Vitamina C per la skincare: come si usa, benefici e prodotti

Protagonista della skincare, la vitamina C è diventata un ingrediente super star, il motivo? Illumina, schiarisce ed è anti-age

Foto di Malvina Berti

Malvina Berti

Beauty Editor

Beauty editor dal 2017, ha collaborato con le più importanti realtà editoriali, da Condé Nast a Hearst, passando per il gruppo RCS. Capo redattore del ClioMakeUp Blog (2017-2019) ha vinto il premio MacchiaNera Internet Awards nel 2018 come "Miglior sito di bellezza".

Conosciuta anche con il nome di Acido Ascorbico, la vitamina C è diventata negli ultimi anni uno degli ingredienti super star più richiesti all’interno della skincare, tanto che i brand hanno dato vita a linee esclusive incentrate su questo tema.

Utilizzata all’interno delle formulazioni di sieri, tonici, trattamenti intensivi e creme viso, la vitamina C è molto apprezzata soprattutto per le sue qualità illuminanti, schiarenti e anti invecchiamento. Da usare tutto l’anno – facendo però attenzione ai mesi estivi – è il booster di energia che serve alla pelle per dire addio al grigiore invernale e apparire più luminosa, tonica e bella. Da usare con cautela non è adatta a tutti i tipi di pelle e può essere sostituita con il retinolo. Vediamo tutto quello che c’è da sapere e i prodotti più famosi caratterizzati dalla vitamina C.

Vitamina C, l’ingrediente beauty amato nella skincare

Illuminante, schiarente, tonificante e anti-invecchiamento, le qualità della vitamina C nella cosmesi sono moltissime, motivo per cui, nell’ultimo periodo è diventata sempre di più un beauty trend, tanto da essere oggi tra i super star immancabili nella skincare routine di ogni appassionata di bellezza.

Ideale per nutrire la pelle – soprattutto in inverno – la vitamina C è uno scudo anche contro l’inquinamento e può essere usata tutto l’anno, facendo ovviamente attenzione al metodo d’applicazione. Disponibile in commercio nella sua versione stabilizzata, è possibile trovarla all’interno dei prodotti in percentuali che variano dal 5% al 20%.

Considerata una molecola instabile, il rischio più grande è che possa diventare fotosensibilizzante, per questo motivo il suo utilizzo è consigliato la sera, o sempre in sinergia con la crema solare, con un SPF non inferiore al 15.

I benefici della vitamina C sulla pelle

Per quanto riguarda i benefici, la vitamina C può essere utilizzata in base a varie necessità proprio a seconda della sua percentuale all’interno delle formulazioni, che non sono tutte uguali e che hanno un impatto molto differente sulla pelle.

Ad esempio, se si è alla ricerca di un’azione schiarente per eliminare macchie d’acne o derivate dal sole è importante scegliere un prodotto che al suo interno abbia almeno il 10% di vitamina C.

Ideale per contrastare invecchiamento cutaneo, radicali liberi e i danni causati dai raggi UV questo ingrediente di bellezza aiuta anche a uniformare il tono della pelle, a ridurre la comparsa di imperfezioni e a migliorare i livelli di idratazione. Una vera fonte di protezione dallo stress quotidiano e ossidativo. 

Vitamina C: chi la può usare? No alla pelle sensibile

Nonostante sia un ingrediente consigliato per ogni tipo di pelle è bene affermare che, alcune concentrazioni di vitamina C potrebbero risultare troppo aggressive per chi ha una pelle molto delicata e sensibile oppure se si soffre di rosacea. Per evitare quindi di aggravare la situazione è bene preferire l’utilizzo di questa tipologia di prodotti la sera, oppure in sinergia con la vitamina E, per limitare la possibilità di incorrere in irritazioni.

Sì in caso di acne e imperfezioni

Consigliata invece in caso di pelle impura o con brufoli, la vitamina C riduce l’iperpigmentazione delle macchie scure lasciate dall’acne.

La sua azione interferisce infatti con un enzima chiamato tirosinasi, responsabile della produzione di melanina, un pigmento naturale della pelle. Inoltre, la vitamina C agisce anche come agente schiarente in grado di ridurne la comparsa senza alterare l’incarnato.

Vitamina C per la skincare: come si usa, benefici e prodotti

Siero alla vitamina C

Quando usarla: mattina o sera?

Ideale da inserire nella routine di bellezza dai 30 anni in su, i prodotti alla vitamina C possono essere applicati sia la mattina che la sera a seconda del risultato che si vuole ottenere.

Sieri, tonici e creme rigeneranti possono essere infatti applicate senza problemi la mattina. Fondamentale, se si usa di giorno è ricordarsi che va sempre integrato lo step della protezione solare. Nonostante la vitamina C sia in grado di mitigare i danni ossidativi e schiarire le macchie causate dall’esposizione al sole, non blocca i raggi UV, ecco perché va sempre usata insieme all’SPF.

Per questo motivo è consigliato applicare i trattamenti intensivi la sera, onde evitare di incorrere in possibili arrossamenti o irritazioni cutanee.

Vitamina C o Retinolo, le differenze

Ingredienti di bellezza complementari, il retinolo (vitamina A) e la vitamina C sono tra i must have per quanto riguarda i cosmetici anti-età. In comune hanno infatti che entrambi hanno un effetto anti-macchie e anti rughe per questo motivo spesso la scelta viene indirizzata su l’uno o l’altro prodotto.

Secondo un mito infatti l’uso sinergico dei due prodotti – molto simili tra loro – andrebbe ad annullarne gli effetti benefici. Nonostante questa diceria non sia mai stata né confermata né smentita, sono molti i dermatologi che consigliano l’uso della vitamina C la mattina e del retinolo la sera. In modo da creare una skincare routine completa a 360°.

Siero alla vitamina C: il prodotto must have

Sicuramente, tra i prodotti più famosi ci sono i sieri alla vitamina C, semplicissimi da includere all’interno della propria skincare routine e dai risultati immediati. Grazie alla loro azione anti-ossidante, questo step permette di ottenere una pelle luminosa e sana, andando anche a potenziare i benefici della crema viso.

Tra i trattamenti più intensivi, questo fluido (da applicare prima della crema) permette alla pelle di combattere l’invecchiamento cutaneo e soprattutto di stimolare la naturale produzione di collagene, fondamentale per il benessere e la bellezza della pelle.

Tonico viso alla vitamina C, la scelta soft per iniziare

Per quanto riguarda invece il tonico viso alla vitamina C, questo passaggio è decisamente più soft rispetto al siero ed è consigliato a chi non conosce bene l’ingrediente e vuole sperimentarlo sulla propria pelle.

Data la sua consistenza acquosa e leggera, il tonico agisce in maniera minore sul benessere cutaneo, ma è un valido alleato per contrastare grigiore e apportare idratazione extra alla routine di bellezza.

Crema viso alla vitamina C, per una costanze azione idratante

Scegliere invece una crema viso arricchita da questo ingrediente potrebbe essere un’ottima soluzione per coloro che cercano un risultato molto evidente e soprattutto un’azione idratante e anti-invecchiamento a lunga durata.

Caratterizzate spesso da una concentrazione più alta di vitamina C, le creme viso coniugano la funzione illuminante con quella umettante, garantendo comfort e protezione alla pelle.