Parliamo di...

"Extreme overreach": Frydenberg si è sentito tradito dall'appuntamento segreto di Morrison

#24Novembre  #PoliticsFederal 

Contenuto originale di Brisbane Times - Latest News
Salva Accedi, registrati o iscriviti per salvare gli articoli per dopo. Dimensione del testo normale Dimensione del testo più grande Dimensione del testo molto grande Se fosse necessaria un'ulteriore prova che Scott Morrison avesse perso il contatto con la realtà, non solo mentre era primo ministro, ma che la sua malattia si fosse protratta per mesi, è arrivata durante la sua prima conversazione con Josh Frydenberg dopo che Anthony Albanese ha rivelato che il Tesoro era uno dei ministeri segreti dell'ex primo ministro. Quasi subito dopo lo sbalorditivo annuncio di Albanese, Morrison ha cercato di contattare Frydenberg, apparentemente per scusarsi con il suo ex vice. Frydenberg ha ignorato i primi tentativi di Morrison, non fidandosi di se stesso per parlargli, poi alla fine ha risposto. Frydenberg in realtà non riesce a ricordare che Morrison abbia usato la parola "s" - scusa. Josh Frydenberg si è sentito tradito da Scott Morrison che si è nominato segretamente nel portafoglio del Tesoro. Credit:Marija Ercegovac Ciò che è rimasto davvero impresso nella mente di Frydenberg, e nel suo gozzo, è stata la risposta di Morrison in quella conversazione iniziale quando un Frydenberg profondamente deluso gli ha detto: "Non lo rifaresti se avessi finito il tuo tempo!" Morrison rispose: “Sì, lo farei.” Frydenberg era sconcertato. Quando gli ha chiesto perché l'avesse fatto, Morrison non ha avuto una spiegazione coerente, se non per dire che "Nessuno capisce com'era" - un tema che avrebbe ripreso nella sua conferenza stampa successiva, quella in cui ha anche insistito sul fatto che lui e Frydenberg è rimasto "il migliore degli amici". Frydenberg era incredulo. Dopo alcuni giorni, Morrison telefonò di nuovo a Frydenberg. Gli disse che aveva pensato alla loro conversazione. Riflettendoci, ha detto, no, probabilmente non avrebbe preso il Tesoro se avesse finito il suo tempo. Nota, ha fatto riferimento solo al Tesoro. E non c'erano ancora scuse. Quando ho chiesto a Frydenberg se considerava ancora Morrison un amico, ha risposto istintivamente: "Sì". Quando gli ho chiesto se l'amicizia fosse stata danneggiata, la risposta è stata la stessa: "Sì". una relazione che non sarà mai più la stessa.
Annuncio
Morrison iniziò in politica con pochi amici e finì con ancora meno. Le persone che gli erano rimaste accanto per decenni, che avevano combattuto tutte le sue battaglie, radunato i suoi numeri, pregato con lui e difeso - spesso a un certo costo per la propria reputazione e carriera - si sentivano usate, ferite e ingannate. Quando abbiamo parlato alla fine di agosto 2022, dopo che Frydenberg aveva trascorso una settimana nel Queensland con la sua famiglia, era la prima volta che accettava di parlare pubblicamente delle azioni di Morrison. Frydenberg ha scoperto cosa aveva fatto Morrison sui social media dopo che Albanese lo aveva annunciato. Amici e giornalisti lo hanno bombardato di messaggi, per lo più con l'emoji dagli occhi finti che raddoppia per OMG e WTF, che è esattamente quello che ha sentito. Allora abbiamo avuto una breve conversazione. Era arrabbiato, ferito, confuso, ammutolito. È stato un tale tradimento della fiducia. Ha discusso se rispondere o meno pubblicamente. Dopo aver deciso che l'avrebbe fatto, e per farlo prima per questo libro, ha impiegato alcuni giorni dopo la vacanza in famiglia per comporre una risposta. E per ricomporsi. "È impossibile valutare correttamente il processo decisionale durante la pandemia senza comprendere il contesto in cui sono state prese le decisioni", mi ha detto Frydenberg. “Abbiamo affrontato una pandemia che accade una volta ogni secolo, una crisi in evoluzione, carica di incertezza su ciò che ogni giorno avrebbe portato. Ciò significava che dovevamo prendere e convivere con decisioni sia sul fronte sanitario che economico che in tempi normali non sarebbero mai state contemplate.
Annuncio
“Detto questo, non credo ci fosse motivo per Scott di assumere il portafoglio aggiuntivo di Treasury. Il fatto che l'abbia preso, e che non sia stato reso trasparente a me e agli altri, è stato sbagliato e profondamente deludente. "È stato un eccesso estremo." È stata una risposta misurata e attentamente calibrata da parte di Frydenberg mentre cercava di trasmettere sia empatia che rabbia, in parte la separazione personale da Morrison - essenziale se vuole riprendere la sua carriera politica - in parte l'approvazione del loro processo decisionale durante il Covid e in parte l'occupazione di l'alto livello morale. A cui aveva diritto. Frydenberg, secondo le sue stesse parole, era stato "fedele fino all'eccesso" nei confronti di Morrison. Ed è così che è stato ripagato. Sebbene sapesse che Morrison aveva acquisito salute, non sapeva di aver assunto finanziamenti e non sapeva di essere passato ad altri portafogli, compreso il suo. Frydenberg stava lottando per venire a patti con tutto questo. Josh Frydenberg ha lottato per conciliare