HomeFonte

La prima superportaerei cinese "Fujian" è stata varata a Shanghai: in cosa si differenzia dalle altre?

La prima superportaerei cinese "Fujian" è stata varata a Shanghai: in cosa si differenzia dalle altre?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In un'ottica di modernizzazione delle forze armate del Paese, la Cina ha presentato la sua terza e più avanzata portaerei, la Fujian, progettata e costruita interamente all'interno del Paese, secondo quanto riferiscono i media cinesi.

Battezzata con il nome della provincia sud-orientale cinese, la portaerei di nuova generazione tipo-003 ha lasciato i cantieri Jiangnan di Shanghai dopo numerosi ritardi dovuti principalmente al Covid.

Secondo i media cinesi, la portaerei è dotata di un sistema completo di alimentazione di volo e di lancio e arriva quasi 10 anni dopo che Pechino ha messo in servizio la sua prima portaerei.

Costruita presso i cantieri navali avanzati di Shanghai, la Fujian è in grado di competere con le portaerei della Marina statunitense per dimensioni e capacità. La prima al mondo a poter competere con le navi militari di Washington. 

Secondo un articolo del quotidiano cinese Global Times, la portaerei ha un dislocamento di oltre 80.000 tonnellate ed è dotata di catapulte elettromagnetiche e dispositivi di arresto.

I media ipotizzano che la Fujian potrebbe ricevere una versione migliorata del caccia pesante J-15 compatibile con il lancio da catapulta, una variante da guerra elettronica del J-15, un caccia stealth di nuova generazione che dovrebbe essere chiamato J-35, un velivolo ad ala fissa per l'allerta precoce denominato KJ-600 e droni da ricognizione armati.

Si tratta della "prima portaerei a catapulta interamente progettata e costruita dalla Cina", ha dichiarato l'emittente statale CCTV.

La Cina ha già altre due portaerei in servizio. La Liaoning è stata messa in servizio nel 2012, mentre la Shandong è entrata in servizio nel 2019.

Per mantenere la superiorità aerea e il controllo del mare in una regione strategica, sono necessarie tre portaerei, ha spiegato al Global Times l’esperto navale Li Jie, sottolineando che una sarà messa in allerta per il combattimento, una per le missioni di addestramento e l'altra sarà sottoposta a manutenzione.

In termini di ubicazione, la seconda portaerei cinese, la Shandong, è basata a Sanya, nella provincia cinese di Hainan, vicino al Mar Cinese Meridionale, mentre la Liaoning, la prima portaerei, è basata a Qingdao, nella provincia cinese orientale di Shandong, vicino al Mar Cinese Orientale, al Mar Giallo e al Mar di Bohai. Il porto d'origine della Fujian, appena varata, non è ancora stato annunciato.

Parte di uno slogan scritto sulla nave, visibile nelle immagini satellitari, è stato tradotto come "costruire una marina forte e moderna e fornire un forte sostegno alla realizzazione del sogno cinese di un esercito forte".

Alla cerimonia di inaugurazione ha partecipato, tra gli altri, Xu Qiliang, membro dell'ufficio politico del Partito Comunista Cinese e vicepresidente della commissione militare centrale, secondo quanto riportato dal Global Times.

Ridzwan Rahmat, analista della società di intelligence per la difesa Janes, con sede a Singapore, l'ha definita una "pietra miliare importante" per le forze armate cinesi.

"Questo dimostra che gli ingegneri cinesi sono ora in grado di produrre internamente l'intera gamma di navi da combattimento di superficie associate alla moderna guerra navale, tra cui corvette, fregate, cacciatorpediniere, navi d'assalto anfibio e ora una portaerei", ha dichiarato l’esperto all'AP.

La presentazione della nuova portaerei giunge nel momento in cui si acuiscono le tensioni tra Pechino e Washington su una serie di questioni, tra cui le ingerenze statunitensi sulla questione riguardante Taiwan. 

La scorsa settimana il ministro della Difesa cinese Wei Fenghe ha esplicitamente avvertito che se Taiwan dichiarasse l'indipendenza, la Cina inizierebbe immediatamente la guerra e continuerebbe a combattere fino a raggiungere il suo obiettivo ad ogni costo.

“Permettetemi di dirlo chiaramente: se qualcuno oserà fare la secessione di Taiwan dalla Cina, non esiteremo a combattere. Combatteremo a tutti i costi e fino alla fine. Questa è l'unica opzione per la Cina", ha dichiarato in occasione del Dialogo di Shangri-la, un vertice sulla sicurezza asiatica tenutosi a Singapore.

Le sue osservazioni sono arrivate settimane dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha messo in guardia la Cina su Taiwan.

Le tensioni tra Stati Uniti e Cina su Taiwan hanno raggiunto un picco drammatico con il dispiegamento di truppe statunitensi nel territorio lo scorso anno a scopo di addestramento.

All'inizio del mese Washington ha approvato la vendita di attrezzature navali a Taiwan per 120 milioni di dollari, per aumentare la "prontezza di combattimento" dell'isola di fronte alle "frequenti attività" della Cina nei pressi del territorio secessionista.

L'ultimo accordo è stato il terzo pacchetto di armi offerto a Taipei quest'anno e il quarto da quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è entrato in carica nel gennaio 2021.

Pechino, che ha ripetutamente messo in guardia gli Stati Uniti sui legami ufficiali con Taiwan, afferma che i contatti degli Stati Uniti con Taiwan e le vendite di armi all'isola sono una violazione della sovranità cinese.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti