False mail sulla scadenza del Green pass. Il Ministero: “E’ una bufala”

False mail sulla scadenza del Green pass. Il Ministero: “E’ una bufala”

Febbraio 1, 2022 Off Di Redazione

Attenzione alla email che potreste ricevere relative alla scadenza del Green Pass. Stanno circolando false mail del Ministero della Salute che in realtà sono un tentativo di phishing, ossia una truffa on line.

E’ lo stesso Ministero a mettere in guardia gli utenti con un un post pubblicato sui propri canali social ufficiali, insieme alla schermata di una di queste mail fasulle:

Questo è il testo del post:

Stanno circolando email false da un mittente che si finge il Ministero della Salute.

Se hai ricevuto un’email con oggetto “Attenzione: Certificazione verde Covid-19 sospesa”, inviata da “ministerodellasalute.pro.it”, NON proviene dal Ministero della Salute, ma si tratta di un tentativo di #phishing.

Il #phishing è un tipo di truffa effettuata su Internet attraverso la quale malintenzionati cercano di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali per farne un uso improprio.

Per informazioni sulla Certificazione verde Covid-19 chiama il numero 1500

Se ti arriva una mail che ti avvisa della scadenza del Green Pass, non cliccare su nessun link, ma utilizza i canali ufficiali per verificare.

CLICCA QUI PER SAPERE COME CONTROLLARE LA VALIDITA’ DEL TUO GREEN PASS

Attraverso una finta pagina i truffatori cercano di carpire i tuoi dati sensibili per poi trarne profitto in modo illecito. La scadenza del Green Pass poi, è una leva molto efficace in quanto inviando un numero elevatissimo di mail si ha una probabilità molto alta di raggiungere persone che si trovano realmente in questa condizione e che di conseguenza che abboccheranno più facilmente.

Prestate sempre molta attenzione al mittente delle mail che dovrebbero arrivare da enti o istituzioni e verificate attentamente l’indirizzo della pagine web a cui puntano i link interni. Nonostante l’aspetto possa ingannare spesso si tratta di copie realizzate ad arte, abbinate ad un indirizzo web che somiglia a quello reale, ma che in realtà è falso.

“I bambini non prendono il covid gravemente”, ma i medici smentiscono. (lebufaledellarete.com)