HomeFonte

He comes: Zalgo, il meme horror di internet

Se non avete mai sentito parlare di Zalgo, dovete assolutamente informarvi e stare attenti alla frase “He comes” (Lui arriva). E’ con questa frase che di solito viene annunciato Zalgo, un meme, diciamo, “speciale“, che ha come obiettivo quello di prendere un’immagine popolare e sradicarla dal suo stesso essere, deformandola e rappresentandola nuovamente in una versione più macabra, quasi horror. Zalgo è conosciuto anche per una scrittura che lo caratterizza, ovvero lo “Zalgo text” che può utilizzare chiunque tramite lo “Zalgo text generator“. State già andando a cercarlo, vero?

Zalgo, il distruttore dell’internet!

Insomma, abbiamo capito che Zalgo infierisce su ciò che viene proposto in modo mediatico sulla rete. Tutti quei meme che ci fanno tanto ridere diventano improvvisamente inguardabili, viscidi, macabri. Ma per chi non è esperto delle “cose dell’internet“, spieghiamo nel dettaglio cos’è un meme:

Un meme è, ad esempio, una moda, uno stereotipo, un’immagine, che si propaga tra le persone attraverso la copia o l’imitazione mediante disseminazione e condivisione.” – Wikipedia

Quindi un meme diventa un’immagine molto famosa e conosciuta nella rete, che si ripete e si trasforma in varie forme diverse, condivisa da un gran numero di persone. Ed è per questo che Zalgo si diverte a rendere una cosa divertente e così condivisa da tutti quasi una sofferenza. Insomma, perchè far ridere tante persone quando potrebbero morire di paura?

Creatura horror o divina?

Se all’inizio della sua esistenza Zalgo era un semplice meme, ormai è diventato un caso horror. Esso viene rappresentato senza occhi e con sette bocche, che parlano sette lingue diverse e sconosciute. Si dice che quando darà voce alla settima voce ci sarà la fine del mondo! Una creatura horror quanto divina: chi l’ha descritto in modo così accurato si sarà forse ispirato ai miti di Cthulhu?

In ogni caso, ora quando vedremo un meme sarà impossibile non pensare a come lo trasformerebbe Zalgo, anche se forse è sempre meglio non saperlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.