Parliamo di...

Gli Stati Uniti non possono produrre abbastanza inneschi al plutonio per le sue testate nucleari

#15Gennaio  #Tech  #worldnews  #NuclearWeapons  #nukes 

Contenuto originale di VICE US - Motherboard
Il potere americano fa affidamento sulla costante minaccia di annientamento nucleare. Uno dei motivi per cui l'esercito americano è così potente è che il paese è seduto su più di 5.000 potenziali armi nucleari per la fine del mondo. Ma quelle armi nucleari stanno invecchiando e l'America non ne ha più costruite. L'obiettivo del Pentagono è aumentare la produzione e realizzare 80 pozzi di plutonio, il meccanismo di attivazione delle armi nucleari, all'anno entro il 2030. Un nuovo rapporto degli investigatori federali afferma che è un sogno irrealizzabile.
Annuncio pubblicitario
Un pozzo nucleare è una sfera cava di plutonio. A livello di base, le armi nucleari funzionano circondando una di queste sfere con esplosivi ad alto potenziale. Quando gli esplosivi ad alto potenziale esplodono, applicano una pressione uniforme alla fossa di plutonio e provocano un'esplosione nucleare. Sono un ingrediente chiave nelle armi nucleari, ma l'America non ne ha fatte di nuove dal 1989.
L'infrastruttura nucleare americana si sta sgretolando e ha un disperato bisogno di modernizzazione, secondo il Pentagono. Per mantenere in funzione le armi nucleari americane, il Pentagono vuole ricominciare la produzione. Secondo un nuovo rapporto del Government Accountability Office (GAO), non sta andando bene.
Questo non è scioccante. La National Nuclear Safety Administration (NNSA) ha avvertito il Congresso nel 2022 che il piano ufficiale per rispettare una scadenza di 80 pozzi prodotti all'anno entro il 2030 non sarebbe stato realizzato. Secondo il GAO, l'NNSA non sa nemmeno quanto costerà creare l'infrastruttura per costruire questi pozzi, di quali risorse avrà bisogno o quanto tempo impiegherà il progetto. "Secondo i funzionari, tale stima del costo del ciclo di vita non è stata completata a causa delle preoccupazioni sul rilascio di informazioni preliminari o incerte", afferma il rapporto.
Per un breve periodo dopo la fine della Guerra Fredda sembrò possibile un ampio disarmo nucleare. Ciò non è accaduto e ora gli Stati Uniti sono in ritardo rispetto agli obiettivi di modernizzazione che si erano prefissati.
I programmi di armi nucleari statunitensi sono stati segnati da problemi negli ultimi dieci anni. Dopo la fine della Guerra Fredda, le persone e i funzionari governativi iniziarono a ignorare le armi nucleari. Trascurati, i missili e le bombe capaci di porre fine al mondo cominciarono a invecchiare. A Los Alamos, dove vengono realizzati i pozzi di plutonio, negli ultimi anni le lacune nella sicurezza hanno ripetutamente bloccato il lavoro. I computer di comando e controllo degli Stati Uniti utilizzavano ancora grandi floppy disk fino al 2019. E gli aviatori che sorvegliavano i missili nucleari Minuteman hanno ammesso di aver fatto cadere l'acido durante il lavoro nel 2015 e nel 2016.
C'è una rinnovata corsa agli armamenti nucleari con Cina e Russia. Mosca ha ripetutamente lanciato minacce nucleari durante la sua invasione dell'Ucraina e Putin ha preso in giro nuove armi nucleari avanzate negli ultimi cinque anni. La Cina, che una volta aveva una quantità relativamente bassa di armi nucleari per essere una superpotenza globale, ne ha costruite di più.


RSS - Mastodon