Parliamo di...

Il tempo stringe per un divieto di TikTok

#17Gennaio  #company 

Contenuto originale di Vox - Technology
L'atto di scorrere il tuo feed For You su TikTok potrebbe portare con un ulteriore senso di imminente rovina in questi giorni. Dopo anni passati a torcersi la mano sui legami dell'app enormemente popolare con la Cina e sulla potenziale minaccia alla sicurezza nazionale che presentano, sembra che qualcuno stia per fare qualcosa al riguardo.
TikTok è alle prese con una prospettiva sempre più reale di essere bandito negli Stati Uniti. Questo non sarebbe solo un divieto per lo più performativo di installare l'app su dispositivi di proprietà del governo federale o statale. Potrebbe anche avere un impatto maggiore rispetto al divieto legalmente discutibile che l'ex presidente Donald Trump ha tentato e fallito di emanare nel 2020. Il divieto che TikTok sta ora affrontando vieterebbe alla sua società madre con sede in Cina, ByteDance, di fare affari negli Stati Uniti, il che impedirebbe ad Apple e Google di ospitare l'app TikTok nei loro app store. Non renderebbe illegale per te, il consumatore, usare TikTok. Sarebbe solo molto più difficile farlo.
Il divieto di un'app è più la provenienza di paesi come, beh, la Cina, che ha vietato una serie di app e siti Web americani, tra cui Facebook, Instagram, YouTube e Twitter. Inoltre, non è certo che il governo degli Stati Uniti farebbe effettivamente un passo così grande. Ma hai sicuramente sentito dire che potrebbe accadere e probabilmente ti starai chiedendo se e come accadrebbe, o anche perché è necessario.
Apparentemente ogni azienda Big Tech sta affrontando livelli di controllo senza precedenti in questi giorni, ma TikTok deve affrontare un'opposizione che i suoi colleghi non hanno. In un momento in cui le relazioni USA-Cina non sono ottime, la popolarità di TikTok è una minaccia per la superiorità tecnologica americana, soprattutto quando si tratta di Internet. Ma è molto più probabile che i legislatori statunitensi indichino la minaccia percepita alla sicurezza nazionale, ritenendo che il governo cinese stia utilizzando l'app per spiare gli americani e inviare loro contenuti dannosi attraverso il potente ma misterioso algoritmo di raccomandazione For You dell'app.
Per affrontare questi conflitti, ByteDance ha trascorso più di tre anni a negoziare con il Committee on Foreign Investment negli Stati Uniti, o CFIUS, un gruppo inter-agenzia che esamina le transazioni che coinvolgono parti straniere per minacce alla sicurezza nazionale. ByteDance spera di raggiungere un accordo che consenta a TikTok di continuare a fare affari qui riducendo al minimo le possibilità di interferenza da parte del governo cinese. Sebbene ByteDance affermi che esiste una bozza di accordo con CFIUS, non è ancora stata finalizzata. Non ha aiutato le cose quando, negli ultimi giorni del 2022, ByteDance ha dovuto ammettere che alcuni dei suoi dipendenti hanno avuto accesso improprio ai dati TikTok dei cittadini statunitensi come parte di un'indagine sulle fughe di notizie ai giornalisti.
ByteDance sta spendendo un sacco di soldi cercando di convincere i detrattori che non accetta ordini di marcia dalla Cina e che non darebbe al governo cinese dati sugli utenti statunitensi né influenzerebbe gli utenti statunitensi. L'azienda ha speso milioni per costruire ed espandere la sua presenza a Washington, DC e più di 1 miliardo di dollari per "Project Texas", uno sforzo per ricostruire l'app sui server statunitensi al fine di isolarla il più possibile da ByteDance e dalla Cina. , promettendo al contempo diversi livelli di controllo indipendente e trasparenza.
"Siamo fiduciosi che la proposta all'esame di CFIUS soddisferà pienamente le preoccupazioni di sicurezza nazionale degli Stati Uniti", ha detto a Recode la portavoce di TikTok Brooke Oberwetter.
Sembra che il 2023 sarà finalmente l'anno in cui scopriremo se ByteDance può convincere un pubblico sempre più ostile che TikTok non è una minaccia per la sicurezza nazionale, o cosa succede a TikTok se non ci riesce.
TikTok sta spendendo molto per i lobbisti e Project Texas
L'unica cosa che potrebbe essere cresciuta più velocemente della popolarità di TikTok negli Stati Uniti è la presenza DC dell'azienda. ByteDance ha speso solo $ 270.000 per i lobbisti federali nel 2019, un anno in cui TikTok ha accettato un accordo con la FTC sulle violazioni della legge sulla privacy dei bambini per una multa allora record di $ 5,7 milioni e quando i legislatori hanno iniziato a sollevare preoccupazioni sui suoi legami con la Cina. Nell'agosto di quell'anno, Trump ha emesso il suo ordine esecutivo proclamando TikTok una minaccia alla sicurezza nazionale e, utilizzando l'International Emergency Economic Powers Act, ordinando che fosse venduto a una società americana o bandito entro 45 giorni. Questo ovviamente non è accaduto: il presidente Joe Biden alla fine ha annullato l'ordine, a dir poco controverso, lasciando a CFIUS il compito di stringere un accordo con ByteDance.
"Questo è una specie di modello per come va il moderno lobbying tecnologico"
Nel frattempo TikTok ha raddoppiato i suoi sforzi di lobbying. La società ha speso 2,61 milioni di dollari in lobbisti federali nel 2020, assumendo persone con legami con legislatori repubblicani e democratici allo stesso modo (alcuni erano essi stessi ex legislatori). Quella spesa è quasi raddoppiata a $ 5,18 milioni nel 2021 e ha raggiunto $ 4,28 milioni nei primi tre trimestri del 2022. Alla fine del 2021, TikTok ha firmato un contratto di locazione per il suo primo ufficio DC. Nell'aprile 2022 ha conquistato un piano aggiuntivo. Quell'ottobre ha assunto Jamal Brown, che era l'addetto stampa per la campagna presidenziale di Biden e poi il vice addetto stampa del Pentagono, come direttore delle comunicazioni politiche.
"Questo è una specie di modello per come va il lobbying tecnologico moderno", ha affermato Dan Auble, ricercatore senior di Open Secrets, che tiene traccia della spesa dei lobbisti. “Queste aziende entrano in scena e improvvisamente iniziano a spendere ingenti somme di denaro. E ByteDance lo ha sicuramente fatto.
Mentre ByteDance ha speso molto per il lobbismo federale, alcuni dei suoi colleghi, ad esempio Meta e Amazon, spendono ancora molto di più. Meta, ad esempio, ha speso oltre $ 20 milioni in attività di lobbying nel 2021 e Amazon ha speso oltre $ 19 milioni. Molto più del denaro di ByteDance è andato a Project Texas. Nel suo tentativo di convincere le autorità di regolamentazione che la sua app è isolata dalla Cina e da ByteDance, TikTok ha collaborato con la società con sede in Texas Oracle, che ospita i dati degli utenti statunitensi e gestisce il traffico attraverso la sua infrastruttura cloud, oltre a rivedere il codice sorgente per la raccomandazione di TikTok algoritmi e strumenti di moderazione dei contenuti. L'accesso ai dati e ad altre parti di TikTok sarà strettamente limitato al solo personale essenziale e sia Oracle che il governo degli Stati Uniti avranno una certa supervisione.
Oberwetter di TikTok ha affermato che questa soluzione è "all'esame" di CFIUS e che la società ritiene che sia un "pacchetto completo di misure con livelli di governo e supervisione indipendente per affrontare le preoccupazioni sulla raccomandazione dei contenuti di TikTok e l'accesso ai dati degli utenti statunitensi e per garantire che il Il software TikTok funziona come previsto ed è privo di backdoor che potrebbero essere utilizzate per manipolare la piattaforma.
Sulla carta, queste misure sembrano fare abbastanza per soddisfare CFIUS, che secondo quanto riferito era molto vicino alla finalizzazione dell'accordo diversi mesi fa. Samm Sacks, senior fellow presso il Paul Tsai China Center della Yale Law School, ha affermato che l'accordo sembra essere strutturato attorno al fatto di non fidarsi affatto della Cina o persino di ByteDance, e di costruire un "insieme di robuste protezioni" attorno a questo.
