HomeFonte

lunedì 7 febbraio 2022

Lettera a chi non si è vaccinato (per scelta).

Leggo di alcuni non vaccinati per scelta che si lamentano di essere stati esclusi, da parenti e amici, disprezzati, evitati. Lo fanno con un velo di tristezza ma sono anche amareggiati, vogliono rifarsi, si sentono offesi.

Credo che quando succede non si faccia per la mancanza di vaccinazione ma perché spesso le persone che hanno rifiutato il vaccino sono ormai chiuse in un tunnel buio simile a una setta. Discutono tra di loro, leggono le stesse cose, seguono quei tre o quattro personaggi (tutti bizzarri, fuori di testa quando non veri e propri ciarlatani) e sono quindi imbottiti di falsa informazione, bufale, notizie inventate.

Se ho a che fare con una persona che mi dice “guarda, non mi sono vaccinato perché ho il terrore degli aghi” io capirei, magari cercherei di ragionare e se ne potrebbe parlare serenamente ma se discuti con chi mi dice che i medici uccidono le persone, che nel vaccino c’è il microchip e a ottobre moriremo tutti c’è poco da discutere.

Alzi le spalle e vai avanti.

Non puoi passare una serata piacevole e rilassante con uno che parla come un esagitato, un fondamentalista religioso. Non piace a nessuno.

E certo non inviti a cena una persona del genere, perché oltre al rischio di contagio fa discorsi pesanti, inutili, parla come un esagitato, proprio come il seguace di una setta. Lo so, qualcuno di voi crede davvero che nei vaccini ci siano strane sostanze pericolose ma non è vero. Come non è vero che negli ospedali i medici uccidono i malati di CoViD. Non è vero che ci sono cure nascoste o che i vaccini abbiano causato effetti collaterali gravissimi, ne abbiamo somministrati miliardi. Non centinaia, miliardi e abbiamo probabilmente salvato centinaia di migliaia di vite umane. Che la vaccinazione anti-Covid sia un dramma ve lo hanno inculcato dei furbastri (e qualche ignorante, ce ne sono purtroppo tanti anche tra i medici) che vi hanno usato per i loro scopi. A volte politici, altre volte economici o di puro interesse personale, vi hanno usato come piedistallo per farsi sentire. I vaccini sono sicuri, controllati, efficaci, utili, avere paura può essere umano perché le cose che non conosciamo ci fanno paura ma è ingiustificato. Esagerato.

Una persona cara purtroppo morta? Un incidente? Una tragedia? No, sono persone che parlano di parenti che si sono vaccinati.

non è vero che il CoViD è un’influenza, spesso è dura ma poi passa, quasi sempre ce la facciamo ma a volte è veramente terribile. Io le ho viste le persone distrutte dalla malattia, ho visto morire, soffocare, piangere, le ho viste ed erano tante.
Ne sono rimasto colpito e non lo dimenticherò mai. Dovete fidarvi. La salute, il progresso, il benessere, non ce l’hanno dato i maghi o i rivoluzionari da salotto ma la scienza, la medicina. È così, fidatevi.

In questa mia riflessione, garantito, non c’è nessun intento polemico, nessuna rabbia, solo il tentativo di capire queste persone. Io consiglio la vaccinazione, è sicura, efficace ed è uno scudo serio alla malattia. Fatela. Non volete? Per motivi vostri? E va bene, liberi di farlo, ci mancherebbe. Ma non vi stupite se altri restano allibiti e si annoiano quando sentono parlare di “siero”, “inoculati” o “cacchini”. È noioso, esagerato. Mi sembra semplicemente che spesso vogliate solo “giustificarvi” con gli altri e quindi, visto che di giustificazioni “serie” e comprensibili ce ne sono poche, esageriate.

Lo dico perché tra i pochi che non si sono vaccinati sono ancora di meno quelli violenti o “pazzi”, sono pochissimi. La maggioranza sono persone (magari fragili) che sono state plagiate da estremisti, giornalisti furbi, ciarlatani. Fate caso a chi sono i vostri “rappresentati”: attori passati di moda, cantanti da piazza di paese, medici falliti, una serie di personaggi da film. A chi fa piacere avere accanto uno che si lamenta della “dittatura” (quando le dittature sono ben altro), che dice che il vaccino rende magnetici o contiene grafene. A nessuno. Viviamo già tempi duri ci vuole solo quello che ti annoia con le cose più strampalate.

Ecco.

Provate a essere coscienti delle vostre scelte, non nominate più (se fosse per me vi direi non ascoltateli più) i capipopolo, i ciarlatani, i siti web che vendono integratori o chi vi racconta di complotti e segreti.

Avete scelto? Bene, prima o poi ne usciremo fuori, speriamo bene e tutto passerà.

Cercate di capire, voi che chiedete di essere capiti, che si ha paura di questa malattia e chi non è vaccinato presenta un rischio maggiore di contagiare, se quindi per strada due chiacchiere a distanza vanno bene, chiusi a casa si rischia, due ore in una stanza si rischia, meglio evitare. Sono precauzioni. Buon senso, educazione, rispetto. Lo dicevamo anche per l’influenza. Ricordate? Mai troppo tempo al chiuso, aerare gli ambienti, igiene delle mani, se si è influenzati state a casa e vaccinatevi. Era ovvio ed è ovvio anche oggi. Quando avevo l’influenza chiedevo ai miei famigliari di starmi lontano. Ovvio.

Voi fate le vostre scelte e rispettate le scelte degli altri..

Vedrete che starete meglio.

Staremo meglio.

In bocca al lupo.


[aggiornato dopo la pubblicazione iniziale]

79 commenti:

  1. Risposte
    1. Chiedo scusa per il nome, ho dovuto tempo fa per motivi complicati da spiegare qui. In realtà mi chiamo Rupalti Massimiliano e siamo amici anche su facebook.

