Metaverso: Meta Pay e la visione di Zuckerberg
HomeFonte

Metaverso: Meta Pay e la visione di Zuckerberg

Meta Pay (ex Facebook Pay) rappresenta solo un tassello della più ampia e ambiziosa visione di Mark Zuckerberg legata al metaverso.
Meta Pay (ex Facebook Pay) rappresenta solo un tassello della più ampia e ambiziosa visione di Mark Zuckerberg legata al metaverso.

Come anticipato il mese scorso, ciò che fino a oggi è stato conosciuto come Facebook Pay diventa Meta Pay. Il rebranding non costituisce un punto di arrivo, bensì il primo passo di un lungo percorso che porterà alla creazione di un wallet attraverso cui gestire non solo i propri metodi di pagamento, ma anche la propria identità nel metaverso.

Meta Pay (ex Facebook Pay) per i pagamenti nel metaverso

L’annuncio è giunto direttamente da Mark Zuckerberg, attraverso un post condiviso sul social network che riportiamo più avanti in forma tradotta. La sua visione è legata a doppio filo alle modalità di fruizione del metaverso, già anticipate nei giorni scorsi presentando alcuni prototipi dei visori in arrivo.

Vi presento Meta Pay e un wallet digitale per il metaverso. Oggi, compiamo un primo passo trasformando Facebook Pay in Meta Pay. Rimarrà lo stesso metodo semplice per acquistare, inviare denaro e donare alle cause che vi stanno a cuore su Facebook, Instagram, WhatsApp, Messenger e ovunque sia accettato. Attuali funzionalità a parte, stiamo lavorando a qualcosa di nuovo: un wallet per il metaverso che vi consentirà di gestire in modo sicuro la vostra identità, ciò che possedete e come effettuate i pagamenti.

Tutto è destinato a ruotare attorno al concetto di beni digitali e alla loro gestione.

In futuro, ci saranno beni digitali di ogni sorta che potreste voler creare o acquistare: vestiti digitali, arte, video, musica, esperienze, eventi virtuali e altro. L’attestazione della proprietà sarà importate, soprattutto volendo portare con sé alcuni di questi asset attraverso servizi differenti.

Beni digitali, creatori e interoperabilità

La volontà dichiarata è quella di abilitare nuove opportunità per i creatori, puntando anzitutto sull’interoperabilità tra i mondi virtuali che saranno messi a disposizione. Non è un caso se l’annuncio è giunto a 24 ore di distanza da quello del Metaverse Standards Forum che, di fatto, si pone lo stesso obiettivo.

Idealmente, dovreste poter prendere parte a qualsiasi esperienza di metaverso trovandovi tutto ciò che avete acquistato. La strada per arrivarci è lunga, ma questo tipo di interoperabilità fornirà esperienze di gran lunga migliori alle persone e grandi opportunità ai creatori. Di fatto, più saranno i luoghi nei quali poter usufruire dei propri beni digitali, maggiore valore acquisiranno, accrescendo di conseguenza il mercato per i creatori. Più semplici saranno le transazioni, più grandi si riveleranno le opportunità per i creatori. Siamo impegnati per arrivarci.

Meta è solo una delle tante realtà attive nell’ambito del metaverso sulle quali puoi investire grazie agli strumenti messi a disposizione dalla  piattaforma eToro MetaverseLife. Ci sono anche Roblox, The Sandbox, Apple, Microsoft, Amazon, Intel e molte altre.

*Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi

*Il 68% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 23 giu 2022
Link copiato negli appunti