"Per tutte le lamentele sulla minaccia [alla sicurezza nazionale], esiste una soluzione che la affronterebbe e non devi crederci sulla parola di TikTok", ha detto Sacks. "[Project Texas] consegna le chiavi a qualcun altro."
Non è chiaro quando o anche se CFIUS firmerà ufficialmente il piano. Al posto di un accordo, TikTok ha ritardato il suo piano per assumere consulenti che dovrebbero monitorare le sue operazioni e riferire al governo degli Stati Uniti. Non è un grande segno che un accordo sia imminente, anche se TikTok insiste sul fatto che soddisferebbe tutte le preoccupazioni di CFIUS.
I detrattori di TikTok non lo stanno comprando
Cosa sta trattenendo il governo federale? Politica, soprattutto. Per alcuni legislatori e funzionari della sicurezza, potrebbe non esserci nulla che ByteDance e TikTok possano fare per convincerli che l'app non è un braccio del Partito Comunista Cinese. La mancanza di fiducia è comprensibile. Per anni, TikTok è stato perseguitato da segnalazioni secondo cui non è così indipendente da ByteDance o dalla Cina come vuole che il pubblico creda. Quindi, la rivelazione di fine dicembre secondo cui i dipendenti di ByteDance hanno avuto accesso ai dati degli utenti di TikTok per tracciare i giornalisti con sede negli Stati Uniti non poteva arrivare in un momento peggiore. Era proprio il tipo di incidente di cui i legislatori e i funzionari delle agenzie sospettosi di ByteDance e TikTok avevano bisogno per sostenere che l'app non poteva essere considerata attendibile in nessuna circostanza.
TikTok afferma che la questione è stata un "evidente uso improprio" dei dati degli utenti da parte di alcuni dipendenti che hanno violato la politica aziendale e non sono più impiegati lì. Afferma che i controlli di sicurezza che Project Texas sta implementando avrebbero impedito che ciò accadesse in primo luogo, dal momento che i dipendenti di ByteDance non sarebbero stati in grado di accedere a tali dati.
Vale la pena sottolineare che ByteDance non è la prima azienda tecnologica a spiare i giornalisti. Come ha notato Forbes nel suo pezzo che rivela ciò che ByteDance aveva fatto, Uber e Facebook sono stati accusati di azioni simili nel corso degli anni e Microsoft ha cercato l'account Hotmail di un blogger francese nel 2012 per scoprire quale dipendente Microsoft gli stava inviando segreti commerciali. Nessuno di questi servizi ha subito un potenziale divieto a livello nazionale, ma nessuno di essi era nemmeno di proprietà di una società cinese.
Questo ci lascia con alcuni modi in cui tutto questo potrebbe svolgersi. La cosa più probabile è che l'affare CFIUS vada finalmente a buon fine. Biden potrebbe sempre tirare fuori un Trump e improvvisamente emettere un ordine esecutivo che vieta l'app, ma non è probabile. Non ha funzionato quando Trump l'ha provato, e Biden non è esteriormente ostile a TikTok come lo era il suo predecessore. Ha invitato più volte i creatori di TikTok alla Casa Bianca e un'organizzazione no profit associata all'amministrazione Biden ha persino un account TikTok ufficiale, che pubblicava video che pubblicizzavano i risultati di Biden fino allo scorso novembre.
Non tutti contano su CFIUS. Il senatore Mark Warner (D-VA), presidente del Senate Intelligence Committee, ha espresso molte riserve su TikTok e afferma che sta perdendo la pazienza con CFIUS. Se non è possibile raggiungere un accordo, "il Congresso potrebbe presto essere costretto a intervenire", ha detto a Recode. Piuttosto che vietare solo un'app o una società, tuttavia, Warner vorrebbe vedere una legislazione che stabilisca standard o regole per qualsiasi app che rientri in una serie di criteri, incluso l'essere di proprietà di una società con sede in un paese preoccupante. Ciò includerebbe TikTok, ma non si limiterebbe a questo, ha detto l'ufficio di Warner.