      Elimina
  2. Aggiungerei che amici/parenti/colleghi di lavoro sono stufi di sentire (mentre si parla di qualsiasi argomento) i deliri che spaziano dal perché hai vaccinato i tuoi figli mentre io li ho fatti ammalare non isolandomi da loro quando ero positivo al tanto ve l'hanno raccontato che in ospedale con il vaccino non ci finisci, passando per il tanto sono i vaccinati che diffondono la malattia perché loro non fanno i tamponi...

    RispondiElimina
  3. C'è anche chi come me quando possibile si isola volontariamente dagli altri perché è stufo di sentire parlare di quest'argomento. Spero solo di tornare presto alla normalità, senza continuamente dover mostrare la mia tessera del moderno partito fascista dal nome kawaii ("green pass").

    RispondiElimina
  4. E' veramente dura dire "fidatevi". Ho diversi colleghi no-vax. Un paio proprio viscidi, perdonatemi il termine, un altro è un po' più educato, gentile, premuroso. Ma anche lui ha detto, con toni pacati, che bisogna stare attenti alle informazioni e fidarsi delle persone giuste, quindi mi ha proposto i vari Montanari, Frajese, Trinca ecc. Ecco, anche lui ha già cristallizzato l'idea complottista e quindi parlarne risulta inutile. L'idea del "fidarsi" secondo me va data a quelle pochissime persone che sono ancora nel dubbio, non hanno mai affrontato il problema. Ma credo che ormai siano veramente poche.

    RispondiElimina
  5. Devi fare questi ameni discorsetti a chi s'è beccato una miocardite, una trombosi, una paralisi, quando non un "malore improvviso". Comodo fare i sapientoni ignorando volutamente una parte della realtà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei non rinuncia a scrivere su internet perché a qualcuno è esploso il PC.
      È una cosa ovvia ma di ovvio per un novax non c’è più nulla, è tutto un complotto, una tragedia, tutti i vaccinati muoiono terribilmente tranne chi non si vaccina che si salva sempre, magari con un po’ di vitamina C.

      Beata ignoranza, diceva mio nonno.
      Maledetta ignoranza, dico io.

      Saluti.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. E ti pareva che non veniva fuori la solita equiparazione farlocca... mi mancavano i semafori e la patente, il PC è nuovo.

      Quanti pc sono esplosi nei mondo? Possiamo contarli sulla punta delle dita?
      Ma se anche ne fossero esplosi centinaia di migliaia, come invece è successo con le reazioni avverse, qualcuno ti obbliga forse a comprarlo?

      Quand'è che imparerete a fare comparazione intelligenti? Perché fino a che userete ragionamenti da asilo infantile sarà dura avere credibilità.

      Elimina
    4. Giulio, ma quando a scuola insegnavano le proporzioni lei dov'era?

      Elimina
    5. Stefano... Esattamente quello che ho detto io. Che fai? Pappagalleggi?

      Elimina
    6. Guardi che non è che se aggiunge insulti e aggressività ai commenti tutti la stanno ad ascoltare eh? Se dice una sciocchezza sempre sciocchezza rimane.
      Con un effetto collaterale: al prossimo commento idiota li vedrà sparire tutti.

      Quindi tanto lavoro per nulla, come si addice ai geni incompresi.

      Saluti.

      Elimina
    7. Caro Giulio,
      devo darti una delusione: il vaccino non fornisce immortalità.
      Se si moriva prima si continua a morire anche dopo.
      L'unica differenza è che DIFFICILMENTE si muore di covid, per le altre cause non è cambiato niente.

      Elimina
    8. Giulio, io parlo di morti e loro cause.
      Sai quanti morti ci sono OGNI GIORNO in Italia?
      ...
      ...
      ...
      Ho preso un mese a caso di un anno a caso: circa 2000.
      Allora caro Giulio dimmi, se vaccini milioni di persone che probabilità c'è che una persona muoia qualche giorno dopo o addirittura lo stesso giorno per cause che nulla hanno a che fare con i vaccini?
      I report sugli effetti avversi dei vaccini ci sono: febbre, dolori articolari, localizzati, ... tanti altri e anche morte.
      Peccato però che se vai a leggere i report per la febbre trovi luogo, data e anche lotto del vaccino, quando vai a leggere morte non trovi neanche il luogo.
      Un caso? "Noi crediamo di no"

      Elimina
    9. Storie trite e ritrite sbufalate da tempo da persone molto più in gamba di me.
      Dici che tu ti informi?
      Ti fornisco il nome di qualche sito serio:
      medbunker, ma ci sei già, a questo punto mi chiedo perchè
      bufale
      butac
      ...
      e tanti altri

      Elimina
    10. :-)
      No sono bufale e come ti ho scritto sono già state sbufalate da tempo.
      Invece di vedere pagine facebook farlocche googla quei siti.
      Anzi
      https://www.butac.it/paragone-dati-istat/
      https://www.butac.it/i-dati-istat-sui-decessi-in-italia/
      i primi 2 che ho trovato, hai visto? Ti ho risparmiato anche la fatica

      Elimina
    11. Hai ragione non avevo letto l'anno.
      Poi l'ho letto e mi sono detto: ma che cavolo sta dicendo?
      https://tg24.sky.it/cronaca/2022/02/03/morti-italia-2021-istat
      Studia và.
      Ti dò un suggerimento: dopo i picchi dovuti alle andate come sono i trend?

      Elimina
    12. Ah ah ah
      cherry picking all'estrema potenza.
      Tu hai letto
      "circa 59.200 morti in più rispetto alla media del periodo 2015-19"
      peccato che nella frase ESATTAMENTE dopo fosse scritto
      "Vale a dire quasi 60mila persone che non avrebbero perso la vita se non ci fosse stata l'epidemia"
      Ti basta come risposta? Oppure devi continuare ad arrampicarti sugli specchi?

