HomeFonte

lunedì 29 novembre 2021

Bufala in vigile attesa.

Si dice che tra i mezzi più efficaci della propaganda vi sia quello di ripetere una falsa notizia (ovviamente utile a chi la diffonde) tante volte, continuamente, come uno slogan, fino a renderla realtà.

Tachipirina e vigile attesa.

Quante volte l'avete sentita?
Sarebbe la cura che "il governo" (perché chi ha un'idea semplice del mondo pensa a un potere supremo che decide tutto, comprese le cure che dovrebbero fare i poveri cittadini) avrebbe consigliato per mesi a chi si fosse ammalato di Covid. Ovviamente inutile (cosa vuoi che faccia una compressina e l'attesa con una malattia grave come il Covid?), ovviamente letale (sì, hanno scritto pure questo) e ovviamente dovuta all'ignoranza del ministro della Salute.

Dall'altra parte, eroi altruisti che invece di Tachipirina e vigile attesa prescrivono farmaci anti infiammatori, eparina, antiparassitari, vitamine e tante altre cose. Che guariscono (anche qui, ovviamente) quasi tutti i malati, anche il 95% di chi si contagia. Questi gruppi (e la loro mentalità) sono molto in voga tra i novax, anche perché "accarezzano" le loro superstizioni tipiche: i vaccini fanno male, la malattia è banale, il potere ci vuole uccidere e ci sono pochi e coraggiosi che vogliono salvare l'umanità. Pane per i denti dei più ingenui.

Questa è la propaganda. Tachipirina e vigile attesa, Tachipirina e vigile attesa, Tachipirina e vigile attesa e tutti credono che, Tachipirina e vigile attesa, siano state le cure "ufficiali" e inefficaci per questa malattia.

Bufala.

Uno: il Covid è (fortunatamente) letale solo in certe condizioni, molto subdolo, colpisce gravemente soprattutto (ma non solo) anziani e persone con la salute compromessa. Il 95%  di chi si ammala guarisce (spontaneamente). Non è una novità, vero? Eppure nonostante il 95% dei malati guarisca spontaneamente c'è chi si vanta di guarire con le sue personali cure il 95% dei malati. E c'è chi ci crede. Oltretutto i guaritori miracolosi non curano in ospedale o in terapia intensiva ma a domicilio, dando indicazioni per telefono e senza nemmeno visitare le persone, capita la comodità? Una sorta di "servizio a domicilio" della salute. I "pony express" del Covid.

Due: le malattie infettive virali sono difficilissime da curare (per arrivare a rendere gestibile l'AIDS ci abbiamo messo decenni) e anche in questo caso non c'è nessuna cura o pillola miracolosa. Quello che invece dicono i ciarlatani che si definiscono i paladini delle "cure domiciliari".

E queste cure "miracolose" che ottengono la guarigione di chi già guarisce da solo quali sarebbero?
Prendiamo come esempio uno dei gruppi di "cure domiciliari" nati come funghi per spillare soldi ai disperati.

Vitamina D, C, A, esperidina, quercetina, lattoferrina e altri intrugli inutili. Poi suffumigi (inalazione di vapori caldi). Aggiungere Ivermectina (un antiparassitario), Azitromicina (un antibiotico), Idrossiclorochina (un antimalarico), Colchicina (un farmaco per la gotta), Acetilcisteina (un farmaco per il catarro) e altro. Così, senza uno studio o una sperimentazione. Tutto a caso, con dosaggi e posologia scelti a intuito, senza che vi sia un ragionamento, un protocollo esistente e naturalmente ogni prescrittore ci metteva del suo: prendine due, prendine quattro, no, cinque. La mattina, la sera, prima dei sintomi, dopo i pasti, un'ora prima, un'ora dopo. A caso. Tanto non esiste uno studio, un dato ufficiale, un confronto. A caso, a giudizio di chi ti contatta via Facebook. Da notare che oltre all'inutilità di vitamine e pozioni varie, farmaci come l'Idrossiclorochina o l'Ivermectina sono apparsi inutili, inefficaci e pure con qualche rischio in diversi studi scientifici.

Insomma, la solita sciocchezza da geni incompresi che si inventano un "metodo" ideandolo di sana pianta, lo spacciano per soluzione definitiva e riescono non solo a convincere i malati (e qui si potrebbero trovare delle giustificazioni) ma anche ad avere giornalisti e media che li ascoltano (e questo è molto grave). Ovviamente loro sono vittime di un complotto, non realizzano documenti scientifici (li annunciano sempre ma, mistero, non riescono mai a realizzarli) ma basano tutto su pubblicità sui social e internet, non vogliono soldi ma hanno il conto in banca in Svizzera dove accettano solo (poverini...) donazioni. Classico. Il perfetto ritratto dei ciarlatani.

Ma è vero che le cure ufficiali sarebbero rappresentate da Tachipirina e vigile attesa?
Macché. Già dalla prima linea guida (quando si sapeva poco di questa malattia, novembre 2020) non parlano assolutamente di una cosa del genere e il successivo aggiornamento (aprile 2021) conferma la prima con l'aggiunta di nuove terapie scoperte nel frattempo (le trovate tutte e due qui). La Tachipirina (che è giustificata, è un noto farmaco per diminuire la temperatura corporea) è solo parte della terapia.

In particolare: per persone asintomatiche o con pochi sintomi si devono somministrare farmaci sintomatici (Tachipirina o FANS, ovvero anti infiammatori come Aspirina o Ibuprofene, che diminuiscono la febbre, il malessere), monitorando attentamente le proprie condizioni (prima tra tutte la saturazione), idratandosi, facendo attenzione all'alimentazione, se entro 72 ore il quadro non migliorasse richiedendo supporto di ossigeno si possono usare i cortisonici. In caso di immobilità è consigliato l'uso di eparina. Se il quadro facesse pensare a un problema batterico è bene usare antibiotici. Nelle fasi precoci della malattia è possibile usare anticorpi monoclonali (anche se su questi ci sono dei limiti soprattutto organizzativi ma anche perché bisogna scegliere questa categoria di farmaci con molta attenzione). Durante questa fase iniziale (e asintomatica o con pochi sintomi) della malattia è fondamentale il monitoraggio delle proprie condizioni e della situazione generale.

Questo, come si può leggere, non è "tachipirina e vigile attesa", una bufala sparsa a turno, da ignoranti e persone in malafede. Non fatevi fregare.

Tutto ciò certamente per quanto riguarda la malattia in fase iniziale, senza ricovero ospedaliero perché se il quadro peggiorasse richiedendo un ricovero ovviamente questo andrà fatto e la terapia cambierà.

Ecco la famosa "Tachipirina e vigile attesa" diventata uno slogan, ecco la "cura letale" che qualche giornale incosciente ha diffuso ai propri lettori e che poi novax ed esaltati sbandierano come incredibile prova di inefficacia sanitaria nazionale. Propaganda. Fake news.

Non c'è solo la Tachipirina, non c'è solo la "vigile attesa" e si fa quello che si deve fare (e che fanno in tutte le nazioni civili). Tutti i servizi sanitari del mondo (l'americano NIH, l'inglese NICE ma anche tutti gli altri dei paesi moderni e il nostro) hanno usato questo tipo di approccio perché è l'unico scientificamente ragionevole.

Chi diffonde la bufala ha uno scopo ben preciso, confondere, creare sfiducia, dubbio, chi la legge rischia di crederci e diventare vittima della stessa e, com'è accaduto, vittima reale, credendo a queste sciocchezze fino a rischiare la vita. Questa gente (guidata non da scienziati ma da avvocati, dentisti, politici, imprenditori) organizza manifestazioni, proteste, linciaggi, aggressioni. Non sono lì perché preoccupati della salute degli altri ma per scopi molto più personali e materiali e nelle ultime settimane, sentito il "fiato" delle indagini a loro carico (e il rischio di conseguenze giudiziarie era reale) hanno iniziato a ridimensionarsi, a essere più anonimi, silenziosi o addirittura a scomparire.