la conoscenza con la sua amicizia con Scott Morrison. Credito: Alex Ellinghausen Durante la nostra conversazione, si stava ancora scervellando cercando di pensare a cosa, se non altro, avrebbe potuto spingere Morrison ad acquistare Treasury. Le chiacchiere sulla leadership non si erano riprese fino a molto più tardi nel 2021, quindi Frydenberg non pensava che fosse quello, anche se, come ha rivelato Morrison, si stava medicando per dormire, chissà cosa stava pensando. E, come scritto in precedenza, Alex Hawke ritiene che Morrison fosse convinto che i parlamentari stessero complottando contro di lui. L'ex ministro del gabinetto laburista Gerry Hand amava dire che tutti i primi ministri dopo un po' impazziscono, anche in tempi apparentemente normali, e questi erano tempi straordinari.
Annuncio
Ci sono stati, tuttavia, due eventi alla fine di aprile, settimane prima del bilancio del 2021 e solo pochi giorni prima dell'acquisizione segreta di Morrison, che secondo Frydenberg potrebbero aver contribuito alla decisione di Morrison di acquisire il Tesoro. Uno era una notizia che affermava che Frydenberg stava respingendo un prelievo per finanziare l'assistenza agli anziani che Morrison stava sostenendo. Frydenberg era preoccupato che la storia fosse un tentativo di dividerli e lo disse a Morrison. Morrison gli ha detto che non sarebbe successo perché: "Mi fido di te, Josh." Bulldozer di Niki Savva Il secondo, difficile da comprendere data l'abbandono delle donne dal Partito Liberale, era in vista del bilancio di quell'anno per l'11 Maggio, quando Morrison resisteva ferocemente a una spinta di Frydenberg per fornire finanziamenti extra per l'assistenza all'infanzia. Il governo stava già spendendo circa 10 miliardi di dollari per l'assistenza all'infanzia, ha affermato Morrison, e non era convinto della sua "efficacia". Frydenberg, lavorando con Jane Hume, Anne Ruston, Marise Payne e Alan Tudge, aveva messo insieme un pacchetto del valore di 1,8 miliardi di dollari che avrebbe aiutato in particolare quelli con due o più figli. Kelly O'Dwyer aveva utilizzato i sondaggi alcuni anni prima per convincere Morrison a finanziare un pacchetto per donne. Frydenberg ha storto il braccio sull'assistenza all'infanzia, usando minacce implicite. "Ti sto dicendo come tesoriere che voglio questo, ne hai bisogno, hai ministri che lo supportano", ha detto Frydenberg a Morrison. È stata una vittoria rara. Frydenberg era orgoglioso di essere stato in grado di ribaltare Morrison su una questione in cui aveva opinioni molto forti. Dopo aver sentito che l'acquisizione segreta di Morrison era avvenuta il 6 maggio 2021, a soli cinque giorni dal budget di quell'anno, un Frydenberg gravemente contuso, che si era vantato della sua lealtà, non poteva fare a meno di chiedersi se quei due eventi potessero averlo innescato. Non riusciva a pensare a nessun'altra spiegazione, e Morrison non era stato certo in grado di fornirne una che avesse un senso, a parte il fatto che sarebbe stato incolpato comunque di tutto, e che nessuno sapeva com'era essere lui.
Annuncio
Se Frydenberg lo avesse saputo prima, dice che avrebbe insistito affinché Morrison revocasse la sua acquisizione. Avrebbe detto a Morrison di essere il vicecapo e il tesoriere, non lui. I colleghi affermano che se Mathias Cormann lo avesse saputo, "sarebbe impazzito". Come farebbe Karen Andrews. Anche Stuart Robert e Alex Hawke gli avrebbero detto di fare marcia indietro. Sarebbe stato un primo ministro coraggioso, o temerario, o completamente illuso, a persistere di fronte a un'opposizione così diffusa. Oppure, a seconda del suo stato d'animo, avrebbe potuto correre dal governatore generale per indire le elezioni. Se Morrison avesse resistito, Frydenberg è convinto che ci sarebbe stata una sfida, a causa del livello di indignazione nei ranghi moderati e conservatori del partito. Più probabilmente, nonostante la completa assenza di rimorso in seguito, Frydenberg crede che Morrison avrebbe fatto uno dei suoi famosi "pivot" e avrebbe rinunciato ai ministeri aggiuntivi. Anche quelli che di solito erano annoverati tra i pochi amici di Morrison al governo, che lo avevano seguito religiosamente, letteralmente, inclusi Hawke e Robert, rimasero sgomenti. Robert, che continuava a pregare regolarmente con Morrison sia alla Loggia che nel suo ufficio al Parlamento, in particolare prima dei grandi eventi, pensava che fosse "pazzo". L'ex ministro e amico intimo di Morrison, Stuart Robert, ha detto che il capo dello staff di Morrison o il capo del suo dipartimento avrebbero dovuto fermarlo. Credito: Alex Ellinghausen Era fortemente offeso dalla mancanza di fiducia di Morrison in lui personalmente per poter entrare in quei portafogli se fosse successo qualcosa ai ministri. "Scotty è un amico, per quanto si possa avere un amico in politica", mi ha detto Robert. "Siamo ancora ragionevolmente vicini in questo senso". Due volte durante un'ora di conversazione, dopo che gli avevo chiesto se fossero ancora amici, ha riso e ha citato la vecchia massima: "Se vuoi un amico in politica, prendi un cane".
Annuncio


RSS - Mastodon