HomeFonte

venerdì 22 aprile 2022

La nostra idea della vita è troppo geocentrica - la vita extraterrestre potrebbe essere totalmente diversa

Cosa significa essere vivi? Sorprendentemente, per la scienza non c'è ancora un consenso unanime.

di Alison Koontz

Ad esempio, è corretto dire che il nuovo coronavirus che sta contagiando il mondo è vivo?
La risposta corta è che non esiste alcuna risposta concordata, eppure per una cosa così basilare si potrebbe pensare che la vita sia più semplice da definire.

La prima definizione documentata di Vita nasce nell'antica Grecia. Intorno al 350 a.C. Aristotele postulò che per essere considerata viva, una cosa deve crescere, conservarsi e riprodursi.

D'altra parte, la definizione moderna più conosciuta è probabilmente quella di Carl Sagan, fatta propria dalla NASA, secondo la quale gli esseri viventi devono essere "un sistema chimico autosufficiente capace di evoluzione attraverso la selezione naturale."

Prendiamo ad esempio le grandi scimmie: date le giusto risorse, come cibo e acqua, gli "equipaggiamenti" di una grande scimmia - i suoi organi, il sistema nervoso - si regolano, e consentono alla grande scimmia di operare in quasi tutte le condizioni. Sono anche in grado di evolversi, basta guardarci.
Ma non è l'unica definizione accettata di Vita.
In realtà ci sono oltre100 definizioni pubblicate ...



Le nostre definizioni di Vita si basano su ciò che vediamo sul nostro pianeta

Gran parte del dibattito si riduce al fatto che i vari campi della scienza affrontano l'argomento in modo diverso. Un genetista, che si concentra su organismi conosciuti e sui loro genomi, molto probabilmente avrà una visione diversa su ciò che costituisce la vita rispetto a un astrofisico, che prenderà in considerazione una definizione più ampia e universale.

Ma oltre a ciò, la maggior parte di queste definizioni della vita falliscono in un altro modo, più sottile: si basano tutte sulle origini della vita sul nostro pianeta.

Questo significa che le nostre ipotesi su come appaiono gli alieni senzienti e coscienti riflettono quasi sempre il genere umano. Basta guardare un episodio di Star Trek per rendersene conto: all'umanità piace creare il mondo alla sua immagine, ed è in parte il motivo per cui nella fantascienza e nel genere fantasy molti "alieni" sono molto simili a noi stessi. (Va bene, anche perché è più facile travestire un essere umano da alieno umanoide).


La nostra ricerca della vita extraterrestre potrebbe essere ostacolata dalla nostra concezione che abbiamo di essa - Foto di Dino Reichmuth su Unsplash

Ma molto di come è apparsa la vita sulla Terra ci è ancora sconosciuto.

Esiste ad esempio un acceso dibattito in questo momento sul fatto che il primo materiale genetico sia stato RNA o DNA. Inoltre non sappiamo se la vita sia emersa da quella che una volta era una teoria popolare chiamata "zuppa primordiale", che si pensava fosse una complessa miscela di molecole organiche e inorganiche che coprivano la superficie terrestre miliardi di anni fa. 'anni, o se proveniva dall'energia che fluisce dalle sorgenti idrotermali delle profondità marine.
Tuttavia, per quanto ne sappiamo, ci sono alcuni elementi incontestabili che furono importanti per lo sviluppo della vita sulla Terra, e quindi (assumiamo) per la vita in generale. Questi sono:


1 - Il bisogno di energia. Niente nell'universo può muoversi senza avere modo di ottenere energia. Questa è la prima legge della termodinamica. Nell'uomo, questa energia viene dal metabolismo del cibo.

2 - L'organizzazione in cellule legate alla membrana. Questo in particolare sembra specifico della Terra, perché tutti i nostri organismi viventi sono composti di cellule.

3 - La capacità di memorizzare informazioni genetiche. Sulla Terra, il DNA immagazzina le nostre informazioni genetiche, che servono da modello per lo sviluppo di tutti gli esseri viventi. Sarebbe abbastanza difficile rendere la vita possibile senza uno schema.

4 - La capacità di replicarsi con variazioni. La vita non sarebbe prospera se non è in grado di creare progenie; il mondo finirebbe per essere nuovamente una landa desolata dopo la scomparsa di una solo generazione di organismi. La produzione della discendenza con variazioni risale all'idea dell'evoluzione di Darwin. Essere in grado di evolvere cambia le popolazioni nel tempo, una parte importante per la creazione di nuove forme di vita.

5 - La capacità di crescere e di rispondere agli stimoli. Ciò che distingue un essere umano da un robot è la capacità di sintetizzare le informazioni e utilizzarle per prendere decisioni che ci aiutano nel nostro ambiente. La vita non prospererebbe senza la capacità di apportare cambiamenti, rimarrebbe statica. E le cose statiche raramente sopravvivono.

Un virus possiede tutte le caratteristiche della vita di cui sopra, ma generalmente non è considerato come vivo.

Ma ci sono ancora alcuni problemi. Da un lato, anche usando questi cinque criteri, sulla Terra non tutto può essere tranquillamente classificato come "vivente" o "non vivente". I virus ne sono un classico esempio.

Un virus possiede tutte le caratteristiche della vita di cui sopra: ha bisogno di energia, è legato da una membrana, può immagazzinare informazioni genetiche, cresce e si replica ripetutamente. Tuttavia, i virus stessi non sono generalmente considerati vivi poiché dipendono da altre cellule viventi per replicarsi.
Molti biologi sono irritati da questa definizione ristretta. Una tenia è considerata viva, anche se può riprodursi solo all'interno di un altro organismo vivente. Quindi perché non i virus?

Se la nostra definizione di Vita non funziona nemmeno correttamente con i sistemi che applichiamo per il nostro pianeta, è estremamente probabile che nel vasto universo troveremo dei sistemi che faranno a pezzi quella definizione.

Ad esempio, nella maggior parte delle oltre 100 definizioni della vita ritroviamo la capacità di riprodursi con variazioni - uno dei principi fondamentali dell'evoluzione darwiniana. Ma è perfettamente ragionevole immaginare una vita "sovra-darwiniana", nata da percorsi che non esistono sulla Terra.

La riproduzione con variazioni è un elemento chiave nella nostra definizione di vita - 
Foto di Ben Weber su Unsplash

Supponiamo ad esempio di scoprire un pianeta pieno di alieni talmente evoluti che hanno raggiunto l'immortalità.

La popolazione è rimasta stabile per migliaia di anni, nessuno è nato e nessuno muore - in altre parole, non c'è auto-riproduzione in corso. Non c'è variazione. Tutto è statico. Non c'è evoluzione.

Questa specie aliena sarebbe considerata viva secondo la nostra attuale definizione? E dovrebbe essere così? Naturalmente, questa è una teoria stravagante, ma man mano che impariamo di più sull'immenso universo, questo tipo di domande sarà importante da considerare.

Un altro problema è che benché abbiamo una grande diversità di vita sul nostro pianeta, non potremmo mai ricondurre la vita a una singola origine. A un singolo accumulo casuale di eventi che ha provocato questa prima cellula o questo primo organismo. Ma la ricerca ha riconosciuto che esistono molte biochimiche e biologie alternative che potrebbero derivare dalle condizioni primitive della Terra. Il mondo sarebbe probabilmente molto diverso se, ad esempio, il silicio fosse la base di tutti i composti organici anziché il carbonio, una possibilità teorica.


Perché supponiamo che tutta la vita nell'universo sia persino composta dalla stessa materia di cui siamo fatti noi?

Eppure tutti i test che attualmente utilizziamo per trovare la vita su altri pianeti prendono rigorosamente come norma il nostro sistema basato sul carbonio.

Ad esempio, nel 1976, quando Vichingo I sbarcò per la prima volta su Marte, fu dotato solo di alcuni tipi di strumenti per sondare la vita sul Pianeta Rosso. Uno di questi era una specie di carbonio radio-marcato (carbonio-14), che il robot mescolò con un piccolo campione di terreno marziano. I ricercatori avevano ipotizzato che se esistesse la vita su Marte, avrebbe metabolizzato i campioni radiomarcati e riprodotto biossido di carbonio radiomarcato, così come le forme di vita sulla Terra. Non ha funzionato. Probabilmente non ha funzionato perché non c'è vita su Marte. Ma potrebbe anche essere dovuto al fatto che stavamo testando specificamente la vita che metabolizza il carbonio, proprio come la vita sulla Terra.

Un'ipotesi persino ancora più folle: perché dobbiamo supporre che tutta la vita nell'universo sia costituita dalla nostra stessa materia?

La materia ordinaria costituisce solo una piccolissima frazione dell'energia totale prodotta dalla materia, questo lascia un enorme vuoto nella nostra conoscenza della composizione dell'universo. Il resto dell'energia è costituito dalla misteriosa materia oscura, qualcosa che solo i fisici e i cosmologi di solito trascorrono parecchio tempo a prendere in considerazione.

Potrebbe esserci un intero sistema di vita fatto della materia oscura dell'universo -
(Foto di Daniel Olah su Unsplash) 


E poiché gran parte dell'universo è composto da materia oscura, di cui attualmente non sappiamo molto, potrebbero esserci interazioni e implicazioni di cui non siamo a conoscenza.

Se fosse questo il caso, potrebbe benissimo esistere un intero sistema in grado di produrre vita costituita da materia oscura.

Carl Powell, un famoso autore scientifico, ha anche coniato il termine "sciovinismo della materia chiara" per descrivere l'aristocratica convinzione dell'umanità secondo la quale la materia di cui siamo fatti è l'unica cosa rilevante.

La nostra definizione provvisoria della vita è estremamente imperfetta perché si basa sulle prove limitate che abbiamo di un universo infinitamente grande.

Per quanto ne sappiamo, la Terra è l'unico pianeta "vivente", quindi è ovvio che supponiamo che il nostro percorso di vita sia l'unico. E va benissimo, perché uno dei principali assunti della scienza è che va bene non saperlo, finché si continui a fare domande.

La definizione di vita della NASA è valida, quando viene applicata a ciò che vive sulla Terra. racchiude la maggior parte delle basi. Ma qualsiasi idea della vita applicata agli alieni dovrebbe essere illimitata. Non dovrebbe fare ipotesi su altri sistemi di vita solo perché il nostro sistema ha funzionato. Altrimenti, rischiamo decisamente di passare accanto a molte cose.
L'universo è sconfinato, e quindi anche il concetto che abbiamo di vita "aliena" non dovrebbe avere limiti.

Tradotto da Catherine

Fonte: mufonfrance.com
Fonte originale (in inglese): massivesci.com

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.