      Elimina
    13. Ah ah
      Fammi capire, fai una domanda, ti viene data una risposta e non ti sta bene?
      Vengo al tuo gioco così vediamo se riesci a scappare anche a questa risposta.
      60.000 morti sono in massima parte direttamente per covid e in parte, come scritto OVUNQUE, per la difficoltà di curarsi per la pandemia.

      Elimina
    14. E meno male che è scritto ovunque che è solo grazie ad i vaccini che i dati non sono peggiori.
      E la prova è che paesi simili ai nostri stanno peggio di noi.
      Infatti l'Italia ha tra gli incrementi percentuali più bassi se non il più basso.

      Elimina
  6. Giulio, sei male informato o non sai fare le proporzioni. O semplicemente dai retta alle persone sbagliate. Porta le tue fonti, i tuoi dati su quello che hai affermato ("miocardite, una trombosi, una paralisi, quando non un malore improvviso" da vaccino). E giacchè ti trovi, vedi anche quanti malati di Covid hanno avuto "miocardite, una trombosi, una paralisi, quando non un malore improvviso" e fai i confronti. Per non parlare di altre gravi conseguenze. E cerca anche quante persone ogni giorno muoiono per un boccone andato di traverso. Resterai sorpreso. Spero che tu non smetta di mangiare. Se poi per te i dati ufficiali mentono e pensi ai complotti, allora è inutile parlare. PS: se non ti rendi conto della tua aggressività verbale, è peggio di quanto sembra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E aggiungo che nessuno ha ignorato o nascosto niente. Degli effetti collaterali si è sempre parlato. Non fermarti al primo ciarlatano che afferma cose del genere. Se cerchi, vedrai che nessuno ha nascosto niente.

      Elimina
  7. No vabbè.
    Rimango sempre più basito.
    Io ci sono andato in quella pagina, ovviamente in modalità incognito per non lasciare traccia di quella porcheria nella mia cache.
    Sapete cosa ci ho trovato?
    Paragone (si lo so mi potevo già fermare qui), poi qualche braccio gonfio, un presunto infarto, ...
    Insomma tutto quello che abbiamo scritto a Giulio non è servito a niente, tempo perso.
    Per me può bastare

    RispondiElimina
  8. 200.000? così pochi?
    Ci sono circa 7 milioni di novax in Italia
    :-)
    Troll
    Internet
    Un troll, nel gergo di Internet e in particolare delle comunità virtuali, è un soggetto che interagisce con gli altri tramite messaggi volutamente provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso e/o del tutto errati, con il solo obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi. Wikipedia

    Messaggi provocatori, irritanti, fuori tema, senza senso, errati
    Direi che ti calza a pennello.
    Come tu abbia fatto ad affibiarlo a me resta un mistero.
    Anzi no

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che siano con nome e cognome cosa vorrebbe dire?
      Anche io ho parenti novax ed anche loro hanno nome e cognome con storie di anni su facebook.
      Dovrebbe essere una patente di credibilità secondo te?
      Sono persone che in buona o malafede credono in quello che scrivono, ma questo rende le loro storie vere?

      Elimina
  9. :-)
    Mia figlia ha fatto all'inizio del mese un, come cavolo si chiama, tetravalente credo (erano 4 sul libretto sanitario).
    Sai che effetti collaterali ha avuto?
    Aspetta che adesso prendo 4 foto a caso dal tuo amico faccialibro e te li faccio vedere, erano gli stessi. Oh che combinazione, sono gli stessi di OGNI vaccino.

    p.s. si vede che sei giovane altrimenti ti ricorderesti quelli fatti al militare e ti verrebbe da ridere come è successo a me guardando quelle foto.

    RispondiElimina
  10. No trovamelo tu. Fenomeno :-)
    Perchè la scienza non si fa con le chiacchiere, si fa con i dati alla mano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, nessuno.
      E solo tu alla frase "Affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie."
      potevi rispondere "Ahaha, non potevo che finire così, come una barzelletta."

      Tu e la scienza siete agli antipodi

      Elimina
  11. Sai come si dice?
    Affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie.
    A chiacchiere sono bravi tutti

    RispondiElimina
  12. Giangi72 hai sprecato tempo ed energie ed hai dato il " palcoscenico " al solito no Vax che non aspettava altro. Ma cosa ti importa ? Lascialo scrivere. Spero che il prof cancelli tutti i messaggi e lasci tutto pulito. Un saluto Giangi e buona serata .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusate tutti.
      E' che, secondo me, una parte è in buona fede, quindi cerco di parlargli.
      Poi purtroppo sono abilissimi a portarti sul loro terreno.
      Ancora scusate

      Elimina
    2. Figurati Gangi, non ti devi scusare. Mi sono solo permesso di darti un consiglio perché anche io in passato ero come l' utente no Vax in questione. Alla fine nessuno può convivere un fanatico o un " tifoso ", le risposte bisogna trovarle da soli e prima o poi la realtà te la sbatte in faccia, in tutti gli ambiti della vita. Alla fine quindi per non farsi inquinare la vita e rovinare la giornata la cosa migliore e' l' indifferenza . Ti saluto

      Elimina
    3. @Domenico: mi ricordo i tuoi interventi ed i tuoi eccessi, che comunque non mi parevano estremi come quelli di certi altro utenti. Credo che certi atteggiamenti siano dovuti ad una mancanza di risorse, che può capitare a chiunque in un certo frangente della vita. Immagino che ad un certo punto tu abbia trovato (o liberato) le risorse psicologiche/affettive/"fisiche" (intese come benessere fisico, economico, ecc.) che ti abbiano permesso di fronteggiare meglio una situazione delicata. Altri queste risorse non le trova o fino a fare della fede cieca a tesi perverse la loro unica risorsa per andare avanti.

