HomeFonte

MATTARELLA E’ COME IL TRUCCO: C’E’ MA NON SI VEDE – IL PRESIDENTE NON HA APERTO BOCCA SULLA SCISSIONE GRILLINA MA HA FATTO PRESENTE AI SUOI INTERLOCUTORI LA DRAMMATICITÀ DI UN'EVENTUALE ROTTURA SULLA POLITICA ESTERA DELL'ITALIA, LE GRAVI RICADUTE CHE AVREBBE AVUTO SUL NOSTRO SISTEMA DI ALLEANZE INTERNAZIONALI – UGO MAGRI: “CHI FREQUENTA IL COLLE ESCLUDE CHE IL PRESIDENTE ABBIA DOVUTO MINACCIARE DI SCIOGLIERE IL PARLAMENTO IN CASO DI CRISI. A TUTTI È CHIARO CHE, SE PER EFFETTO DELLA SCISSIONE PENTASTELLATA DRAGHI DOVESSE CADERE, RICOMPORRE I COCCI SAREBBE IMPOSSIBILE. IL PAESE ROTOLEREBBE ALLE URNE, MAGARI IN AUTUNNO, E MOLTI APPRENDISTI STREGONI SAREBBERO I PRIMI A DOVERSENE PENTIRE…”

-

Condividi questo articolo


luigi di maio sergio mattarella luigi di maio sergio mattarella

Ugo Magri per “la Stampa”

 

Se esistono materie dove per principio un presidente non si intromette, anzi fa bene a tenersene il più lontano possibile, sono le dinamiche interne ai partiti. Figurarsi poi quando si tratta delle faide intestine al Movimento 5 stelle, terreno scivoloso come pochi. Per cui è totalmente certo che Sergio Mattarella abbia evitato di dare giudizi o di formulare pareri in merito alla scissione grillina. Nei molti colloqui che ha avuto in questi giorni, alcuni pubblici e più spesso riservati, ha speso gran parte del suo tempo ad ascoltare senza aprir bocca.

alessandra locatelli con sergio mattarella e giuseppe conte alessandra locatelli con sergio mattarella e giuseppe conte

 

Del resto, le sue preoccupazioni erano altre. L'interesse principale del Quirinale, come testimonia chi è stato in visita lassù, era essenzialmente quello di evitare una crisi della maggioranza e del governo guidato da Mario Draghi. Per giunta non una crisi qualunque, ma nel momento di gran lunga peggiore: con una guerra alle porte dell'Europa, con un quadro economico in netto peggioramento e con una pandemia ancora in grado di rialzare la testa.

 

luigi di maio sergio mattarella 1 luigi di maio sergio mattarella 1

Ciascuno dei protagonisti, a cominciare dal premier, si è assunto le proprie responsabilità. E pure stavolta Mattarella non ha fatto nulla per rubare la scena ai vari leader. Ma nel duro braccio di ferro sulla mozione parlamentare, il capo dello Stato ha doverosamente segnalato ai propri interlocutori la drammaticità di un'eventuale rottura sulla politica estera dell'Italia, le gravi ricadute che avrebbe avuto sul nostro sistema di alleanze internazionali. Quando si è trattato di smussare spigoli, di chiarire incomprensioni, di superare impuntature anche lessicali, Mattarella non ha esitato a metterci del suo.

giuseppe conte sergio mattarella 1 giuseppe conte sergio mattarella 1

 

Chi frequenta il Colle esclude che il presidente abbia dovuto ricorrere alle maniere forti, per esempio minacciando di sciogliere il Parlamento in caso di crisi. Non l'ha fatto, è la spiegazione più accreditata, in quanto sarebbe stato superfluo. A tutti è chiaro che, se per effetto della scissione pentastellata Draghi dovesse cadere, ricomporre i cocci dell'equilibrio politico diventerebbe una missione impossibile. Il Paese rotolerebbe disordinatamente alle urne, magari in autunno, e molti apprendisti stregoni sarebbero i primi a doversene pentire.

 

Condividi questo articolo

politica

“C’E’ UN CALCOLO ECONOMICO DIETRO AL SOGNO IMPERIALE DI PUTIN” – IL POLITOLOGO SLAVOJ ZIZEK RIVELA IL PIANO DELLA RUSSIA: CONTROLLARE L’UCRAINA E ACQUISIRE IL CONTROLLO DEL PASSAGGIO ARTICO A NORD-OVEST (PER QUESTO STESSO MOTIVO TRUMP VOLEVA ACQUISTARE LA GROENLANDIA DALLA DANIMARCA) - "IN QUESTO MODO, LA RUSSIA ASSUMERÀ UNA POSIZIONE PREPONDERANTE NELLA PRODUZIONE DEI GENERI ALIMENTARI, TALE DA PERMETTERLE DI RICATTARE IL MONDO INTERO" – “IL PACIFISMO NON È LA RISPOSTA PER FERMARE PUTIN. SERVONO ARMI”

“SE FOSSI BEPPE GRILLO SCIOGLIEREI IL MOVIMENTO 5 STELLE. UNA BANDA DI PARACULI CHE NON HA PIÙ RAGIONE DI ESISTERE” – MARCELLO VENEZIANI: “PER LUI SAREBBE UN MODO PER SCINDERE LA SUA RESPONSABILITÀ DI LEADER E ORA DI GARANTE DA QUEL CIRCO PENOSO - POTREBBE PERFINO CHIUDERE CON UN COLPO DI TEATRO, DICENDO CHE LA MISSIONE DEI GRILLINI È COMPIUTA E ORA NON HANNO PIÙ RAGION D'ESISTERE: HA DIMOSTRATO CHE DAL NULLA UN MOVIMENTO PUÒ DIVENTARE IL PRIMO PARTITO E ANDARE AL GOVERNO, E HA DIMOSTRATO PURE CHE UN PARTITO DI GOVERNO, PRIMO PER CONSENSI, PUÒ RIDURSI AL NULLA. DAL NULLA AL NULLA, PASSANDO PER IL POTERE. SAREBBE IL VERO RITORNO ALLE ORIGINI”

L’ENNESIMA GIRAVOLTA DI CONTE – IN COLLEGAMENTO CON IL CONVEGNO DEI GIOVANI DI CONFINDUSTRIA, PEPPINIELLO APPULO ORA APRE AL NUCLEARE: “RAGIONEREMO SU QUELLO DI NUOVA GENERAZIONE” – SOLO QUALCHE MESE FA, CONTE AVEVA DETTO “NO” A QUALUNQUE IPOTESI DI NUCLEARE - NON SARÀ FACILE PER LUI CONVINCERE LA BASE DEL M5S, IN GUERRA CON L'IPOTESI NUCLEARE FIN DAI TEMPI DEL REFERENDUM DEL 2011 CHE ABROGÒ LA POSSIBILITÀ DI INSERIRE LE CENTRALI ATOMICHE TRA LE POSSIBILI FONTI DI APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO. ERANO GLI ANNI IN CUI BEPPE GRILLO SI SCAGLIAVA CONTRO I REATTORI…