Parliamo di...

Il Kazakista esporterà petrolio in Germania attraverso gli oleodotti russi. Mosca comunque al centro

#17Gennaio  #Attualità  #apertura  #economia  #energia 

Contenuto originale di Scenari Economici
Il Kazakistan ha ottenuto dalla Russia l’autorizzazione a utilizzare le sue infrastrutture di oleodotti per trasportare 300.000 tonnellate di petrolio ad acquirenti in Germania nel primo trimestre di quest’anno, ha annunciato il 13 gennaio una società statale.
Kaztransoil, una società statale di trasporto del petrolio, ha dichiarato che il petrolio proveniente dal giacimento di Karachaganak, nel Kazakistan occidentale, sarà pompato attraverso l’oleodotto russo Druzhba e consegnato alla Polonia attraverso la Bielorussia prima di raggiungere la Germania. Le consegne a gennaio ammonteranno a 20.000 tonnellate.
Il Ministro dell’Energia kazako Bolat Akchulakov ha recentemente dichiarato ai giornalisti che il Kazakistan prevede di esportare 1,5 milioni di tonnellate in Germania attraverso la Russia nel 2023, ma che questo volume potrebbe essere incrementato fino a 7 milioni di tonnellate.
“C’è abbastanza capacità [di trasporto negli oleodotti]. La cosa principale è che i consumatori [della Germania] lo accettino. Non abbiamo mai avuto grossi problemi con la Russia in termini di pompaggio”, ha dichiarato Akchulakov all’inizio dell’anno.
L’approvazione da parte della Russia, tuttavia, è tutt’altro che garantita. Il petrolio che la Germania sta acquistando dal Kazakistan è destinato a compensare parzialmente la mancanza di forniture di greggio causata dal boicottaggio dei prodotti russi imposto dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina.
La quantità fornita dal Kazakistan è di gran lunga inferiore ai 20 milioni di tonnellate all’anno che la Russia era solita vendere alla Germania.
Le restrizioni dell’Unione Europea sulla fornitura di petrolio russo riguardano il materiale trasportato via mare, ma non impediscono ai Paesi terzi di utilizzare le infrastrutture russe per far arrivare le loro merci sul mercato europeo.
L’anno scorso si è parlato molto di come il Kazakistan stesse esplorando rotte di esportazione che evitassero del tutto la Russia. La chiave era il cosiddetto Corridoio di Mezzo, che prevede il carico di petrolio su navi cisterna che attraversano il Mar Caspio prima di scaricare il greggio su mezzi di trasporto che attraversano Azerbaigian, Georgia e Turchia. Questo percorso è ancora di portata limitata e molto più costoso rispetto all’utilizzo delle rotte russe.
Se la Russia ha accettato questo accordo, è improbabile che lo abbia fatto per fare un favore al Kazakistan.
Come ha ipotizzato Nurlan Zhumagulov, responsabile del sito web di analisi Energy Monitor, in un post su Facebook di dicembre, il Kazakistan potrebbe cercare di importare dalla Russia una quantità di petrolio pari a quella che invia in Europa. Il greggio potrebbe essere inviato alle raffinerie nazionali, ha scritto Zhumagulov.
“Sarebbe un modello ideale che soddisfa tutti: Russia, Kazakistan e Germania”, ha scritto Zhumagulov.
Inoltre, il Kazakistan ha una carta vincente. A dicembre ha raggiunto un accordo intergovernativo con la Russia, valido fino al 2034, che consente di utilizzare il suo territorio per il transito di petrolio verso la Cina. Dal momento che la Cina è diventata uno dei più importanti clienti della Russia per il petrolio, il Kazakistan ha così guadagnato una leva da impiegare nei propri accordi commerciali sull’energia con l’Occidente.


RSS - Mastodon