      Elimina
    4. Aggiungo: il mio intervento sopra non vuole essere "buonista". Spesso queste persone le risorse necessarie non le cercano nemmeno. Esempio Covid: la cultura è una risorsa. Se so, ho meno paura, meno ansia. Ma come ha osservato anche Di Grazia, molti scelgono l'ignoranza. Magari per pigrizia (escludo per mancanza di mezzi, anche personali), magari per un proprio bisogno di sentirsi intellettualmente indipendenti, o altri motivi. Quando si innesca il comportamento ossessivo descritto nel post il risultato è di venire esclusi dalla cerchia di amici-parenti, venendo così a mancare ulteriori risorse (la stima e la compagnia degli altri) che ci possono tenere a galla. Io e la mia famiglia per fortuna non abbiamo provato l'imbarazzo di avere a che fare con un estremista no-vax. I pochi casi erano di conoscenti alla lontana, contatti da rete sociale che abbiamo rimosso senza complimenti e senza perderci nulla. Se invece fossero stati amici stretti? Qui il discorso sarebbe diverso. Alcuni miei amici hanno abboccato a fantasiose cospirazioni o sposato idee lontanissime dalle mie ma seppur con qualche discussione l'amicizia si è rafforzata. La possibilità di superare differenze di vedute radicali ha reso la risorsa "amicizia" più preziosa per entrambi.

      Elimina
    5. Francesco quando si risponde a certi utenti bisogna sempre pensare che dall' altra parte della tastiera può esserci di tutto, malattie mentali, abuso di alcol , droghe , estremismo politico etc etc quindi si perde solo tempo e ci si arrabbia. Faccio il mio esempio per fare capire, durante il periodo del primo lockdown avevo cominciato ad abusare di alcol per la sofferenza delle chiusure e per l' isolamento. Quindi chi mi rispondeva perdeva tempo, hai mai provato a fare discorsi seri nella vita con un ubriaco ? Poi finito il lockdown sono tornato ad essere me stesso e naturalmente ho fatto di tutto ( vaccino Covid + antinfluenzale ) per evitare che altri lockdown o chiusure . Francesco e altri utenti quando vi viene voglia di rispondere a No Vax o estremisti nella vita pensate al mio caso ed evitate a prescindere . Io da dopo il Covid non frequento più no Vax o estremisti in generale e vi assicuro , la vita e' più bella e serena. Lasciateli parlare , ignorateli , la bile e la tristezza e' la loro, non fatevi trasportare nella melma e nella loro disperazione . Un saluto

      Elimina
    6. Ciao Domenico, il problema dell'aumento del consumo di alcol è stato osservato anche dal mio medico del lavoro durante la prima ondata. Grazie per avere condiviso la tua esperienza e complimenti per non esserti arreso.

      Elimina
    7. Ps. Il mio medico del lavoro si riferiva ovviamente ai suoi pazienti in generale.

      Elimina
  13. @Giulio.

    Commenti cancellati. Per linguaggio volgare, provocazioni, aggressività, affermazioni non scientifiche, diffusione di fake news.
    Qui non è gradito.
    Ulteriori commenti saranno eliminati.

    Grazie per la comprensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I commenti saranno eliminati e i troll (tennico, giulio e quelli addivenire) torneranno, spinti vuoi dalle proprie ossessioni vuoi dal proprio narcisismo.

      Elimina
  14. Il tenore dei commenti suscitati qui:
    Nel 2020 i decessi in eccesso sono stati 100000? E' stato il Covid.
    Nel 2021 i decessi in eccesso sono stati 60000? E' stato il vaccino. Fonte? Ma i gruppi facebook signora mia, si informi, su.
    Mito! Genio!

    Mai pensato di guardare i dati dell'Istituto Superiore di Sanità? Lì ben si vede la differenza in termini di proporzioni dei decessi tra vaccinati e non vaccinati.

    RispondiElimina
  15. @il tennico: pensiamo che come attore sei scarso forte. Ciao :)

    RispondiElimina
  16. L'unico effetto negativo della tanto attesa fine della pandemia: sarà più difficile distinguere i paranoico-egocentrici no vax, che torneranno a mimetizzarsi nella folla. peccato, era diventato così semplice selezionare le persone da frequentare e quelle da lasciar andare al loro oblio...

    RispondiElimina
  17. Basta informarsi e le paure se non svaniscono almeno si riducono a livelli gestibili. Ricatto e rabbia forse fanno parte della tua realtà, non della mia. Ciao.

    Ps: in compenso in te è palese tanta finzione, come del resto è chiaro a tutti noi lettori del blog.

    RispondiElimina
  18. @Giulio: più che altro siete voi che vi fate di vittimismo. In vena.

    RispondiElimina
  19. Hai dimenticato il gne gne gne finale. Ti si addice.

    RispondiElimina
  20. Ah, tennico: e tu hai bisogno di farti seguire da uno bravo. Ma bravo davvero.

    RispondiElimina
  21. Diciamo che hanno fatto poco per farsi rispettare e molto per farsi tenere a distanza. Chi è causa del mal suo pianga se stesso.
    Poi aggiungiamo pure che fare il doppia faccia nei blog come tale tennico non aiuta certo la loro causa. Scolapasta forse no, ma intelligente nemmeno: sai benissimo verrai cancellato e ciò nonostante vai avanti, imperterrito.

    RispondiElimina
  22. Mi scuso con il padrone del blog per aver foraggiato il troll.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmmh... No. Dalla mia cerchia sociale, come in quella di ognuno ad essere sgraditi sono i rompi c.....i. Specie se recidivi. Che poi è il senso del post.

      Elimina
  23. Gentilmente, non rispondiamo ai disturbatori altrimenti (come si vede) finirà con un elenco infinito e incomprensibile di commenti a nessuno. Basta evitare, tanto li cancello tutti.
    Grazie.

    RispondiElimina
  24. Con buona pace dei "noncelodicono", AIFA ha aggiornato il report sulla farmacovigilanze. Le morti correlabili ai vaccini Covid sono 22 su 108.000.000 somministrazioni, di cui 10 casi a trombosi (il che interpreto come correlabili ad AstraZeneca che, se non sbaglio, non viene più usato). In queste 22 morti sono incluse anche quelle da fallimento vaccinale che, IMHO, mi sembra un criterio un po' tirato per i capelli. Ad ogni modo le morti correlabili a vaccino sono una ogni 5.000.000 somministrazioni mentre se guardo quelle correlabili ad infezione Covid una ogni 80 infezioni (dati John Hopkins University per l'Italia). Da (moderato) scommettiore calcistico ho pochi dubbi su quale scommessa non vorrei prendere parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si possono aggiungere anche termini di paragone, per capire meglio la scarsa serietà, ai limiti della truffa e della presa in giro da parte di chi sconsiglia i vaccini - addirittura si batte per screditarne l'efficacia.
      E' già chiaro dai numeri che le probabilità di decesso da vaccino sono incomparabilmente inferiori a quelle di decesso dalla malattia che il vaccino previene. Spulciando un po', sembrerebbe siano anche inferiori di qualche ordine di grandezza rispetto a quelle di essere colpiti da un fulmine in un arco di vita di 80 anni, ma sorvoliamo. Risultano essere comparabili a quelle di aggiudicarsi il premio massimo in certe lotterie, per es. Turista per sempre (ma sempre inferiori). Chi consiglierebbe di investire il proprio denaro per aggiudicarsi premi alla lotteria, specie quando esistono mezzi di investimento infinitamente più sicuri? Un truffatore, una persona senza scrupoli, ovvio. E chi si presterebbe di rischiare a questo gioco? Solamente un inetto, una persona facilmente raggirabile è chiaro. E lo stesso, numeri alla mano, accade in fatto di vaccinazioni.

      Elimina
    2. Ps. Mi sembra inutile specificare che i calcoli di cui sopra sono stati svolti sulla base dei dati disponibili e dei casi verificati. Invito chi ritenga di avere in mano dati più accurati di quelli della farmacovigilanza di rivolgersi repentinamente e senza indugio all'AIFA per le opportune correzioni ai reports.

      Elimina
    3. Giulio, link nei commenti non se ne possono mettere pertanto ti invito a cercare "report esteso iss" e vai sul pdf del sito Epicentro iss. Ci sono 43 pagine da leggere ma a pagina 31 c'è un grafico molto eloquente. Il vaccino non porta a zero ed in tempi brevi la pandemia. Nessun vaccino. Il 100% non esiste, ma meglio che niente. Te lo hanno già spiegato in diversi modi ma non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
      Pertanto gentilmente o porti una reale dimostrazione oppure vai a smaltire la tua frustrazione da un'altra parte.
      Se sei sereno e credi che in questo blog si prenda in giro gli utenti, per evitare ciò, non tornare.
      La tua serenità, sicurezza e pacatezza non la devi dimostrare a noi, ma a te stesso. Una volta che solo con te stesso ti sentirai con la coscienza a posto avrai fatto il tuo dovere. Sii felice.

      Elimina
    4. Caro Giulio!
      22 decessi, di cui 10 riferiti a fallimento vaccinale, su 100 milioni di somministrazioni... e tu ancora parli?
      Report settimanali dell'ISS che mostrano chiaramente che la vaccinazione riduce durevolmente e di svariate volte il rischio di malattia grave e di morte, e tu ancora insisti?

      Ma, chiaramente, signora mia, i 22 decessi sono sottostimati. Chiaramente, signora mia: lo dice il signor Giulio.
      E i dati ISS? Saranno inventati, signora mia: il signor Giulio non ne tiene conto; e, se anche fossero veri, cosa vuole che sia una riduzione incredibile dei morti e degli ingressi in terapia intensiva, dato che ogni 5 milioni di dosi si verifica un decesso attribuibile al vaccino? Il rapporto rischio-beneficio pende chiaramente a favore del signor Giulio.

      Elimina
    5. Il signor Giulio, grande esperto di farmacovigilanza, è qui per dire che lorsignori dell'AIFA che fanno farmacovigilanza di mestiere sono degli incapaci.
      Il signor Giulio è umile.
      Il signor Giulio è acuto.
      Il signor Giulio è infallibile: se dei dati non confermano quanto lui pensa, li piega a suo vantaggio! Oppure cita La Verità. La grande è irreprensibile La Verità. Non sapevo facesse anche informazione.

      Signor Giulio, lei è un meme!

      Elimina
  25. Sul Corsera una interessante intervista al guro no-vax pentito, che apre uno squarcio sui traffici di denaro influenze e potere dentro al mondo no-vax.
    https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/22_febbraio_10/pasquale-bacco-medico-ex-no-vax-abbiamo-tanti-morti-coscienza-7049137a-8a95-11ec-b020-f91ae6e57025.shtml

    RispondiElimina
  26. Direi che i no-vax attivi nei commenti (in verità solo uno) riflettano così precisamente la descrizione fatta del post di Di Grazia da far sorgere il sospetto che siano commenti prodotti dall'autore del post per auto-avvalorarsi :)
    L'ultimo di Giulio non lo cancellerei perché è dimostrativo innanzitutto del rifiuto di capire messaggi seppur semplicissimi: i commenti provocatori o aggressivi vengono cancellati. Peraltro gliene hanno cancellati almeno due dozzine, si aggiunge pertanto anche il rifiuto di imparare dalla propria esperienza. Questo atteggiamento, trasposto alla realtà del Covid, spiega anche perché le morti dei pazienti covid no-vax non influenzino gli altri no-vax. Come del resto anche un vaccino "tradizionale" non muoverebbe di un millimetro il rifiuto a vaccinarsi della stragrande maggioranza di essi. Infatti anche un vaccino tradizionale produrrebbe effetti avversi (è semplice statistica) e del resto i no-vax esistevano ben prima della tecnologia mRNA (che comunque era già stata applicata, seppur su scala ridotta all'uomo, e tanto nuova non è).
    Il Dott. Di Grazia deciderà a suo insindacabile giudizio, ma certi commenti diciamo "esemplificativi" io li lascerei.

