HomeFonte

Esteri

A Kaliningrad, ostaggio tra Mosca e l’Europa. Contro l’embargo si torna all’autarchia

Monumento a Lenin, Kaliningrad 
Monumento a Lenin, Kaliningrad  

Reportage dall'ex Königsberg. Divieti e restrizioni mettono in ginocchio la "zona economica speciale". Aumentano i prezzi e nei negozi ci sono meno merci. E la storica fabbrica Avtotor, la prima ad assemblare auto straniere in Russia, offre orti di patate: "Male che andrà, mangeremo patate"

L'ascolto è riservato agli abbonati

3 minuti di lettura

KALININGRAD - Un enorme manifesto sulla facciata ricorda che questo stabilimento alla periferia Est di Kaliningrad fu il primo, 25 anni fa, ad assemblare un'automobile straniera in Russia. Ma dopo che le sanzioni seguite alla cosiddetta "operazione militare speciale" hanno bloccato le importazioni occidentali anche nel settore automobilistico, un mese fa la storica fabbrica Avtotor che produceva Bmw, Kia e Hyundai è stata costretta a sospendere i lavori per una ventina di giorni.

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,99€/settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale