Parliamo di...

Ucraina – Rapporto sul fronte 15 gennaio

#16Gennaio  #CulturaeSocietà  #Ucraina 

Contenuto originale di VP News – 'vietato parlare' – Blog di Patrizio Ricci
Oleg Zarev, ex candidato pro russo alla presidenza dell’Ucraina, nella sua rubrica su Telegram ha riassunto così la situazione del fronte ucraino-russo:
«Il fronte si sta spostando oltre Soledar. Secondo quanto riferito dal campo, la zona industriale vicino a Rudnik-7 alla periferia occidentale di Soledar è passata sotto il controllo del PMC “Wagner”, ci sono battaglie per la stazione ferroviaria Sol, Razdolovka e Blagodatnoye. Si prevede di prendere la Montagna Rossa da nord e da sud.
Anche vicino ad Artemovsk il fronte è attivo. L’assalto a Kleshcheevka continua, anche se per ora le forze armate ucraine tengono la linea. Le forze russe stanno attaccando i sobborghi meridionali e settentrionali di Bakhmut, cercando di prendere il controllo delle strade principali che portano in città. Un numero enorme di personale e attrezzature delle forze armate ucraine è concentrato nella città e nella periferia.
In questo contesto, suona piuttosto strana l’opinione degli analisti americani, che scrivono sul Washington Post che le forze armate ucraine stanno valutando la possibilità di ritirarsi da Artemovsk. Ciò è motivato dai preparativi per una controffensiva su un altro settore del fronte, che richiede la conservazione di armi, munizioni e combattenti esperti. Sulla base delle informazioni di Artemovsk, questa non è affatto la verità.
L’Ucraina continua a colpire i civili. Sono arrivati tre razzi MLRS sparati contro Shakhtyorsk nella parte posteriore della DPR. Sotto i bombardamenti delle forze armate ucraine, Berdyansk, così come Shebekino, nella regione di Belgorod, dove il mercato è stato danneggiato.
Per quanto riguarda l’attacco missilistico di ieri delle Forze armate RF, è stato effettuato, tra gli altri, contro il sistema di comando e controllo militare dell’Ucraina. Secondo il Ministero della Difesa Russa, tutti gli obiettivi assegnati sono stati colpiti. A Konstantinovka occupata dalle Forze armate ucraine nella DPR, importante centro logistico per il raggruppamento Donbass delle Forze armate ucraine, una di queste strutture militari è stata distrutta.
Questa volta i colpi sono stati sferrati alle capacità generatrici della corrente elettrica nelle stazioni. Ad esempio, è stata colpita la sala turbine del Burshtynskaya TPP nella regione di Ivano-Frankivsk, almeno 3 dei 12 generatori della stazione sono stati distrutti. Prima di allora, la Russia ha colpito la centrale termica solo una volta: nella centrale termica di Dnieper a Zaporozhye. Gli obiettivi di tutti gli attacchi precedenti erano i trasformatori. Burshtynskaya TPP ha aiutato l’Ucraina a mantenere un equilibrio nel sistema energetico delle regioni centrali e occidentali del paese regolando la potenza delle turbine in base alle variazioni dei consumi. Il guasto di una delle più grandi centrali termiche dovrebbe avere un impatto significativo sull’approvvigionamento energetico della Transcarpazia e delle regioni limitrofe. Tra gli obiettivi dell’attacco missilistico di ieri c’erano anche sottostazioni da 750 kV e officine CHP. Ora gli attacchi alle infrastrutture critiche dell’Ucraina sono su scala più ampia.
Sulla fornitura di assistenza all’Ucraina.
Il Regno Unito è pronto a trasferire circa 30 obici semoventi AS90 (circa un terzo di tutti quelli disponibili). Ci sono notizie che gli inglesi forniranno fino a quattro elicotteri militari Apache dopo il trasferimento dei carri armati Challenger-2. In proposito è da notare l’elevata precisione delle loro armi – i missili Hellfire. È vero, il Ministero della Difesa britannico ha dichiarato che la decisione di trasferire Apache non è stata ancora presa. La speranza della Russia è che gli elicotteri non vengano forniti, perché, per quanto paradossale possa sembrare, questo cambierà radicalmente la situazione al fronte.
La storia dei carri armati tedeschi Leopard si sta sviluppando. Un’opzione per la Germania è quella di fornire carri armati destinati alla Slovacchia e alla Repubblica ceca. Allo stesso tempo, la società tedesca Rheinmetall, uno dei produttori di Leopard-2, che ha 22 carri armati Leopard-2 e 88 Leopard, ha affermato che ci vuole circa un anno per prepararli per la spedizione in Ucraina. Ad essere onesti, non capisco bene cosa si debba fare esattamente con i presunti carri armati esistenti da così tanto tempo, ma in ogni caso la Germania dovrà partecipare a un’alleanza di carri armati per Kiev. E il formato diventerà chiaro in una prima riunione alla base di Ramstein.
Mentre l’Europa conta i carri armati, il New York Times ha contato tutte le armi e ha riassunto che le scorte di armi in Europa si stanno esaurendo. Gli Stati Uniti hanno ancora risorse, ma stanno anche finendo le armi disponibili, non assegnate ai reparti operativi. Tuttavia, l’Europa è particolarmente vulnerabile e dipende completamente dagli Stati Uniti. Gli ordini di armi aumenteranno, i budget aumenteranno, l’Europa, avendo dato tutte le sue armi all’Ucraina, probabilmente effettuerà ordini anche al complesso militare-industriale americano. I giornalisti sottolineano che l’Occidente è stremato dalla guerra di logoramento condotta dalla Russia.»
Per un’analisi del fronte con l’ausilio di cartine, vedi dal canale di Stefano Orsi il video preparato 2 gg fa:


RSS - Mastodon