    RispondiElimina
  27. Intanto la notizia dei due genitori (folli, irresponsabili, inadatti) che volevano solo sangue no-vax per il proprio bambino ha avuto risonanza anche all'estero... mia moglie, tedesca, l'ha appresa dai media locali. Il bello è che i medesimi no-vax poi si lamentano di avere una pessima reputazione, fino all'esclusione sociale. Chissà perché. Peraltro questi episodi non vengono mai stigmatizzati dagli altri no-vax. Anzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. PS. al massimo rispondono "ma chissenefrega di questi due". A dire il vero sarebbero tre, visto che c'è anche il bambino, ma il benessere di persone terze nella loro visione è esclusa. Come è escluso riflettere che certe scelte scellerate, anche sul piano economico (quando hanno pagato gli avvocati per un ricorso destinato a fallire?) magari sono mosse dalla paranoie che loro stessi hanno contribuito ad alimentare.

      Elimina
  28. Uehilá, Giulio!
    È inutile sei solo un troll
    Ciao

    RispondiElimina
  29. Ma è tutto inutile!
    Il signor Giulio la pensa così: a fronte della comprovata efficacia dei vaccini nel ridurre di svariate volte i ricoverati in terapia intensiva e i decessi, e pure a fronte dei rarissimi decessi attribuiti al vaccino (22 su 100 milioni di somministrazioni, di cui 10 da fallimento vaccinale)... il vaccino è comunque male!
    Poco importa se senza vaccino avremmo morti moltiplicati multiple volte e ospedali al collasso.

    Non sia mai che il signor Giulio cambi idea. Nossignore: il signor Giulio ha chiaramente ragione. I dati sono falzi, lui ne sa di più, lui da solo vale più di qualsiasi organismo di farmacovigilanza.

    Perché il signor Giulio si è costruito una realtà parallela pendendo dalle labbra dei soloni novax, e mettere in dubbio tale realtà significherebbe ammettere di essersi fatto prendere per i fondelli sin dall'inizio.

    Allora vai, signor Giulio, vai mentre l'ultima luce della ragione si spegne, allontanati dal raziocinio... ma non dalle morti. Quelle continuano, tante persone meno fortunate di te muoiono di Covid, magari per via di una mancata vaccinazione, e magari dopo aver creduto alle stesse baggianate che hanno messo radici nella tua mente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulio agita l'amo (to troll) e basta. Quindi tutto quello che noi commentiamo non lo considera proprio. Cerchiamo di non abboccare all'amo per cortesia ;-)

      Elimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. "I trivaccinati si sentono antropologicamente superiori e hanno bisogno di ostentare questa loro superiorità.
    Devi vederli con che orgoglio mostrano il lasciapassare per bere un caffè'."

    Il trivaccinato ieri sera si è concesso un risotto con ossobuco che era una delizia, e il dovere esibire un semplice QR code non ci ha tolto nulla men che meno la libertà di una serata al ristorante. Semmai ci ha ricordato di lasciare una lauta mancia di incoraggiamento al ristoratore che magari così riparte un po' meglio. I Trolls che sfogano frustrazioni a partire dalle 8 della domenica mattina cosa hanno da dare per il prossimo? Un bel cavolo si niente.
    E non è che ci sentiamo antropologicamente superiori, semplicemente stiamo molto, molto meglio di certi altri.

    RispondiElimina
  32. Trolla, trolla anche tu. Magari cambi il mondo. Proprio da questo blog.

    RispondiElimina
  33. Quasi quasi mi dispiace che la crisi Ucraina/Russa si stia sgonfiando. Dovremo di nuovo sorbirci in TV a reti unificate , su tutti i giornali e i media in generale la processione dei virologi e pseudo giornalisti morti di fama a parlare di Covid. La pandemia e' stata la gallina dalle uova d' oro sia per medici no Vax e cialtroni sia purtroppo per scienziati e giornalisti che reputavo seri ma che si sono lasciati travolgere dalla vanità e da interessi vari. Già si parla di famosi virologi da salotto che probabilmente si candideranno alle prossime elezioni. Ne ero sicuro , a pensar male a volte ci si piglia Tante vite umane perse ce l' hanno sulla coscienza purtroppo sia i santoni no Vax e i loro seguaci , ma anche i virologi influencer e i giornalisti pro Vax che hanno e continuano a dare visibilità ai negazionisti e complottisti. Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiaramente il mio messaggio sopra era ironico , preferirei tornare 24h su 24 h a sentire i vari Galli , Crisanti, Bassetti a reti unificate a parlare di Covid piuttosto che vedere le immagini di questa tremenda e folle guerra. Periodo orribile per l' umanità , non me ne ricordo altri così in vita mia. Un saluto a tutto il forum

      Elimina
    2. Un saluto a te caro Domenico. Facciamoci coraggio ed aiutiamoci. Un abbraccio!

