HomeFonte
cerca CERCA
Mercoledì 18 Maggio 2022
Aggiornato: 01:00
Temi caldi

Finlandia a Putin: "Vogliamo entrare nella Nato". La replica: "Un errore"

14 maggio 2022 | 11.16
LETTURA: 2 minuti

La risposta del leader del Cremlino dopo la telefonata del presidente del Paese nordico

alternate text
(Fotogramma/Ipa)

La decisione della Finlandia di abbandonare la sua tradizionale neutralità e di entrare nella Nato è "sbagliata" dal momento che "non ci sono minacce alla sua sicurezza". Lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin al suo omologo finlandese Sauli Niinisto, secondo quanto riporta l'agenzia Tass. Rispondendo a Niinisto, che gli ha annunciato la decisione di voler aderire alla Nato, Putin ha sostenuto che tale mossa "potrebbe avere un impatto negativo sulle relazioni russo-finlandesi". Durante la stessa chiamata, il presidente russo ha detto che i negoziati di pace tra Mosca e Kiev sono sospesi a causa del governo ucraino, "che non ha alcun interesse a sviluppare un dialogo serio e costruttivo".

Leggi anche

Da Mosca nei confronti di Svezia e Finlandia non vi è alcuna intenzione ostile" aveva detto in mattinata il viceministro degli Esteri russo, Alexander Grushko all'agenzia stampa di Stato Ria secondo quanto riportato dal Guardian. "Non vi è, quindi, alcuna 'vera' ragione, quindi, per l'ingresso di questi due Paesi nella Nato" aveva sottolineato. L'agenzia russa Interfax, rilanciata dalla Bbc, riporta inoltre che Grushko ha messo in guardia contro la "militarizzazione" della regione, portata avanti dalla Nato, avvertendo che Mosca reagirà in caso di dispiegamento di armi nucleari ai suoi confini. Su Ria, Grushko ha anche detto che una espansione della Nato a Finlandia e Svezia provocherà una "reazione politica" di Mosca.

LA TELEFONATA - Il presidente della Finlandia Sauli Niinisto ha informato il suo omologo russo Vladimir Putin che nei prossimi giorni il suo Paese farà domanda per l'adesione alla Nato. Una mossa, si legge in una nota della presidenza di Helsinki, dettata "fondamentalmente" dalla "massiccia invasione russa dell'Ucraina nel febbraio 2022" e dalle richieste russe volte a impedire ai Paesi di aderire alla Nato che "hanno alterato l'area di sicurezza della Finlandia".

In una telefonata "diretta", avviata dalla Finlandia, Niinisto ha ricordato che "ogni nazione indipendente" ha il diritto di "massimizzare la propria sicurezza". "Aderendo alla Nato, la Finlandia rafforza la propria sicurezza e si assume le proprie responsabilità", ha aggiunto il presidente, dicendo a Putin che la sua intenzione in futuro è quella di "affrontare le questioni pratiche derivanti dall'essere vicino della Russia in modo corretto e professionale". Niinisto ha, infine, ribadito la sua profonda preoccupazione per le sofferenze causate dalla guerra e ha evidenziato la necessità "imperativa" della pace.

Il ministro degli Esteri finlandese Pekka Haavesto vedrà oggi a Berlino a margine della riunione informale della Nato il collega turco Mevlut Cavusoglu per parlare dell'opposizione di Ankara all'ingresso di Svezia e Finlandia nell'Alleanza atlantica. Lo ha detto lo stesso Haavesto, arrivando all'incontro dei ministri degli Esteri nella capitale tedesca e rivelando di aver già avuto ieri un colloquio telefonico con il "bravo collega" turco: "Sono sicuro che troveremo una soluzione".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza