The Band, pagelle 4a puntata e classifica/ Cherry Bonds e Jf Band al top, Mons e N’ice Cream flop

- Chiara Ferrara

Le pagelle della 4a puntata di The Band, il nuovo talent show a tema musicale condotto da Carlo Conti: vincono le Cherry Bonds

the band
the band

The Band, pagelle 4a puntata: Jf Band serata al top! Vediamo la classifica

La quarta puntata di The Band, il nuovo talent show di Rai 1 condotto da Carlo Conti, ha regalato anche questa sera tante emozioni: gli otto cantanti in gara si sono esibiti e dunque adesso è il momento di dare i voti con le pagelle. A trionfare nella classifica complessiva sono state le Cherry Bombs della tutor Giusy Ferreri, che si sono esibite in una splendida versione di “Beautiful” di Christina Aguilera. In abiti sexy hanno portato sul palco un messaggio di positività, soprattutto per i più giovani, che non è certamente passato inosservato. Voto 7. A completare il podio, in ex equo, sono state due band. Una è la Jf Band del tutor Federico Zampaglione, che si è esibita in una versione dolce e pulita di “Perché no” di Lucio Battisti. Voto 8. L’altra è Isoladellerose, che si conferma tra le preferite. La band del tutor Enrico Nigiotti però è apparsa un po’ sottotono: la scelta di cantare l’insidioso brano “La canzone dell’amore perduto” non ha pagato come in altre occasioni. Voto 5,5.

Alle spalle del podio, al quarto posto, si sono posizionate invece le Living Dools del tutor Francesco Sarcina. Straordinaria energia sulle note dei Led Zeppelin, nonostante l’imprevisto della corda di chitarra spezzata che le ha costrette a fermarsi e a ricominciare.

The Band, tutti i flop della serata

Dal quinto posto in giù, nelle pagelle della quarta puntata di The Band, ci sono praticamente soltanto flop. A piazzarsi al quinto posto sono stati gli Achtung Babies del tutor Rocco Tanica. La band si è esibita sulle note di “Wish you were here” dei Pink Floyd, ma con poca personalità ed anche qualche defezione con l’inglese. Voto 5. Il terzultimo posto invece è andato ad Anxia Lytics. La band di Dolcenera ha portato sul palco una versione molto rivoluzionata di “Sound of silence” di Simon & Garfunkel, quasi in chiave heavy metal. Lo stravolgimento non ha per nulla pagato.

Al penultimo posto invece N’Ice Cream della tutor Irene Grandi. La band si è esibita in “Acqua e Sapone” degli Stadio, ma anche questa sera come le altre volte non ha entusiasmato: decisamente troppe imprecisioni e poca personalità. Voto 5. Infine, fanalino di coda sono i Mons del tutor Marco Masini, la cui esibizione è stata un vero e proprio disastro. Il brano era “Insuperabile” di Rkomi, con tanti e troppi errori a livello musicale e canoro. Il piazzamento in classifica lo dimostra. Voto 4,5.







© RIPRODUZIONE RISERVATA