responsabile della sua stessa morte. I test tossicologici preliminari, eseguiti sul corpo di Anderson dallo stesso dipartimento di polizia, hanno trovato tracce di cannabinoidi e metabolita della cocaina nel suo sistema, risultati che non mitigano in alcun modo l'estrema violenza inflitta ad Anderson dalla polizia prima della sua morte il 3 gennaio. I test antidroga non sono stati rilasciati come parte di un'autopsia ufficiale; l'ufficio del coroner della contea di Los Angeles sta ancora indagando sulla morte di Anderson e non si è ancora pronunciata sulla sua esatta causa medica. Invece, il LAPD ha condotto i propri test antidroga e ha annunciato i risultati in uno sforzo inequivocabile per denigrare e incolpare la sua vittima, il terzo uomo di colore ucciso dal dipartimento solo nelle poche settimane del 2023.
Non c'è nulla di sorprendente in questo tipo di pratica della polizia. L'idea che il possesso o l'uso di droga da parte dei neri crei motivi sufficienti per giustificare la violenza della polizia, anche mortale, ha sostenuto mezzo secolo di polizia statunitense. I poliziotti del dipartimento che ha ucciso George Floyd hanno tentato di incolpare la sua morte anche per il fentanyl trovato presente nel suo sistema, ma per fortuna senza successo. Se l'autopsia ufficiale di Anderson mina le affermazioni della polizia secondo cui la droga ha avuto un ruolo nella sua morte, sarebbe un sollievo, ma non una vittoria. Invece, la stessa disponibilità della polizia di Los Angeles a pubblicare il suo rapporto tossicologico parla di un problema molto più ampio: la certa fiducia nella volontà del pubblico di demonizzare e incolpare le vittime nere. Se tali narrazioni razziste sulle droghe non fossero state prontamente disponibili, il dipartimento di polizia non si sarebbe affatto preso la briga di rilasciare i risultati tossicologici. Il fatto che la polizia di Los Angeles stia dispiegando con sicurezza questa tattica di pubbliche relazioni quasi tre anni dopo la morte di Floyd è un cupo riflesso di quanto poco sia cambiato. Anche questo non dovrebbe sorprendere: le rivolte che hanno seguito l'omicidio di Floyd sono state accolte con una dura repressione statale nelle strade, aiutata da sconfessioni e licenziamenti attraverso i media e il mainstream politico. I legislatori democratici che si sono ridicolmente inginocchiati in panno kente per segnalare le loro credenziali antirazziste sono gli stessi leader che hanno respinto ogni serio tentativo di fare i conti con la violenza razzista che definisce la polizia statunitense.
La realtà della polizia statunitense persiste come una minaccia continua, impenitente e resistente alle riforme per le vite dei neri.
Gli appelli a sottrarre fondi alla polizia sono stati ritenuti elettoralmente radioattivi, le richieste di abolire la polizia sono state derise come deliranti, i bilanci della polizia sono aumentati ulteriormente e l'impunità ha continuato a regnare. La polizia ha ucciso 1.176 persone nel 2022, più uccisioni che negli ultimi 10 anni. E mentre gli organizzatori della giustizia razziale e gli abolizionisti continuano a combattere, le ribellioni di massa del 2020 sono state aggressivamente prosciugate di potere politico da una serie di forze controinsurrezionali, da arresti di massa, demonizzazione dei media e, soprattutto, il completo e codardo abbandono da parte dei politici liberali sul livello cittadino, statale e federale. Non dubito delle conclusioni dei sondaggisti, secondo cui gli elettori nel 2020 sono stati respinti dal termine "defund", ma non sono interessato a rimettere in discussione i dibattiti sugli slogan elettorali. Ciò che conta è che la realtà della polizia statunitense persiste come una minaccia continua, impenitente e resistente alle riforme per le vite dei neri.


RSS - Mastodon