Il problema è che hanno giocato e giocano con la salute delle persone e dovrebbero essere le persone stesse a evitare questa gente.

Poi se fa più piacere diffonde una sciocchezza o credere a una bufala così, tanto per fare i ribelli pazienza, ognuno sceglie come comportarsi nella vita. La paura fa brutti scherzi, certo e i furbi sanno dove colpirci per convincerci ma non ci cascate. Sono subdoli e pericolosi, come una malattia infettiva.

Alla prossima.

39 commenti:

  1. "(le trovate tutte e due qui)" basterero i link alle due versioni delle linee guida per chiudere ogni discussione e per far cambiare idea a chi si fosse fatto abbindolare in buona fede da uno slogan (Tachipirina e vigile attesa) tanto semplice e diretto quanto falso e fuorviante. Purtroppo un complottista non arriverà mai a leggere tutto il documento linkato: è troppo lungo, è uno scritto e non un video, eccetera. Comunque grazie come sempre, dottore.
    Andrea Odasso

    RispondiElimina
  2. Grazie Salvo.
    Un solo appunto: il sistema sanitario inglese è NHS (national health system). Il NICE è il national institute for health and care excellence, e fa parte del NHS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so. Ma il NICE detta le linee guida del NHS (e di molte società scientifiche europee).
      :)

      Elimina
    2. giustissimo, ma da come hai scritto la frase sembra che il NICE sia il sistema sanitario nazionale.
      sono io che sono puntiglioso :-)

      Elimina
  3. Certo che non é uno slogan, quello è proprio uno sminuimento come da copione per i media di regime, e questo non é complottismo nel senso di fantasie, per é un fatto che i media internazionali si riuniscono a porte chiuse già qui... Vabbè, poi c'è un'inchiesta aperta sul perché non é stato aggiornato il piano "pandemico" quello che a fine 2018 aveva già bond caldi che fruttavano, poi tutto il casino che ne é venuto fuori da questa cosa senza un coordinamento, è tutto quello che ne consegue a pari passo come da accordi firmati nel 2014 per lo smantellamento già affrontato per step su ogni settore italiano al servizio di test sperimentali per l'intelligenza del sistema cellulare su reazione di metalli specifici.. Ovvio i soldi ora vengono da quelle fonti e dobbiamo giocare alle pandemie per portare a compimento il reset, necessario per aggiornare il nuovo prototipo di società, oltre a ripristinare il sistema finanziario privato attraverso blockchain.. Quanti di noi non saranno più necessari oltre al fastidio di carbonio che emaniamo? Viva l'imperialismo R... Perdiamoci pure nel labirinto logico pandemico.. È un po come fare soldi per non pensare.. Vabbè, qualcuno dovrà sottrarsi purtroppo..é un servizio, È la legge della vita, chi ha scritto quella legge?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi devo sentire in colpa se non ho capito un accidente di quello che hai detto? Mi viene pure il sospetto di essere uno che sta rispondendo ad una supercazzola. Andrea Odasso

      Elimina
    2. "Perdiamoci pure nel labirinto logico pandemico"... *Top*
      Spero che il proprietario del blog non lo rimuova. È troppo forte.

      Elimina
    3. No, stavolta non cancello. È didattico.
      Provo a non dimenticare mai che chi scrive non è un monitor, seppure sembri così, è una persona che ha casa, magari famiglia, un computer, è andato a scuola, mangia, lavora (forse), dorme.
      E poi scrive cose del genere.
      Noi pensiamo di parlare con persone come noi, con il nostro stesso stato, con la salute, la cultura, la comprensione della realtà che abbiamo. Ma non è quasi mai così.

      Elimina
    4. hai proprio ragione.
      l'ho letto 3 volte e ancora non ci ho capito niente. o magari e' una fine supercazzola in cui siamo cascati tutti..

      Elimina
    5. Anche io sui siti no-vax mi sono cimentato con le supercazzole e qualcuno mi ha anche preso sul serio. Produrre una buona supercazzola non è facile, se questa lo fosse, complimenti all'autore!

      Elimina
    6. Gesuiti euclidei...😉

      Elimina
    7. Questo commento è un'opera d'arte. Oppure il frutto di una AI che si è studiata certi gruppi sui social e tenta di rissumerli.

      Elimina
  4. Lei è molto simpatica, ma una collega sintomatica positiva da una settimana , dal medico ha ricevuto la seguente risposta: signora prenda la Tachipirina e attenda .......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si. Perché nel 95% dei casi la COVID passa e non servono ulteriori interventi. Se la sua amica dovesse peggiorare il medico prescriverà i farmaci più adatti. Come spiegato nell’articolo qui sopra, che forse dovrebbe rileggere

      Elimina
  5. Il primo link è ad una pagina che non esiste più.
    Il secondo ad alcune dichiarazioni di Loretta Bolgan non supportate da prove.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per “prove” si intendono studi scientifici. Ma non credo che lei ne porterà, visto che viene qui a trollare.
      Uno che porta la bolgan come fonte, si qualifica da se.

      Elimina
    2. Il lavoro di Pandolfi et altri, pubblicato sul Journal of Virology, per stessa ammissione degli autori (vedi Data Availabilty Statement), non è uno studio (research paper). E' infatti una lettera all'editore.

      Elimina
    3. Vi prego Angelo e Daneel, non mettetevi al suo stesso livello, fate il suo gioco non lo capite ? Ma possibile che e' così difficile capire che l' indifferenza e' la cosa migliore ? Speriamo che il Dott Di Grazia cancelli tutti i post.

      Elimina
    4. Gli studi scientifici sono un'altra cosa. Non tutto quello che appare su una rivista scientifica è uno "studio".

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Posso azzardare una domanda da ignorante? Ma è proprio necessario intervenire per abbassare la febbre? La febbre non è di per se stessa una medicina contro i virus?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma è proprio necessario intervenire per abbassare la febbre?

      No.
      Però (non so se hai mai avuto esperienza) se hai la temperatura molto alta sta malissimo, per febbre si intende una temperatura dai 38 °C in poi, c'è chi non la sente nemmeno e c'è chi è messo male. Una Tachipirina di aiuta a stare meglio. Se poi hai 42 (e più) è anche rischioso ed è bene diminuire la temperatura.

      Elimina
  8. ma non era stato detto che il paracetamolo peggiora la situazione (Mario Negri) ed è meglio utilizzare i FANS? Poi le assicuro per esperienza diretta che se telefoni ad un medico dicendo che sei positiva di dicono di aspettare e prendere la Tachipirina all'occorrenza

    RispondiElimina
  9. non era stato detto che il paracetamolo peggiora la situazione (Mario Negri) ed è meglio utilizzare i FANS?

    "Era stato detto" da un'ipotesi di un gruppo del Mario Negri (con la quale io non sono d'accordo) e non cambia le regole né il decorso della malattia.

    le assicuro per esperienza diretta che se telefoni ad un medico dicendo che sei positiva di dicono di aspettare e prendere la Tachipirina all'occorrenza

    Se si è positivi e asintomatici (o con pochi sintomi) è la cosa più giusta e migliore da fare. Lo ha letto il mio post? È spiegato perché, per aiutare chi non comprende una cosa così ovvia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per rigirare il coltello nella piaga, anche l'evidenza citata da quel gruppo del mario negri per giustificare la teoria del paracetamol dannoso in caso di covid era molto, molto zoppicante.

      Elimina
    2. Evidentemente Sig Angelo, Lei ne sa più di Remuzzi...chissà che H index ha lei...

      Elimina
    3. mai detto di saperne di piu'. ma la bibliografia degli studi del Mario Negri puo' essere consultata da tutti in maniera da farsi una idea, come ho fatto io e a patto di averne le competenze.

      curioso, pensavo che avere un minimo di competenza bastasse a leggere uno studio scientifico ed a criticarlo se necessario. invece scopro che bisogna avere un H index maggiore di quello degli autori. si impara sempre qualcosa.

      Elimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Salvo di Grazia è 0 con sole 2 pubblicazioni su Scopus..

    Salvo Di Grazia NON è un ricercatore, NON fa ricerca e quindi non ha e NON DEVE avere nessun H index né pubblicazioni. Facciamo lo stesso gioco (idiota)?
    Lei, dottor Chirumbolo, quanti interventi chirurgici ha fatto nella sua vita? Io mi avvicino ai 2000. Lei?
    E se la giudicassi come medico dal numero di interventi chirurgici?
    Non le conviene, vero? Beh, perché è una sciocchezza.
    Ecco, la pianti di dire sciocchezze, grazie. :)

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Ora che anche il TAR del Lazio ha sentenziato contro "tachipirina e vigile attesa" dite ancora che è una bufala? Chi ha responsabilità penali venga arrestato e chi raccontato balle pure. https://salute.lazio.it/2022/01/17/tar-lazio-accoglie-ricorso-contro-la-circolare-del-ministero-su-tachipirina-e-vigile-attesa-2/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una decisione giudiziaria non è una decisione scientifica

      Elimina
    2. La realtà non può essere nascosta da media "distratti" (perché dire venduti e conniventi è reato quindi non lo dico e non lo affermo) Ripeto da una parte si dice che "tachipirina e vigile attesa" è una bufala dall'altra un TAR che sentenzia contro "tachipirina e vigile attesa". Qui non c'è niente di scientifico ma di legislativo e se hanno sentenziato lo hanno fatto su qualcosa che è più di una bufala. Chi mente chiederà scusa?

      Elimina
    3. Ovviamente alla luce dei fatti ritengo, e aggiungo giustamente a mio modesto parere, medbunker un sito non più affidabile.

      Elimina
    4. Per onore della cronaca la sentenza del TAR è stata cancellata per decreto ministeriale. Buona democrazia a tutti

      Elimina
  15. Ok,una decisione giudiziaria non è una decisione scientifica (anche se troverei più adatta la parola "verifica", poiché trovo difficile immaginare un contesto pertinente per una "decisione" in ambito scientifico).
    È quindi?
    Un qualcosa che non è una "decisione scientifica" non esiste o è falso?

    Detta con le parole dell'Ansa:

    "Il contenuto della nota ministeriale con la quale, in merito alla gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2, si prevede una "vigilante attesa" e la somministrazione di Fans e Paracetamolo, "si pone in contrasto con l'attività professionale così come demandata al medico nei termini indicati dalla scienza e dalla deontologia professionale". Così il Tar del Lazio in una sentenza con la quale ha accolto un ricorso del Comitato Cura Domiciliare Covid-19. Il Tar annulla la Circolare nella parte in cui prevede la "vigilante attesa" nei primi giorni della malattia e pone indicazioni di non utilizzo di farmaci."

    Ma forse il Tar del Lazio non ha letto ciò che un utente ha descritto: "i link alle due versioni delle linee guida per chiudere ogni discussione e per far cambiare idea a chi si fosse fatto abbindolare in buona fede da uno slogan (Tachipirina e vigile attesa) tanto semplice e diretto quanto falso e fuorviante." è non ha chiuso ogni discussione...

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono benvenuti, ricorda però che discutere significa evitare le polemiche, usare toni civili ed educati, rispettare gli altri commentatori ed il proprietario del blog. Ti invito, prima di commentare, a leggere le regole del blog (qui) in modo da partecipare in maniera costruttiva ed utile. Ricorda inoltre che è proibito inserire link o indicare siti che non hanno base scientifica o consigliare cure mediche. Chi non rispetta queste semplici regole non potrà commentare.
I commenti che non rispettano le regole potranno essere cancellati, anche senza preavviso. Gli utenti che violassero ripetutamente le regole potranno essere esclusi definitivamente dal blog.

Grazie per la comprensione e...buona lettura!