      Elimina
  34. Devo dire che nel mio giro di conoscenti, i no vax sono tutti di cultura medio alta, purtroppo per alcuni di tipo scientifico. Tra tutti solo uno riesco a comprenderlo, in quanto ha avuto una reazione avversa, verosimilmente più cronologica che causale, alla prima dose. Tutto questo mi convince sempre di più che mediamente la reazione è molto più di "pancia" che razionale. Noi crediamo di usare il pensiero razionale, ma molto raramente lo facciamo, utilizzare il pensiero razionale è innaturale per la maggior parte delle persone. Mi rendo conto, quando nella foresta sentiamo un crack, non ci mettiamo a fare un istogramma di frequenza raffrontando i crack causati da un merlo e quelli causati da un ghepardo, scappiamo. Meglio scappare 10 volte inutilmente che finire in bocca a un ghepardo, decidendo di pancia. Però se uno decide di pancia, risulta impermeabile a qualsiasi ragionamento razionale, e si trova disperso, arrabbiato, di fronte ad una decisione diversa, perché invece cerca conferme, condivisione.
    Una decisione di pancia è difficilissima da smuovere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma poi io insisto sul fatto che il cittadino "comune", sentendo in TV (alla RAI non su Tele Girotondo) che i vaccini fanno male o che una signora è morta dopo la vaccinazione, OVVIAMENTE ha paura, è diffidente. Aggiungiamoci il cattivo modo di comunicare di esperti e opinionisti e la frittata è fatta. I veri "novax" non sono le persone che, per paura, non si vaccinano ma quelli in malafede, guru, ciarlatani, autoproclamati esperti, alternativi e cialtroni vari. Da queste cose guadagnano una marea (davvero eh?) di soldi, a spese dei polli.

      Elimina
    2. Buongiorno,
      devo premettere a scanso di equivoci che non sono un novax (inteso in senso ideologico): ho effettuato il ciclo primario con vaccino a mRNA, e ho da poco superato i 50 anni.
      Avrei potuto fare anche solo una dose, essendo risultato positivo al Covid in novembre 2020 (con pochissimi sintomi: un leggero raffreddore durato solo due giorni) nove mesi prima della prima dose, ma ho scelto prudenzialmente di fare due dosi (la prima ad agosto e la seconda settembre 2021). Perché? Semplice, avevo effettuato diversi test sierologici e non risultavano mai presenti degli anticorpi neutralizzanti specifici e quindi, in una situazione di ondata pandemica crescente (la variante Delta) in vista della stagione autunnale/invernale mi è sembrata la scelta allora più prudente. Non è stata una scelta facile, presa solo dopo aver ponderato tutti i pro e contro, come sono solito fare (cercando di usare la mia testa, cercando di reperire le informazioni scientifiche disponibili).
      Ho mappato ancora gli anticorpi dopo il vaccino per capire (sono risultati alti a dicembre, dopo quasi 4 mesi e rimasti praticamente inalterati pochi giorni fa a quasi sei mesi dal ciclo primario). Non farò pertanto il booster nonostante io vi sia obbligato fra poco meno di un mese. Perché? Semplice, non mi sembra ora la scelta più prudenziale per il mio caso, valutati ancora una volta tutti i pro e contro e considerate le informazioni scientifiche disponibili sul booster. Si aggiunga alla mia scelta che i dati sull’epidemia sono in calo generalizzato, tantissimi vaccinati con tripla dose sono stati infettati dalla Omicron (mentre in famiglia a dicembre con un figlio non vaccinato positivo, io e mia moglie vaccinati con due dosi non ci siamo nemmeno positivizzati).
      Ora io capisco benissimo il senso del suo post, ma le devo dire, e in senso polemico, che la diffidenza delle persone non nasce solo dalla paura perché “il cittadino comune sente in TV (alla RAI non su Tele Girotondo) che i vaccini fanno male o che una signora è morta dopo la vaccinazione”. Il “cittadino comune”, quale io sono, si sente dire in TV, e non da guru, ciarlatani, autoproclamati esperti, ma anche da esperti veri (quanto meno titoli accademici alla mano) e da politici vari un giorno una cosa e l’altro giorno un'altra ancora, ma senza mai fornire sul punto informazioni veritiere e complete. E sul Covid ho sentito enormi dosi di sciocchezze e approssimazioni anche da parte di sedicenti esperti. Intanto negli ospedali (blindati e protetti, ma non solo dal Covid) si continua a morire non solo di Covid e in "maledetta" solitudine (che tristezza: ultimamente è più facile entrare alla CIA). Ma non mi sento di addossare questa responsabilità ai “novax”…. troppo facile e comodo!
      Ecco allora che sul "Voi fate le vostre scelte e rispettate le scelte degli altri.." forse vale la pena fare qualche ulteriore riflessione, visto che a breve mi vedrò assimilato (effetti amministrativi alla mano) ad un "comune novax", per logiche più politiche che sanitarie. Anche perché il rispetto del cittadino dovrebbe essere fondamentale nelle democrazie, o no?
      Saluti,
      Roberto

      Elimina
    3. non mi sembra ora la scelta più prudenziale per il mio caso

      Pensi, io da medico non so ancora se fare vaccinare mio figlio (che è stato vaccinato) adolescente sia stata la scelta giusta, lei da profano ha saputo decidere con tale sicurezza, pur appartenendo a una classe di rischio. Sa perché ho fatto vaccinare mio figlio? Perché ho visto morire di Covid e ho visto come si muore. Come si soffre e come si finisce male. Anche ragazzi, purtroppo, li ho visti.
      Nello stesso tempo so come sono fatti i vaccini e non ho più paura di loro rispetto a un sacchetto di arachidi. Non ho quindi praticamente nessun motivo per rinunciare alla protezione da vaccino. Ne sono sicuro? No, come potrei. Lei invece sì. Beato.

      si sente dire in TV, e non da guru, ciarlatani, autoproclamati esperti, ma anche da esperti veri (quanto meno titoli accademici alla mano) e da politici vari un giorno una cosa e l’altro giorno un'altra ancora

      Questo l'ho detto diverse volte e l'ho scritto. Ha ragione. Il problema è che lei (come tantissimi, intendiamoci) fa le sue scelte in base a ciò che sente in televisione, ciò che legge su internet, ciò che le dice l'amico. E sono tutte fonti PESSIME per fare scelte importanti.
      La fonte corretta? Il suo medico.
      Con un piccolo problema: purtroppo oggi anche tanti medici si informano su internet e in televisione invece di studiare. Questo sì che è un problema.
      Lei, come tutti resta libero di vaccinarsi o meno e non ha, molto verosimilmente, gli strumenti per decidere. Proprio perché non ha un quadro reale del problema, ha una realtà filtrata in un modo se parla l'on. Pinco, in un altro se risponde il signor Pallino. È figlio delle notizie, non della medicina. Quindi non posso che confermare che essendo libero di scegliere scelga ma accetti ciò che scelgono gli altri, fanno esattamente come lei.
      Il mio consiglio? Corra a vaccinarsi. Ma di corsa.

