HomeFonte
Attacco

Elezioni, Toti attacca: “Miopia sconcertante del Governo, i partiti vogliono blindare il sistema politico italiano”

Bocciato un emendamento che avrebbe reso più facile la presentazione della sua lista alle prossime elezioni

toti draghi

Liguria. “La miopia della maggioranza di governo, e del Governo stesso, circa la crisi complessiva rilevata dal voto alla Camera sul Dl Elezioni è quanto meno sconcertante”. Così scrive in una nota il presidente della Liguria e di Italia al Centro Giovanni Toti. Ieri il suo gruppo alla Camera aveva presentato un emendamento, bocciato dall’Aula, per esonerare dalla presentazione delle firme le liste espressione di una componente o di un gruppo parlamentare costituiti in una delle due Camere.

“L’idea dei principali partiti di blindare il sistema politico italiano, in piena decadenza come dimostra la storia di questa legislatura, impedendo di fatto la presentazione di nuove forze politiche alle prossime elezioni, dimostra, al di là di ogni dichiarazione, la volontà dei partiti di blindare la propria classe dirigente e di costringere la volontà degli elettori”.

“Che ciò avvenga all’indomani di un voto che ha penalizzato quasi tutti i partiti tradizionali a favore di forze nuove e civiche è un conclamato ulteriore segno di miopia – continua Toti -. Una miopia che sta uccidendo il sistema della rappresentanza, già duramente provato. La posizione del Governo in aula, un governo che dovrebbe traghettare il Paese fuori da una crisi di sistema, è ancora più incomprensibile”.

“Ognuno oggi è in grado di valutare, voto alla mano, chi crede nel rinnovamento dell’Italia e chi invece cerca di salvare la propria poltrona escludendo gli altri dalla dialettica democratica. Ringrazio Giorgia Meloni, i suoi parlamentari e Azione, gli unici ad aver appoggiato le nostre posizioni, per lo spirito di democrazia e libertà dimostrato, sostenendo i nostri ordini del giorno”, conclude il presidente ligure.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.