Parliamo di...

Crisi del diesel nella UE a causa della crisi con la Russia: anche Bloomberg se ne accorge

#17Gennaio  #Economia 

Contenuto originale di RENOVATIO 21
L’UE avrà difficoltà a sostituire il diesel russo quando il 5 febbraio entrerà in vigore un divieto sui prodotti petroliferi del paese e un tetto massimo di prezzo, ha riferito Bloomberg venerdì scorso.
Secondo la testata, citando i dati di tracciamento delle navi di Vortexa, l’UE ha importato circa 220 milioni di barili di prodotti di tipo diesel dalla Russia nel 2022. A dicembre, circa il 40% del carburante è arrivato nel blocco europea dal Paese sanzionato.
Mentre la dipendenza della regione dai prodotti petroliferi russi è stata ridotta lo scorso anno, nel 2021 più della metà di tutte le spedizioni marittime verso l’UE e il Regno Unito erano russe, il che dimostra ulteriormente la difficoltà di sostituire i barili che cadranno sotto il divieto in meno di tre settimane.
I dati hanno mostrato che l’UE ha già iniziato ad aumentare le spedizioni di diesel dall’Arabia Saudita e dall’India. Gli analisti affermano che queste spedizioni potrebbero essere ulteriormente aumentate quest’anno, attraverso una serie di nuove raffinerie di petrolio che presto entreranno in funzione. Gli esperti indicano anche che gli Stati Uniti hanno il potenziale per fornire più diesel al blocco.
Inoltre, la Cina potrebbe indirettamente aiutare la regione ad acquisire forniture di gasolio. Si prevede che le esportazioni di carburante diesel del paese saranno simili in volume a quelle che l’UE e il Regno Unito ricevevano dalla Russia prima delle sanzioni. Anche se queste spedizioni di solito non finiscono in Europa, potrebbero sostituire i volumi di altri produttori, che sarebbero quindi liberi di fornire il loro carburante alla regione.
L’UE potrebbe anche utilizzare paesi intermediari per ottenere il carburante. La Turchia, non essendo uno stato membro e quindi non soggetto a sanzioni contro Mosca, potrebbe aumentare le importazioni di diesel russo e venderlo al blocco dopo la raffinazione, cosa consentita dai termini del divieto e del prezzo massimo. Tuttavia, in tal caso, il costo finale del carburante potrebbe essere molto più elevato.
Gli esperti avvertono che le sanzioni potrebbero portare alla scomparsa totale dei barili russi dal mercato globale, se il Paese non riesce a trovare nuovi acquirenti extra-UE. Ciò costringerebbe Mosca a tagliare la produzione e, di conseguenza, a ridurre l’offerta complessiva e ad aumentare i prezzi. Insieme all’elevata domanda, ciò potrebbe portare a un peggioramento della crisi energetica nel blocco europeo.
Come riportato da Renovatio 21, le sanzioni hanno creato un incubo inflattivo nei combustibili diesel e in Europa e USA.
In Europa abbiamo già avuto un Paese con grosse difficoltà nel diesel, al punto da avere autostrade sprovvista: è l’Ungheria.
Tutto il trasporto su gomma – cioè ciò che permette ai prodotto di arrivare a destinazione – è basato su diesel. Paralizzare il mercato del diesel significa fermare l’intera economia mondiale.
Nove mesi fa Renovatio 21 ha pubblicato un’attenta e profetica analisi di William F. Engdahl su come le sanzioni NATO avrebbero causato il prossimo disastro globale del diesel e di lì il collasso economico mondiale.
«La crisi globale del carburante diesel in corso, salvo un’importante inversione di tendenza, è un impatto drammatico su tutte le forme di trasporto su camion e auto, agricoltura, estrazione mineraria e simili. Significherà una catastrofe per un’economia mondiale già in crisi» scriveva l’analista americano.
« La vera economia globale interconnessa industriale non è come un gioco di giocattoli lego. È altamente complessa e finemente sintonizzata. Quella sintonizzazione fine viene sistematicamente distrutta e tutte le prove sono che è deliberata. Benvenuti nell’agenda eugenetica del Great Reset di Davos».


RSS - Mastodon