Per alcuni legislatori, basta vietare TikTok o costringere ByteDance a vendere TikTok a una società americana. Il senatore Marco Rubio (R-FL) è stato coerente al riguardo per anni, e ora è affiancato dal rappresentante Raja Krishnamoorthi (D-IL) e dal rappresentante Mike Gallagher (R-WI), presidente del nuovo comitato ristretto della Camera per Cina. L'ufficio di Gallagher ha detto a Recode che avrebbe sostenuto una vendita a una società americana a condizione che includesse il controllo sull'algoritmo di TikTok. Gallagher spera di lavorare dall'altra parte del corridoio e con l'amministrazione Biden su questo, e cercherà di organizzare un incontro con TikTok "nelle prossime settimane". Ma il membro del Congresso non si muove sulla sua insistenza sul fatto che TikTok non può operare qui mentre è di proprietà di una società cinese.
"ByteDance deve disinvestire completamente e deve esserci fine alla proprietà e al controllo cinese dell'app", ha affermato l'ufficio di Gallagher.
Oberwetter di TikTok ha sottolineato che vietare un'app non risolverà problemi più ampi, come la privacy dei dati, la sicurezza e i contenuti dannosi. Una legislazione che regola un settore piuttosto che una società al suo interno potrebbe prendere due piccioni con una fava. Nel corso degli anni sono stati introdotti molti progetti di legge che potrebbero farlo. Nessuno di loro è passato.
Cosa significa in realtà un divieto di TikTok
Esistono già "divieti di TikTok" negli Stati Uniti, ma sono molto limitati ed è probabile che non si applichino a te a meno che tu non sia un impiegato del governo o un grande fan dell'account turistico TikTok del South Dakota, che è stato eliminato come parte del divieto di quello Stato. Il divieto nel disegno di legge omnibus approvato alla fine del 2022 e i divieti che circa la metà di tutti gli stati ha emanato finora si applicano solo ai dispositivi emessi dal governo.
La base di utenti di TikTok potrebbe distorcere i giovani, ma molti di loro sono abbastanza grandi per votare
Se si trattasse di vietare veramente l'app per il resto del paese, il percorso più probabile sarebbe quello di classificare TikTok come una minaccia alla sicurezza nazionale. Il governo ha fatto questo ad altre società cinesi, come il produttore di apparecchiature per le telecomunicazioni Huawei. Ma vietare la vendita e l'uso dell'hardware è più semplice di un'app, che è distribuita su un Internet globale notoriamente impossibile da regolare o controllare. E non c'è alcuna garanzia che sopravviva a una sfida giudiziaria.
“I tribunali non vedono bene questo tipo di legislazione, o non l'hanno fatto quando Trump ha proposto un divieto simile. Ma è successo tre anni fa e l'antagonismo nei confronti della Cina è solo aumentato negli anni successivi", ha affermato Sarah Kreps, direttrice del Tech Policy Institute della Cornell University.
E ancora, anche se il governo federale vietasse ad Apple e Google di ospitare TikTok nei loro app store, probabilmente ci sarebbero ancora modi per accedere alla piattaforma sul web o in app store alternativi (almeno su dispositivi Android). Sarebbe molto più difficile, però, e ciò potrebbe scoraggiare la maggior parte degli utenti dal provare.
TikTok ha anche alcune cose da fare. Con oltre 100 milioni di utenti negli Stati Uniti, ci sarebbe sicuramente indignazione se il governo vietasse l'app che amano e su cui trascorrono ore ogni giorno. La base di utenti di TikTok potrebbe distorcere i giovani, ma molti di loro sono abbastanza grandi per votare. E sono tutti in grado di scrivere lettere arrabbiate o protestare fuori dagli uffici dei legislatori che vietano la divertente app di condivisione video che amano. Per non parlare delle aziende che fanno sempre più affidamento su TikTok per le loro campagne pubblicitarie digitali e potrebbero non essere entusiaste di vederlo portato via. I legislatori e i direttori dell'FBI potrebbero non avere molto bisogno di TikTok, ma milioni di altri sì.
Nonostante tutti i soldi spesi da TikTok per sostenere la DC, i suoi sostenitori più efficaci potrebbero essere le persone che non paga affatto.


RSS - Mastodon