alex rins

Alla viglia del GP di Francia, Suzuki ha annunciato ufficialmente l’addio alla MotoGP a fine stagione. Le voci che insistenti circolavano nel paddock, si sono rivelate vere. I due piloti, Joan Mir e Alex Rins, sono rimasti sconvolti dall’improvvisa decisione del team nipponico, cedendo persino alle lacrime.

Suzuki annuncia il ritiro dalla MotoGP a fine 2022

Con un comunicato ufficiale, Suzuki annuncia l’addio alla MotoGP: “Suzuki Motor Corporation è in trattative con Dorna in merito alla possibilità di terminare la sua partecipazione in MotoGP alla fine del 2022.” Così esordisce il team che prosegue dichiarando: “Purtroppo l’attuale situazione economica e la necessità di concentrare i propri sforzi sui grandi cambiamenti che il mondo Automotive sta affrontando in questi anni stanno costringendo Suzuki a spostare costi e risorse umane per sviluppare nuove tecnologie.

Suzuki conclude: “Vorremmo esprimere la nostra più profonda gratitudine al nostro Team Suzuki Ecstar, a tutti coloro che hanno supportato le attività motociclistiche di Suzuki per molti anni e a tutti i fan Suzuki che ci hanno dato il loro supporto entusiasta”.

La reazione di Rins all’annuncio della Suzuki

Dopo aver appreso che la Suzuki lascerà la MotoGP a fine stagione, i due piloti del team Rins e Mir sono rimasti sotto shock. Nessuno dei sue si aspettava una simile decisione che li ha colpiti come un fulmine a ciel sereno. La reazione più dura è stata quella del pilota spagnolo che ha raccontato di essere scoppiato in un pianto incontenibile. Rins lavora con Suzuki dal 2017 e ora non sa cosa gli riservi il futuro.

Come riporta Fan Page, sul suo futuro in MotoGP Rins dichiara: “Per quanto riguarda il mio futuro ancora non so niente. Ci penserà il mio agente a trovare una soluzione”.

Leggi anche:

MotoGP, festa Suzuki ad Aragon, Alex Rins: “Mir è uno stimolo”

MotoGP, Aragon: vince Alex Rins davanti ad uno strepitoso Marquez

MotoGp, Alex Rins rinnova con la Suzuki: insieme fino al 2022