HomeFonte

I SOLDATI UCRAINI HANNO UNA NUOVA ARMA PER STANARE L'ARMATA RUSSA - UN PROGRAMMATORE ED EX UFFICIALE DI ARTIGLIERIA UCRAINO HA INVENTATO L'APP "UKROP" PER INDIVIDUARE I CARRARMATI RUSSI E ABBATTERLI IN MENO DI 30 SECONDI - IL PROGRAMMA È STATO PARAGONATO A UBER, VISTO CHE SMISTA LE PRIORITÀ E SCEGLIE PER OGNI BERSAGLIO IL PEZZO D'ARTIGLIERIA PIÙ VICINO - I RUSSI HANNO TENTATO DI BLOCCARLA,  MA NON CI SONO RIUSCITI VISTO CHE IL SISTEMA SI APPOGGIA AI SATELLITI STARLINK…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo Daniele Raineri per “la Repubblica”

 

ukrop ukrop

Gli artiglieri ucraini usano una app rivoluzionaria che permette di battere gli artiglieri russi e per farla funzionare si appoggiano sistema satellitare Starlink, che l'imprenditore americano Elon Musk ha offerto all'Ucraina fin dall'inizio della guerra ormai settantotto giorni fa. Si chiama Ukrop e l'ha inventata un programmatore di 34 anni, Yaroslav Sherstyuk, che è anche un ex ufficiale di artiglieria.

 

«Prima la squadra di artiglieri che manovra un cannone aveva bisogno di quindici minuti per identificare il bersaglio e distruggerlo. Con la app il tempo si è ridotto a trenta secondi», dice a Repubblica . […]

 

«Il sistema permette di vedere che cosa sta succedendo sul campo e di elaborare in tempo reale una quantità enorme di dati da molte fonti: dai droni, dagli aerei, da video di sorveglianza e anche dai cittadini, che possono segnalare la posizione dei russi su apposite chat su telegram - ma queste segnalazioni sono verificate. I dati raccolti disegnano rapidamente una mappa in aggiornamento costante del nemico e dei suoi spostamenti sul terreno davanti agli occhi delle squadre di artiglieri, che condividono tutto e quindi sanno anche che cosa stanno facendo le altre squadre dalla loro parte. Il livello di controllo del campo di battaglia è molto più alto rispetto a prima e anche la capacità di correggere il tiro».

 

carri armati russi distrutti carri armati russi distrutti

 La precisione dei colpi sta tra i sei e i venticinque metri, che è come dire che vanno a segno sempre (nessuno vuole stare a venticinque metri da un colpo di artiglieria). Qualcuno ha fatto anche un paragone con Uber, perché il sistema smista le priorità e sceglie per ogni bersaglio il pezzo d'artiglieria più vicino come Uber mette in connessione un cliente con la macchina più vicina.

 

carri armati russi carri armati russi

I russi hanno tentato di bloccare questo programma al primo giorno di guerra e con un attacco hacker di massa hanno messo fuori uso decine di migliaia di modem satellitari Ka-Sat della Viasat - forse questo a febbraio era uno dei motivi della loro sicurezza di vincere in pochi giorni. «Il programma può trasferire dati in molti modi, anche via radio, non soltanto con i modem satellitari, quindi i russi non ci hanno bloccato».

 

ukrop ukrop

Da due settimane, dice Sherstyuk, il sistema funziona grazie a Starlink di Elon Musk perché è una connessione satellitare che i russi non riescono a buttare giù anche se ci provano spesso. E com' è? «Molto veloce».

 

[...] Sherstyuk mostra una schermata sul telefono, è il messaggio di un suo amico che in questo momento combatte dentro all'acciaieria Azovstal di Mariupol e lo ringrazia: «Il vantaggio maggiore è che ogni soldato può chiamare il fuoco e questo li rende sicuri.

 

E quando uno vede sul telefono come è posizionata la sua squadra e dov' è il suo comandante, è sicuro di non essere abbandonato e ciascuno sa dove sono gli altri, cosa vede e dove corre. Ogni singolo soldato può chiamare il fuoco dei cannoni. E quando vede quanto appoggio ha, combatte come un eroe».

carro armato russo distrutto in ucraina carro armato russo distrutto in ucraina carri armati russi carri armati russi ukrop ukrop carro armato russo abbandonato carro armato russo abbandonato carro armato russo carro armato russo carro armato russo distrutto. carro armato russo distrutto. ukrop ukrop

 

Condividi questo articolo

media e tv

LA CANNES DEI GIUSTI - È PIACIUTO AL PUBBLICO DELLA LUMIERE IL NUOVO FILM DEI FRATELLI DARDENNE, "TORI E LOKITA", ANCHE SE NON AGGIUNGE MOLTO DI NUOVO NE' ALLA LORO FILMOGRAFIA NE' AL LORO IMPEGNO SOCIALE - BELLO, SINCERO, CON UN GRAN LAVORO SUGLI ATTORI, MAGNIFICI. MAGARI HA UNA PARTE CENTRALE UN PO' OVVIA, MA VA VISTO SENZA SNOBISMO CINEFILO, CON GLI OCCHI APERTI, PER CAPIRE COSA ACCADE IN EUROPA OLTRE ALLA GUERRA, ALLA PANDEMIA, AL CALCIO E ALLE STRAPPONE SUL TAPPETO ROSSO DI CANNES… - VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute