Cultura

Accadde oggi, 14 maggio 1955: nasce il Patto di Varsavia

Accadde oggi, 14 maggio 1955: nasce il Patto di Varsavia. Si trattò di un Patto di Alleanza politico-militare e organizzazione di mutua assistenza, tra l’Unione Sovietica e le democrazie popolari dell’Est europeo; nacque nel 1955. Patto ispirato dal desiderio dell’URSS di rafforzare il proprio controllo sui Paesi satelliti e operante attraverso una serie di accordi bilaterali di alleanza.

Accadde oggi, 14 maggio 1955: nasce il Patto di Varsavia

Altro obiettivo sovietico: riarmare la Repubblica democratica tedesca. Il Patto di Varsavia rappresentò una risposta politica al riarmo della Repubblica federale di Germania, consentito dalla sua inclusione nella NATO con gli Accordi di Parigi e di Londra del 1954. Il patto prevedeva un’integrazione militare, consultazioni politiche e un impegno alla difesa reciproca tra URSS, Polonia, Cecoslovacchia, Repubblica democratica tedesca, Romania, Bulgaria, Ungheria e Albania. Quest’ultima però ne uscì di fatto nel 1961, cioè al momento della frattura ideologica con Mosca; e formalmente nel 1968, dopo l’invasione della Cecoslovacchia.

Il Patto di Varsavia e il Cremlino

I sovietici imposero una quasi totale standardizzazione degli equipaggiamenti, della dottrina e delle strategie e procedure militari sul proprio modello. Il patto in quanto tale prese progressivamente a funzionare come copertura politica per dare una parvenza di pariteticità e collettività decisionale tra gli Stati membri, nelle prese di posizione verso la NATO o verso gli stessi membri. Come nel 1968 quando Mosca fece nominalmente decidere al Patto di Varsavia di invadere la Cecoslovacchia e stroncare la Primavera di Praga di Dubcek (nella foto: truppe dell’Armata Rossa sovietica).

La parabola discendente e la fine del Patto di Varsavia

Con l’impossibilità da parte dei sovietici di mantenere l’egemonia sul blocco orientale, il Patto si poteva già considerare militarmente irrilevante nel 1990, quando ne uscì la Repubblica democratica tedesca, che ne era stata il bastione militare verso occidente, con oltre 350.000 soldati sovietici sul proprio territorio. Dopo pochi mesi l’URSS accettò di evacuare le proprie truppe da tutti gli altri Paesi membri entro il 1994, impegno che la Russia avrebbe poi rispettato.

La storia su Radio Cusano Campus e Cusano Italia TV. “La Storia Oscura”, dal lunedì al venerdì on air sulla radio dell’Università Niccolò Cusano dalle 20 alle 21.30. “A Spasso nel Tempo”, in onda sul canale 264 del digitale terrestre alle 23.00 del martedi. Appuntamento con la storia anche il giovedi alle 17.00 a “Pomeriggio con Noi” su Cusano Italia TV del Cusano Media Group.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *