HomeFonte

“MI SENTIVO UN FALLITO” - ALESSANDRO MAJA, IL 57ENNE DI SAMARATE CHE HA AMMAZZATO LA MOGLIE E LA FIGLIA DI 16 ANNI, ERA OSSESSIONATO DAL PENSIERO DEI SOLDI E DALLA PAURA DEI DEBITI: “MIA MOGLIE SPENDEVA TROPPO E IO NON ERO D'ACCORDO CON IL LAVORO CHE FACEVA. MI SENTIVO RESPONSABILE DI NON POTER GARANTIRE LO STESSO TENORE DI VITA ALLA FAMIGLIA” – DAGLI ACCERTAMENTI NON È EMERSO NULLA CHE POSSA GIUSTIFICARE IL TERRORE DEL DESIGNER PER I SOLDI, MA NON SI ESCLUDE LA POSSIBILITÀ DI UNA VITA PARALLELA…

Condividi questo articolo


Federica Zaniboni per "Il Messaggero"

 

ALESSANDRO MAJA ALESSANDRO MAJA

«Mia moglie spendeva troppo e io non ero d'accordo con il lavoro che faceva». Con queste parole, Alessandro Maja, accusato di aver ammazzato la coniuge e la figlia di 16 anni nella loro villetta a Samarate (Varese), ha risposto ieri alle domande del gip durante l'interrogatorio di garanzia. Secondo il 57enne, infatti, l'attività di vendita di creme svolta da Stefania Pivetta, casalinga, «era una perdita di tempo». E come già emerso dalle testimonianze di amici e conoscenti, lui era tormentato dal pensiero dei soldi e dalla paura dei debiti.

In merito alle ragioni dell'omicidio e dell'aggressione al figlio di 23 anni, che è sopravvissuto ma ancora in gravi condizioni , Maja non si sarebbe espresso. «Mi sentivo un fallito, responsabile di non poter garantire lo stesso tenore di vita alla famiglia», avrebbe detto.

 

alessandro maja alessandro maja

Da quanto si apprende, durante l'interrogatorio non sarebbe stato molto lucido e, come ha spiegato anche il suo legale Enrico Milani, «ha risposto sofferente alle domande, con un forte disagio». Nei giorni scorsi, l'uomo è stato ricoverato nel reparto di psichiatria del S. Gerardo di Monza, motivo per cui l'interrogatorio era stato rinviato.

L'ossessione per il denaro sarebbe stata sviluppata da Maja nel periodo precedente alla Pasqua, poche settimane prima della tragedia. Nonostante dagli accertamenti svolti finora non sia emerso nulla che possa giustificare il terrore del designer per i debiti, gli inquirenti continuerebbero a battere questa pista. Non è da escludere, infatti, la possibilità di una vita parallela del 57enne, almeno a livello economico-finanziario.

la figlia giulia massacrata da alessandro maja la figlia giulia massacrata da alessandro maja

 

LE IPOTESI Si ipotizzano investimenti sbagliati, affari non andati a buon fine, nulla che sia mai stato registrato. Non ci sono dubbi sul fatto che quell'angoscia lo attanagliava, al punto che molte delle liti più recenti con la moglie erano nate proprio dal suo colpevolizzarla per le spese esagerate. Durante l'interrogatorio davanti al gip di Busto Arsizio, avrebbe poi ripercorso alcuni momenti della notte del delitto, avvenuto lo scorso 4 maggio, dopo che i figli erano andati a letto nelle loro stanze e la moglie si era addormentata sul divano.

 

stefania pivetta, moglie di alessandro maja stefania pivetta, moglie di alessandro maja

Lui avrebbe «vagato per la casa» con quel pensiero fisso, per poi colpire Stefania, Giulia e il figlio Nicolò con un martello. A quel punto, servendosi di un trapano avrebbe simulato un tentativo di suicidio che gli aveva procurato soltanto lievi ferite. Ieri sera, a Samarate, l'amministrazione comunale ha organizzato un momento di preghiera rivolto al figlio 23enne. Ricoverato all'ospedale Circolo di Varese con profondissime ferite alla testa, non è da escludere che possa riportare anche danni permanenti.

i genitori di stefania pivetta i genitori di stefania pivetta alessandro maja e la moglie uccisa 2 alessandro maja e la moglie uccisa 2 alessandro maja 1 alessandro maja 1 stefania pivetta 1 stefania pivetta 1 alessandro maja e la moglie uccisa 1 alessandro maja e la moglie uccisa 1 alessandro maja 2 alessandro maja 2 alessandro maja 3 alessandro maja 3 alessandro maja 4 alessandro maja 4 alessandro maja 5 alessandro maja 5 villa alessandro maja villa alessandro maja

 

Condividi questo articolo

media e tv

CUCINIAMOCI LA CUCINOTTA - “DISSI NO A UN FILM CON KEANU REEVES. NEL COPIONE C'ERA UN NUDO E IO CON QUESTO SENO GIGANTE MI SAREI SENTITA A DISAGIO” - A "INDIETRO TUTTA" TRA LE RAGAZZE COCCODÈ E LE CACAO MERAVIGLIAO PER MANTENERE L'ORDINE SEPARARONO I CAMERINI – “I LAUREATI”? A VOLTE MI RIVEDO IN UNA SCENA E DICO: "MIZZICA, COME L'HO RECITATA MALE!" - "IL POSTINO? FU NATHALY CALDONAZZO A RACCOMANDARMI CON TROISI'' – E POI SHARON STONE, WOODY ALLEN E QUELLO SPOT CON DEL PIERO E L’UCCELLINO… - VIDEO

politica

“STUDIA L’INGLESE IGNORANTE! TI DANNO 20.000 € AL MESE PER RAPPRESENTARCI E FARTI CAPIRE!" - CROSETTO- GIARRUSSO, CHE SCAZZO! L’EURO-PARLAMENTARE GRILLINO ATTACCA IL RASPUTIN DELLA MELONI: “GUIDO, IO L’INGLESE LO PARLO. SONO LAUREATO E NON HO TAROCCATO IL MIO CURRICULUM MILLANTANDO UNA LAUREA COME MI RISULTA ABBIA FATTO TU” – LA REPLICA AL VELENO: "ABBIAMO SENTITO TUTTI COME LO PARLI E ORA CI DIVERTIREMO A PARLARE ANCHE DELLA TUA DIFFAMAZIONE: GRAZIE PER LE FERIE CHE MI PAGHERAI"

business

cronache

sport

cafonal

“BASTA CON LA CASTA, I POSTI D’ONORE, LE MANIFESTAZIONI VIP: MA QUELLO IN PRIMA FILA AGLI INTERNAZIONALI È CONTE? AH, ECCO” – IL FEROCE TWEET DI PIROSO SU "GIUSEPPI" CHE NON SI SCHIODA DALLA SEGGIOLA (FORSE PER NON USCIRE DALL’INQUADRATURA DURANTE LA PREMIAZIONE?) – ECCO CHI C’ERA IN TRIBUNA VIP AL CENTRALE – CAZZULLO ESALTA SCHWARTZMAN-ISNER, LA STRANA COPPIA DEL DOPPIO: “NON HANNO MAI VINTO UNO SLAM NÉ MAI LO VINCERANNO: UNO È TROPPO PICCOLO, L'ALTRO È TROPPO LENTO. MA LA LORO STORIA DIMOSTRA CHE…” – LA RISPOSTA DI DJOKOVIC A TSITSIPAS -VIDEO+FOTO BY MEZZELANI

viaggi

salute