HomeFonte

Gli anni d’oro di ANNA IDENTICI

anna identici

Anna Identici (Castelleone, 30 luglio 1947) è una cantante italiana.

Il suo più grande successo – Quando m’innamoro La versione di TAXI di Anna Identici

Dopo aver partecipato al Festival di Castrocaro nel 1964 arrivando in finale, viene scelta da Mike Bongiorno come valletta per il suo programma televisivo La fiera dei sogni, insieme a due sue colleghe: Milena e Anna Marchetti.

Sanremo e la gloria

anna identici

Nel 1965 vince il Festival di Zurigo con il brano Un bene grande così, e l’anno seguente esordisce al Festival di Sanremo con la canzone Una rosa da Vienna, scritta per lei da Bruno Lauzi su musica di Gianni Guarnieri, che canta in coppia con i New Christy Minstrels classificandosi al quinto posto. Nello stesso anno partecipa al concorso Un disco per l’estate con il brano Una lettera al giorno, e al Festival di Zurigo dove si afferma con Bentornato a casa.

Nel 1967 partecipa nuovamente al concorso Un disco per l’estate con il brano Tanto tanto caro, e all’Oscar Nazionale della Canzone dove si afferma con Il bene che mi dai. Nel 1968 ritorna a Sanremo guidata da Mara Maionchi con Quando m’innamoro, scritta da Daniele Pace e Mario Panzeri su musica di Roberto Livraghi, che diverrà la sua canzone più celebre.

anna identici

Nel 1969 Anna Identici, poco prima di partecipare al Festival di Sanremo, dove avrebbe dovuto cantare la canzone Il treno, tenta il suicidio. Si salva ma verrà sostituita da Rosanna Fratello.

Il 1970 la vede tornare alla ribalta con la conquista del terzo posto al Festival di Napoli con la canzone Distrattamente, che canta in coppia con Tony Astarita.

anna identici

È ancora a Sanremo nel 1970 e nel 1971 rispettivamente con Taxi e Il dirigibile, entrambe cantate in coppia con Antoine. Dopo queste partecipazioni decide di cambiare genere, passando a una musica più “impegnata” e pubblicando nel 1971 l’album Alla mia gente, che contiene canti di lavoro e canzoni legate a temi di attualità.

anna identici

Significativa di questa svolta è la canzone che presenta al Sanremo del 1972 intitolata Era bello il mio ragazzo, che parla dei cosiddetti omicidi bianchi (le morti sul lavoro causate dal mancato rispetto delle norme sulla sicurezza da parte del datore di lavoro). L’anno seguente partecipa per l’ultima volta alla manifestazione canora con Mi son chiesta tante volte.

Nel 1974 riscuote grande successo con la canzone Quaranta giorni di libertà, sigla dell’omonimo sceneggiato televisivo dedicato alla partigiana Repubblica dell’Ossola. In seguito continua a dedicarsi alla musica folk e pubblica diversi album di musica popolare italiana.

Successivamente collabora con Umberto Bindi, duettando con lui nella canzone Se ci sei, che apre l’album Bindi del cantautore genovese, pubblicato nel 1985. L’ultimo suo lavoro in sala di incisione è l’album Maria Bonita del 1986, realizzato in collaborazione con Sergio Bardotti, sul tema della condizione sociale delle donne in Sudamerica. È ricomparsa in TV negli anni 2000 in alcune trasmissioni di revival.

anna identici
Anna Identici in tempi recenti
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione- Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.