Parliamo di...

L’intelligence statunitense ha stabilito un “congelamento profondo” sulla Serbia in risposta al sentimento filo-russo

#15Gennaio  #conflittineiBalcani  #SerbiaRifiutaNATO 

Contenuto originale di controinformazione.info
L’intelligence statunitense ha stabilito un “congelamento profondo” sulla Serbia in risposta al sentimento filo-russo
Il mondo intero sta prendendo posizione.
O sei con la bandiera arcobaleno o non lo sei. Non è una scelta difficile.
RT:
Washington non è contenta della nuova scelta del capo spia di Belgrado e intende sospendere la cooperazione dell’intelligence fino a quando la Serbia non ripenserà le sue “soluzioni del personale“, ha affermato venerdì l’affiliata locale della CNN N1, citando fonti diplomatiche anonime.
Aleksandar Vulin è stato nominato capo della Security and Intelligence Agency (BIA) all’inizio di dicembre. In precedenza era a capo del ministero dell’Interno, ma ha cambiato posto con l’ex capo della BIA Bratislav Gasic nell’ambito di un rimpasto di governo.
Secondo N1 , gli Stati Uniti hanno ripetutamente segnalato alla Serbia di disapprovare la nomina, più recentemente in un incontro tra l’ambasciatore statunitense Christopher Hill e il ministro degli Esteri Ivica Dacic la scorsa settimana.
“Fonti affidabili” hanno detto all’outlet che Hill ha minacciato un “congelamento profondo” in collaborazione tra la BIA e la comunità dell’intelligence statunitense, osservando che Vulin rappresentava un “problema importante” per Washington.
Alessandro Volino
Hill avrebbe detto a Dacic che gli Stati Uniti preferirebbero invece collaborare con il ministero dell’Interno, a cui Dacic avrebbe risposto che avrebbe organizzato una visita di Gasic a Washington al più presto.
L’affiliata della CNN afferma che gli Stati Uniti considerano Vulin filo-russo. Come prova, N1 ha indicato i molteplici incontri di Vulin con Nikolay Patrushev, il segretario del consiglio di sicurezza nazionale russo, mentre era a capo della polizia. Hanno anche sollevato le accuse dell’attivista dell’opposizione russo Vladimir Kara-Murza secondo cui Vulin lo avrebbe intercettato per conto di Mosca. Vulin ha negato le accuse e ha detto che avrebbe citato in giudizio Kara-Murza per diffamazione.
Dopo l’incontro di Hill con Dacic la scorsa settimana, il presidente serbo Aleksandar Vucic ha fatto un’osservazione criptica su Belgrado brulicante di spie, chiamando la capitale serba “la nuova Casablanca”, in riferimento al famoso film hollywoodiano della seconda guerra mondiale.
Posso confermare che questo è vero. Ho vissuto a Belgrado nel 2012-2013, e queste persone si avvicinano e iniziano a parlare con te nei bar. Ad esempio, non penso nemmeno di essere stato specificamente preso di mira – non ero molto famoso all’epoca. So solo che aspetto hanno le spie. Almeno quelli ovvi: hanno una serie di domande che pongono e una tecnica molto specifica basata sulla psicologia per cercare di sembrare simpatici.
Queste persone dovrebbero essere espulse dalla Serbia e sostituite con l’esercito russo. Quando questa festa inizierà davvero e la guerra in Ucraina si diffonderà al di fuori dell’Ucraina, la Serbia assisterà a una vera e propria invasione. Praticamente tutti i loro vicini sono negativi.
Francamente, la Russia avrebbe dovuto finanziare una rivoluzione colorata in stile americano in Grecia. I greci sono brave persone, anti-anal e filo-russi. Se i greci fossero nel Team Russia, la situazione sarebbe drasticamente diversa.
Allo stato attuale, la Serbia è l’unica base russa in Europa vera e propria (a parte la Bielorussia) e non è collegata ad alcun amico.
Forse l’Ungheria sta diventando più amichevole, ma questo non aiuta molto.
Deve esserci una sorta di piano affinché la Serbia non venga semplicemente spazzata via.
Traduzione: Mirko Vlobodic


RSS - Mastodon