      Un saluto.

      Elimina
    4. [Pensi, io da medico non so ancora se fare vaccinare mio figlio adolescente sia stata la scelta giusta]

      Nemmeno io come padre se è per questo: il primo figlio (16 anni) positivo al Covid lo scorso dicembre era e rimane contrario, il secondo (15 anni) si è convinto e vaccinato il mese scorso (ma solo per i limiti imposti dal green pass). Io mi sono vaccinato (con due dosi) ma con dubbi.

      [Nello stesso tempo so come sono fatti i vaccini e non ho più paura di loro rispetto a un sacchetto di arachidi]

      Beato lei che ha queste certezze! Io non le ho ancora acquisite. Ad oggi sui vaccini (per i pacchetti di arachidi non saprei) mi pare siano in corso ancora diversi studi (peraltro imposti dalla Agenzie). Tralasciamo che questi studi sono fatti dagli stessi produttori di vaccini (in conflitto di interessi) e che autorevoli voci accademiche hanno richiesto la pubblicazione dei dati aggregati e completi (e non di semplici pubblicazioni). Mi spieghi cortesemente perché dovrei “correre” a fare il booster (di Moderna nel mio caso), ancor prima dello scadere dei sei mesi con dati epidemiologici in calo quando leggo sulla documentazione tecnica rilasciata dallo stesso produttore del farmaco (non su internet):
      > “È possibile somministrare una dose di richiamo (metà della dose primaria) di Spikevax almeno 6 mesi dopo la seconda dose … La decisione deve essere presa in base ai dati di efficacia del vaccino disponibili, tenendo conto dei dati di sicurezza limitati”
      > “Il rischio di miocardite dopo una terza dose o la dose di richiamo di Spikevax non è stato ancora definito.”
      > “La durata della protezione offerta dal vaccino non è nota ed è ancora in fase di determinazione tramite studi clinici in corso.”
      (Contano gli anticorpi neutralizzanti? Oppure le cellule T o B? E quali sono gli studi scientifici inconfutabili sui i livelli di protezione e la durata del ciclo primario? Oppure ci stiamo basando solo su evidenze statistiche (i ricoverati e le vaccinazioni in Israele) e su conseguenti prove empiriche spacciandole per scienza?)
      > “La sicurezza di una dose di richiamo valutate in uno studio in corso di fase 2 .... In una fase in aperto ……… almeno 6 mesi dopo la seconda dose del ciclo primario ha dimostrato di determinare un aumento della media geometrica dei livelli di anticorpi neutralizzanti di 12,99 “
      (Leggo di fase 2 e di aumento di anticorpi neutralizzanti)

      [La fonte corretta? Il suo medico.]
      Condivido tutto con il mio medico di base, mi creda, e quando possibile scambio opinioni e idee con conoscenti medici/farmacisti, soprattutto quando accanto al titolo accademico riconosco in loro anche uno spessore umano. Qualcuno ha scritto (a ragione) che lo scienziato dovrebbe nutrirsi di dubbi.

      [Lei ….. non ha, molto verosimilmente, gli strumenti per decidere … ha una realtà filtrata]
      Francamente non so come fa a dirlo, non conoscendo il mio vissuto.
      Cerco di fare del mio meglio (Pubmed, Cell, BMJ) ma spazio (ovvio) anche in internet in senso generale (quotidiani, blog, ecc.), sforzandomi di acquisire informazioni reali e argomentazioni a 360 gradi, anche contrarie. Del resto quello che Lei pensa e scrive dove crede io lo stia leggendo?
      Di certo se corressi ora a fare il booster dopo la sua replica, assumerei una decisione sempre filtrata da internet, o no? E quindi torniamo al punto centrale del mio discorso:
      [Dovete fidarvi: la salute, il progresso, il benessere, non ce l’hanno dato i maghi o i rivoluzionari da salotto ma la scienza, la medicina. È così, fidatevi]
      Questo è certo ma per tornare a fidarsi (in senso generale) ci vorrebbe più coerenza, etica e rispetto da parte di tutti, e anche dalla classe medica stessa. Io non credo ai complotti, mentre sono decisamente più possibilista per quanto riguarda i conflitti di interesse, il malaffare, una diffusa incapacità (in qualsiasi settore e livello), sull’avidità e la vanità del genere umano. Ed è per questo che cerco di rimanere vigile, seppur con tanti dubbi …. sempre.
      Un cordiale saluto

      Roberto

      Elimina
  35. Buona sera, le dirò che a me non vaccinata è successo il contrario, ho dovuto abbandonare un gruppo perché auguravano ai no vax la stessa fine degli ebrei nei forni o che era inutile preoccuparsi per loro perché "ci sará stata inevitabilmente una selezione naturale". Come comprenderà neanche a noi piacciono gli invasati e le affermazioni fuori logo, ma questo non è neanche il problema, la mia domanda realmente è perché non si è data la possibilità alle categorie con l'obbligo alla vaccinazione, di continuare a farsi un tampone (tra l'altro ancora in vigore per viaggiare all'estero). È giusto, secondo me, che chi decide di non vaccinarsi deve garantire di non essere un elemento di diffusione del virus e quindi si fa un tampone, non comprendo la necessità di allontanarli dal posto di lavoro, escludendoli di fatto dalla vita sociale (forse da lì la rabbia che lei cita?). Comunque, mi auguro che passi presto e ci si possa rincontrare senza pregiudizi né accuse di sorta. Una buona serata

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!